stampato su ewriters.it il 30/03/2020 02:28:39

Livia delle maree

di Desmaele, pubblicato venerdì 11 novembre 2005

Hai il sapore di acqua che monta e acqua che recede scoprendo fossili di te sai di risacca ma anche di onda. Sei morbo di liquido sale che si diffonde in spazi di te vuoti. E sei oceano di sabbia onde con vita in prestito dal vento spostate senza volontà a sommergere case vive nel passato. Sei arsura nella tua pelle di terra che non trattiene in te i tuoi desideri. E sei del vento il vortice aria violenta da respirare anemia di ossigeno e intenzione bocconi di respiro da ricordare tuoi. Sei il soffio dell’aria che smuovo con la mia carezza.