ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 23 maggio 2015
ultima lettura giovedì 20 giugno 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

TRASECOLARE

di zero1in2condotta. Letto 218 volte. Dallo scaffale Fantasia

TRASECOLARE   È ancora stupore il ritocco del tempo sulle stagioni e le opere umane, dei tomi sapienti souvenir per le future genti.   M’appare più pendente quel paesino ai piè della montagna, .......

TRASECOLARE

È ancora stupore

il ritocco del tempo

sulle stagioni e le opere umane,

dei tomi sapienti souvenir per le future genti.

M’appare più pendente

quel paesino ai piè della montagna,

uniti scivolano nel comune destino…

e d’un trancio di ponte

resteranno le arcate, oggi superbe,

domani testimoni d’una umanità fallita.

Palafitte immagino profilarsi

fra le querce abbarbicate,

cercano l’aggrappo nella pietra:

terra di terremoti,

di corsi d’acqua nei letti di lava

emersa è dal mare,

dai licheni la vita e le lucciole.

Dal fu trasmigrano di spiriti gli animi,

come trottole

sugli anelli di Saturno

lanciano l’àncora alla Via Lattea,

ove i Bucanieri di Dante*

smerciamo identità,

ma, non sarà più l’infinito;

è memoria universale l’inconscio del mondo,

che la fantasia slaniccia ai Poeti

ricercatori di colori , nel fiume del Niente,

l’iride suprema

in scamuzzoli negli occhi dell’Uomo,

che ancora non sa guardare.

La materia è ormai mucca impazzita

siamo inciampati nel clono,

che arcàdi

rubarono nella grotta delle prove,

ove un padre e una madre

un bimbo

un asino e un bove

avrebbero dovuto inventare l’Amore.

° ° ° °

Dante Alighieri credeva di essere un grande teologo”.

Invece i versi che lo hanno consacrato sono quelli dove, da fiorentino, parla male degli altri toscani,

soprattutto Pisani e Senesi.

Con questi versi è passato alla storia:

“Ahi Pisa, vituperio delle genti | del bel paese là dove 'l sì suona, | poi che i vicini a te punir son lenti, | muovesi la Capraia e la Gorgona, | e faccian siepe ad Arno in su la foce, | sì ch'elli annieghi in te ogne persona!

Se avesse parlato solo del paradiso e dei santi, a ques'ora non se lo ricorderebbe nessuno.”



Commenti

pubblicato il lunedì 25 maggio 2015
zero1in2condotta, ha scritto: Lascio una connotazione, personale: è questa una composizione forse agnostica, financo eccentrica, ma, stabilito che sono ricca di fantasia e non di malesseri esistenziali, certi dejà vu, improvvise "conoscenze" peraltro da me razionalizzate, mi "istigano" ad esprimerle. Fate voi. A me, nel tempo, hanno fondato delle consapevolezze. Come dire, non basta non credere perché sia inesistente una "cosa". Ciao e buona lettura.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: