ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 3 aprile 2015
ultima lettura giovedì 21 febbraio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Occhi di Lupo (Capitolo 1)

di KuroNeko. Letto 469 volte. Dallo scaffale Fantasia

Dicono che di notte possono succederti le cose peggiori se non fai attenzione... Mi chiamo Chiara, ho 16 anni, ho un nome che non mi piace per niente ...

Dicono che di notte possono succederti le cose peggiori se non fai attenzione... Mi chiamo Chiara, ho 16 anni, ho un nome che non mi piace per niente e le cose peggiori di questo mondo ho già avuto modo di poterle assaggiare e di farle assaggiare io stessa... C'è chi pensa -questa se la tira di brutto, non conosce per niente il lato oscuro di questo mondo- si probabilmente hanno ragione loro mi sto pompando troppo, tralasciando questi piccoli dettagli...
Stasera sono uscita per far visita alla tomba dei miei nonni, come al solito lascio dei fiori nuovi e racconto ciò che mi è successo nelle giornate in cui non sono andata...
Alla fine del racconto guardo come il mio sospiro si vaporizza nell'aria gelida, alzo lo sguardo al cielo e divento sbalordita alla vista... una bellissima luna piena che risplende assieme a tutte le stelle nel mio raggio visivo, mi soffermo a pensare che ogni notte dovrebbe essere così.
Guardo il cell, sono le 23.00, se torno a casa più tardi mia madre mi ammazza, mentre cammino decido ti tagliare la strada prendendo una scorciatoia che entra in un bosco, il sentiero è completamente BUIO, ovviamente sono un idiota che ha paura del buio ma ho ancora più paura della furia di mia madre, quindi sono entrata lo stesso.
Con solo la luce del mio cell. vado avanti passo per passo, lungo il cammino comincio a sentire dei passi in mezzo ai cespugli, incurante continuo a camminare, i passi e i rametti che vengono rotti si fanno sempre più forti e vicini... comincio ad andare nel panico pensando che qualcuno mi seguisse, comincio a correre sentendo ancora tutti quei rumori da spavento, allo stesso tempo adesso mi sento anche osservata e come in ogni situazione da brivido che succede?
Corro -> Inciampo --> Cado---> Mi rialzo, Silenzio totale riesco a sentire solo il mio respiro, mi guardo alle spalle per sicurezza..
-Che cavolo non c'è nessuno! Mi sono spaventata per niente!- una volta detto questo, come rassicurata del fuori pericolo, mi giro e arrivato con un colpo quasi d'infarto, è apparso un lupo.
Sì un lupo e non scherzo.. ma per qualche motivo non mi faceva paura anche se mi ringhiava contro, è splendido... ha un pelo nero con delle sfumature bianche sulle punte che al riflesso della luna sembra quasi brillare, e occhi azzurri tendenti al blu... mi sto perdendo nel suo sguardo, è come se ogni sua occhiata mi trafiggesse letteralmente con delle lame affilate.
Ho i brividi pensando che sono constantemente in pericolo, sono euforica, il suo sguardo mi fà sentire viva come non mai...
Il lupo mi urla contro, sono uscita dalla mia trance e mi accorgo che ha una zampa ferita e non riesce a muoversi bene, con cautela cerco di fasciarla, non sono un esperta di medicina ma volevo fare tutto quello che potevo per aiutarlo...
Sì è maschio, lo so perchè aiutandolo ho lanciato un occhiatina...
Cercavo di non fargli male ma per sbaglio ho appoggiato la mano sulla ferita e di conseguenza mi ha morso il braccio, fa un male cane e lui non molla la presa al contrario stringe sempre di più!
-tranquillo non volevo farti male è stata colpa mia che mi sono lasciata andare!- provo a tranquillizzarlo a parole e infatti allenta un po' la presa ma non si fida ancora di me..
-per favore lascia andare il braccio ormai siamo pari abbiamo tutti e 2 una ferita e se non le curiamo in fretta si infetteranno... - avevo la faccia distorta dal dolore e il lupo sembra che abbia capito ciò che ho detto, finalmente ho il braccio libero ma continua a perdere sangue meglio che torni a casa in fretta a farmi aiutare, ma non posso lasciarlo qui tutto solo...

Sono rimasta con lui finchè non arrivasse qualche suo amico, intanto mi sanguinava sempre di più il braccio e in questa notte gelida di certo non è buono.
Ho sentito un rumore e guardando ho visto un'altro lupo, sono felice per lui e per me possiamo andare a casa senza troppi problemi... mentre guardo il mio nuovo amico andarsene, lo vedo tornare indietro e caccia fuori la lingua come per dire che vuole leccarmi la ferita...
Non ho idea di cosa fare ma vedo che aspetta quindi ho abbassato il braccio e mi ha leccato il morso, sono sbalordita non pensavo che l'avrebbe fatto veramente e in più il sangue ha anche smesso di uscire!

Con tutte le domande su cosa e successo stanotte in testa, prima di entrare in casa mi fascio il morso e lo copro con la manica..
-il sangue si è fermato quindi se lo copro soltanto mamma non si accorgerà di niente!- detto con confidenza entro in casa e ovviamente mi subisco la furia di mia madre ma non mi dava alcuna importanza, continuavo a pensare a quel lupo e al suo sguardo...
-MA INSOMMA MI STAI ASCOLTANDO??!- disse mia madre istericamente..
-voglio incontrarlo di nuovo..- ho detto io..

FINE CAPITOLO 1



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: