ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 1 giugno 2015
ultima lettura mercoledì 15 luglio 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Il sigillo del nostro amore.

di Nits. Letto 601 volte. Dallo scaffale Generico

Se fossi uomo chiederei alla mia donna di sposarmi con grandi gesti da galantuomo,organizzando ogni minimo dettaglio,chiedendo mille consigli sull'anello alle sue amiche,la porterei nel suo posto preferito dopo una cena romantica nel suo ristorante pre.....

Se fossi uomo chiederei alla mia donna di sposarmi con grandi gesti da galantuomo,organizzando ogni minimo dettaglio,chiedendo mille consigli sull'anello alle sue amiche,la porterei nel suo posto preferito dopo una cena romantica nel suo ristorante preferito. La porterei nel luogo che piu ama e facendole chiudere gli occhi le direi di aprirli solo quando avrebbe sentito un botto: aperte le porte della sua anima,gli occhi,avrebbe trovato davanti a se fuochi d'artificio.. ok se fossi in grado di fare cio probabilmente non sarei piu uomo o comunque la cosa sarebbe cosi smielata da fare schifo,ma è il mio modo stereotipato (molto stereotipato) con cui vorrei far felice una donna.

Io invece non voglio sposarmi. Per ideali personali,per i quali credo che quando si fa un contratto quel qualcosa,qualsiasi cosa,ma in questo caso l'amore,diventa un lavoro. Mi sposerei solo da vecchia per avere la soddisfazione di aver la prova materiale ed immortale che anche dopo la mia vita se qualcuno cercasse il mio nome tra i libri o del mio uomo,saprebbe che ci simo amati abbastanza da voler prometterci amore per sempre e da aver passato la vita insieme.

Io,infatto non posso promettere di amarti per sempre,ma solo di amarti ogni giorno,giorno per giorno. Posso prometterti di amarti oggi e forse domani,e domani posso prometerti di amarti forse il giorno dopo. Il mio per sempre va di giorno in giorno,non da oggi al per sempre.

Questi sono i miei ideali e poi c'e una piccola parentesi,che è l'idea di chiamare il mio amore 'compagno'. Compagno,che parola meravigliosa,non è fidanzato,colui che amo,non è marito,colui a cui ho promesso il mio persempre,è compagno: il mio compagno di vita. Che meraviglia. Compagno di vita. Colui che letteralmente ti accompagnera in ogni momento della tua vita,con lui e anche quando non ci sarà. Colui che ti accompagnera per le strade della tua giovinezza,della tua crescita,della tua arrabbiature,dei tuoi viagge e passeggiate in mantagna. Il tuo miglior amico e amante. Il tuo compagno oltre chiumque e qualsiasi cosa.

Se mai dovesse accadere che tu me lo chieda vorrei fosse per un attacco d'amore pazzo com'e il nostro. Tanto che rotto le palle di seguirmi tra le librerie mentre vai a farti un giro nel resto del centro commerciale,mi pensi tra gli scaffali a innamorarmi di un'altro autore anche se tu per me sei l'unico. E allor li,ti viene un lampo di pazzia e fiondandoti in una gioielleria mi prendi un anello pe chiedermi di sposarti. Ma non avrai il coraggio di chiedermelo,perche sai come la penso e lo terrai li da parte,ansioso.

Passeranno le giornate o i mesi e ogni gesto ti fara innamorare sempre piu di me ancora,il mio lavare i piatti versando acqua ovunque,della mia brutta risata,ti innamorerai ancora del mio modo di essere presa dala scrittura,che in quel momento non voglio essere disturbata,ti innamorerai ancor di piu della mia sbadataggine,del mio farmi bella per te,del bruciare anche la pasta,dei miei schizzi,del fumare troppo,dell'arrabbiarmi come non mai. Arriverai al momento di amarmi cosi tanto che ad un certo punto mi troverai cosi bella mentre stiro o lavo i piatti che mi guarderai,ti bloccherai e io ti domanderò se stai meditando sul mondo,scherzosamente.

Tu troppo preso,scapperai via a cercare quell'anello,mentre io ti maledirò perche sento che stai lanciando vestiti ovunque senza sapere il perche,urlando direttamente dalla cucina.

Tu sarai agitato,sudato rosso in viso e con lo sguardo perso,arriverai da me con un sorriso da ebete,domandandoti come hai fatto ad aspettare cosi tanto,come abbia fatto il tuo cuore a non esplodere gia da un pezzo nell'aspettare e ti inginocchierai vicino al lovandino,bagnandoti il ginocchio perche avro fatto acqua per terra. Io li penso che se non sverrò,cominceràa venirmi un attacco di ridarella acuta e tu mi amerai ancor di piu.

Me lo chiederai con la luce delle stelle negli occhi,e il tuo sorriso brillera piu del sole.

Io ti risponderò che ho paura e che non voglio sposarmi,rovinerò tutto il tuo momento magico,ma forse lo sospettavi. Ti abbraccero con i guanti che mi fasciano ancora le mani e ti diro di riportare l'anello inditro,che con quei soldi ci faremo un viaggio bellissimo e di prendere un anello da un sacchetto delle patatine. E ti promettero che se me lo metterai al dito,ti promettero non l'amore eterno,ma ti giurero di amarti ogni giorno. Ogni sinolo giorno,senza paura facendo di ogni giorno il nostro per sempre. Componendo un per sempre di giorno in giorno.

E per me con quell'anello,e con quella promessa sarò tua sposa,non per sempre,ma ogni giorno della vita,diventando compagni di vita di domani,dopodomani e domani ancora.

Il sigillo del nostro amore sta in ogni giorno,nella nostra anima.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: