stampato su ewriters.it il 27/11/2020 09:47:50

Manchi...

di Liberalibellula, pubblicato venerdì 30 dicembre 2016

Non ci riesco,non ce la faccio.Non ce la faccio a non pensarti,a non pensare alle tue mani, al tuo corpo, alla tua meravigliosa bocca. Mi manchi,mi mancano le mattine con te,svegliarmi con il tuo cazzo appoggiato al mio culo,mi mancano le tue dita che frugavano la mia voglia mi manca la tua lingua sul mio collo, voglio sentirla ancora succhiarmi i capezzoli,leccarmi la figa morbidamente e lentamente,e voglio risentire ancora i brividi quando mi entrava dentro dura, sentirla mentre mi scopa come un cazzo,mi mancano le tue mani su di me, il loro calore, le rivoglio sui mei fianchi, quando mi prendevi e mi sbattevi come piaceva a te ed il mio corpo rispondeva solo alla tua pelle, e a quella maledetta voglia di te. Rivoglio i brividi ,i respiri e i mei gemiti uniti ai tuoi.Mi manca quell'odore di sesso, quella voglia di rifarlo ancora e ancora, voglio sentirlo ancora nella mia bocca, voglio sentire ancora il tuo sapore. E manchi, a me e al mio corpo, alle mie dita, alla mia bocca, alla mia figa.Ti rivoglio dentro, voglio ancora ridere con te, voglio ancora la tua voce calda, voglio te e solo te.E fa male questa mancanza, fa male, toglie il respiro, toglie la mia voglia di ridere, di scrivere di guardare il cielo.Non riesco più a toccarmi senza te, ci ho provato, ma non è lo stesso. A letto, nuda, con la smania di godere, con le lacrime agli occhi perchè tu non sei li a guardarmi e anche se provo ad immaginarti, li in piedi davanti a me con quegli occhi famelici e vogliosi.Ti piaceva prima di scoparmi guardarmi eccitata,mentre entravo dentro la mia figa lucida di voglia, e le mie dita seguivano la tua voce roca, mi mordevo le labbra, inarcavo la schiena,ti guardavo negli occhi, eroticamente divisi da un letto e uniti dalla stessa voglia i sospiri inseguivano i tuoi, sentivo il tuo desiderio accarezzarmi il corpo, tu in piedi a guardarmi, a godermi, eccitante da morire mi ripetevi, risento ancora le tue parole nella mia testa, ancora così ancora, godi, ed io godevo e la mia voglia mi bagnava le dita e solo allora il tuo cazzo duro e caldo mi entrava dentro. Che scopate magnifiche.Ti voglio ancora e tanto e mi odio perchè ti voglio così tanto, perchè manchi, perchè tu e solo tu mi hai capito, perchè sai cosa voglio. Tremo ora,davanti a questo schermo, davanti a queste parole che ti scrivo di getto e non so perchè te le scrivo e nemmeno se le leggerai....