ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 19 giugno 2015
ultima lettura mercoledì 2 ottobre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Diario di una supermamma

di KharaDavis. Letto 315 volte. Dallo scaffale Umoristici

Lo confesso. Essere mamma, a volte è una fregatura enorme. Tipo quando la mia bimba più piccola si sveglia alle tre di notte per un brut...

Lo confesso. Essere mamma, a volte è una fregatura enorme. Tipo quando la mia bimba più piccola si sveglia alle tre di notte per un brutto sogno. Urla. Io mi alzo, intontita, e vado da lei. Sto barcollando, lo so. Ma in qualche modo arrivo vicino al suo lettino. La conforto e si sta per riaddormentare quando la sorellina, di poco più grande, si sveglia. Ha sete. Certo. Voglio dire, io quando ho sete bevo, no?

Le porto dell'acqua, le canto una ninna nanna e me ne vado, convinta che stiano dormendo entrambe. In quel momento però si alza uno dei ragazzi. Anche lui ha sete (ma che hanno tutti quanti stanotte?), solo che per scendere le scale fa tanto di quel rumore che nemmeno l'armata Brancaleone! Le bimbe sono di nuovo sveglie, io barcollo ancora. In qualche modo rimando tutti a letto, ma mentre torno in camera vedo accesa la luce della mia figlia maggiore. Sedici anni e luce accesa in camera alle tre e mezza di notte, non è un'accoppiata che una mamma può far finta di non vedere. Apro la porta: è al telefonino, in chat con non si sa chi. Telefono sequestrato, se non altro fino a domattina o quando avrò smesso di barcollare desiderando ardentemente il letto.

Chi manca? Ah sì, l'altro dei miei ragazzi. Vado a controllare, giusto per accertarmi che almeno lui sia nel letto a dormire. Apro piano la porta.... ma lui in camera non c'è. Il cuore perde un colpo, e improvvisamente non barcollo più. Scendo al piano di sotto.... la luce del salotto è spenta ma filtra il tenue chiarore della tv accesa. Spengo la tv, e lui non reagisce granché bene. Le sue urla di protesta svegliano di nuovo le bimbe, corro su, spedisco tutti a letto e finalmente, alle 4,15 posso tornare dal mio adorato cuscino. Mio marito dorme. I ragazzi dormono. Le bimbe dormono. La ragazza dorme. Il cane dorme.

Io ho gli occhi spalancati. Buonanotte mamma!



Commenti

pubblicato il venerdì 19 giugno 2015
AnnaRossi, ha scritto: nel tuo racconto mi sono immedesimata , sono un super mamma di quattro stupendi figli, e so perfettamente cosa significa alzarsi nel cuore della notte perché ti chiamano ,anche solo per un bicchiere d'acqua...Ciao
pubblicato il lunedì 22 giugno 2015
KharaDavis, ha scritto: Anche tu hai il tuo bel da fare!

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: