ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 17 maggio 2015
ultima lettura sabato 7 novembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Racconti di uno Sfigato in Ambito Sentimentale - La Grammar Nazi

di LorenzoBigatti. Letto 493 volte. Dallo scaffale Amore

Dovete sapere una cosa di me, ho parenti che abitano dall’altra parte dell’Italia. Ogni periodo festività cerchiamo di andarli a trovare, anche giusto per staccare la spina. Il Natale di quell’anno non era un’ecce.....

Dovete sapere una cosa di me, ho parenti che abitano dall’altra parte dell’Italia.

Ogni periodo festività cerchiamo di andarli a trovare, anche giusto per staccare la spina. Il Natale di quell’anno non era un’eccezione.

Quell’anno casualmente tramite alcuni amici, ho conosciuto un ragazzo che abitava proprio nei paraggi dei miei parenti. Mi è simpatico, quindi decidiamo di vederci, così almeno avrei smesso di annoiarmi.

Il giorno in cui ci incontriamo portò una sua amica.

Alta sul metro e sessanta, look alternativo curato che non passa inosservato. Uno dei look che in genere mi fa impazzire e lei su di lei ancor di più.

Andiamo tutti e tre a farci un caffè, così da poter chiacchierare un po’… nulla di particolare, la tipa inizia ad interessarmi.

Questo amico in comune ad un certo punto mi fa: C’è un negozio nuovo d’abbigliamento, voglio andare a vedere se hanno qualcosa che mi piace, ho voglia di far acquisti.

L’amica accetta e io, mio malgrado, li seguo, prevedendo la noia mortale che sarebbe comportata.

Come previsto, mi annoio. Potevo capire se fosse stata una bella ragazza, ma dare pareri ad un ragazzo su come si deve vestire non è da me, non mi interessa minimamente.

Nel mentre che questo si provava i pantaloni, io parlavo con la ragazza, ne ero sempre più colpito. Mi interessava, pensavo che mi sarebbe piaciuto rivederla, magari da soli.

Qui accade una cosa inaspettata: mi prende la mano e mi dice: “Seguimi”. Non mi faccio cogliere impreparato e risposto “Ok”.

Usciamo dal negozio e la vedo avvicinarsi a me, mi stavo accorgendo che mi stava per baciare! Io ero di spalle all’ingresso del negozio e lei vedeva la porta.
Ci stavamo avvicinando e Stop. Tutto si ferma. Li per lì non capisco subito cosa accade. Ad un certo punto sento da dietro: <> lì capisco tutto, il mio amico ha avuto proprio un tempismo di merda, maledizione!

Vabbé non mi faccio problemi, chiedo alla ragazza se fosse possibile rivedersi, magari da soli in quei giorni che sarebbero seguiti. Mi dice che l’indomani sarebbe partita per la Francia, i genitori volevano fare Natale a Parigi. Però sarebbe tornata il giorno prima della mia ripartenza.
Poco dopo lei viene chiamata ed è costretta a tornare a casa.
Rimaniamo che ci saremmo sentiti via messaggi. Dalla sera stessa iniziamo a massaggiare e noto una sua ossessione: correggere gli errori del T9. Suoi e miei.

Vabbé, la cosa era fastidiosa ma ci si poteva passar su. Messaggiamo per tutta la sera e quasi il giorno dopo, fin quando mi arriva il messaggio “Sto entrando in Francia. Ci sentiamo quando torna altrimenti pago troppo per il roaming”.

Da quel momento in poi la tipa è sparita. La contatto il giorno che in cui sarebbe dovuta tornare in italia, nessuna risposta. La contatto un paio di giorni dopo idem.
Insomma, non voleva più rivolgermi la parola? Il motivo? Mai scoperto.

L’anno nuovo era iniziato nel migliore dei modi.

La prossima volta vi racconto de :”Ci andiamo a prendere un caffé?”

Saluti,

Lorenzo.



Commenti

pubblicato il domenica 17 maggio 2015
FrancescoCoppola2, ha scritto: Lorenzo, un po' di vita, orsù

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: