stampato su ewriters.it il 24/10/2020 07:55:29

UN VELO DI TRISTEZZA

di fatover, pubblicato giovedì 20 ottobre 2011

Un velo di tristezza lacera i miei occhi stanchi mentre guardo il mare in lontananza, non sento più il suo odore immerso fra il cemento a prosperare chiuso fra quattro mura senza la luce del sole che illumina il mio viso. Sono vecchio un poco trasandato, come quel pescatore in un libro letto da bambino. Non mi sento sulla via dell’estinzione, forse un poco malconcio di vivere prigioniero come una sardina in una scatola di cartone. Ho bisogno di ritornare a vivere a contatto con il mare quell’elemento naturale dove ho vissuto tutta la vita, con la brezza che accarezza i miei capelli oramai bianchi come quelle onde che sono solo un ricordo rinchiuso qui in questo inferno.