ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.533 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 48.910.437 volte e commentati 55.652 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 1 giugno 2015
ultima lettura mercoledì 18 luglio 2018

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Apocalypse now: l'orrore delle guerre

di Giulio1970. Letto 489 volte. Dallo scaffale Cinema

Un film sulla guerra del vietnam, si, ma che sconfina e traccia un solco profondo e orrifico sulle azioni dei soldati di ogni nazione e che lega tutti i conflitti e le guerre del mondo. Un film ben fatto con un cast eccezionale.

Uno dei più spettacolari film di guerra di sempre. Uscito per la mitica Zoetrope nel 1979. La guerra viene celebrata e condannata dal regista Ford Coppola per dire a tutti che è “orrore” e rende gli uomini simili alle bestie.

La vicenda in pillole:

Siamo nel 1969. La guerra è al suo culmine e la trama del film è legata al tema “strutturale” della colonna sonora, The End, la fine, scritta e interpretata da Jim Morrison. Una fine che ha un ultima missione da compiere: uccidere con ogni mezzo un ufficiale americano, un tempo considerato un ufficiale modello, prossimo al grado di generale e che ora si è ritirato in territorio neutrale, in Cambogia, a guidare un “esercito” di sudditi che vivono nella foresta e che nella lingua vietnamita venivano semplicemente chiamati selvaggi. Pertanto il film è incentrato sul viaggio-missione per andare a fermare il colonnello W. Kurtz che ormai è impazzito e disertore si è “costruito” il suo esercito e combatte un’altra anomala guerra.

Un film memorabile e spettacolare e anche drammaticamente “realistico”, perche durante le riprese del film si verificarono tanti episodi piuttosto pericolosi.

Tanto per citarne qualcuno. Uno dei primi episodi è legato alla situazione difficile che viveva il governo filippino nella guerra civile contro i ribelli musulmani e in questa circostanza era lo stesso esercito a fornire i mezzi aerei per la troupe.

Le riprese furono funestate anche da altri grandi problemi: i produttori non credevano più nel progetto, i soldi mancavano e il cast e la troupe erano esasperati dalle riprese nelle Filippine, perdendo giorno dopo giorno sempre più il loro entusiasmo. Non da ultimo, la produzione venne inoltre osteggiata dal governo americano poiché la pellicola aveva uno stampo antimilitarista. Il terrore di non ultimare il film ridusse Coppola in uno stato di depressione, durante il quale tentò il suicidio, perse trenta chili di peso e rischiò la separazione dalla moglie Eleanor.

Di contro il film può anche essere ricordato per una delle scene più belle e spettacolari da vedere in un film di guerra: la scena dell’attacco al villaggio vietnamita dove il tenente colonnello Kilgore fa suonare a tutto volume, tramite altoparlanti installati sugli elicotteri, la celeberrima Cavalcata delle Valchirie di Richard Wagner per galvanizzare il morale del suo reparto e spaventare i nemici.

Regia: Francis Ford Coppola

Soggetto: Joseph Conrad – Cuore di tenebra

Principali attori:

Marlon Brando: Walter Kurtz

Martin Sheen: Benjamin Willard

Robert Duvall: William Kilgore

Dennis Hopper: il fotoreporter



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: