ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 14 febbraio 2015
ultima lettura lunedì 11 febbraio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Darkball

di bodyguardofficial. Letto 357 volte. Dallo scaffale Fantascienza

"Glielo giuro, non ricordo nulla.", disse James. Ricapitolando, James era alto 1.80 all'incirca, era un uomo di modesta età, che, no...

"Glielo giuro, non ricordo nulla.", disse James.

Ricapitolando, James era alto 1.80 all'incirca, era un uomo di modesta età, che, nonostante le innumerevoli ore di lavoro non guadagnava abbastanza per saldare i suoi numerosi debiti.
James era solo: suo padre abbandonò loro all'età di 4 anni. La madre invece, in cerca di denaro, dovette vendersi, fino a quando fu uccisa da un suo cliente.

"Biglie nere ?!", chiese il poliziotto, "Mi sta prendendo in giro? Viene qui a dichiararsi colpevole e poi mi dice che non ricorda nulla?".

"Non sono pazzo, le trovo semplicemente in casa, ogni giorno.", rispose James disperato," e ogni giorno vado da quel gioielliere, che mi dà del denaro in cambio, poco dopo sul giornale leggo: gioielli smarriti, e indovina... il valore di quel gioielli equivale alla somma che quella gioielleria mi aveva dato!".

"Signore...",dicendo ciò il poliziotto prese un foglio,"lui è un bravo dottore, potrebbe aiutarla.".

"Lei pensa che io sia pazzo...me ne andrò!".

James uscì, prese la strada per andare a casa, ma poi cambiò idea, voleva fare una vista al cosiddetto gioielliere. La gioielleria però era chiusa, James chiese indicazioni sull'orario, ma nessuno sapeva di cosa stesse parlando.

Lo chiese anche a una signora anziana, fu l'unica a rispondergli. Disse:

"Ragazzo, quella gioielleria non esiste più da quasi un secolo.".

James cadde a terra, spaventato.Quando si svegliò era nel suo letto. Era mattina.

Sul comodino c'era una biglia nera.



Commenti

pubblicato il 14/02/2015 9.54.53
Alchimistabianco, ha scritto: Buongiorno bodyguardofficial, a proposito...che nick intimidatorio! Scherzo, ovviamente. Tornando a noi, il tuo racconto è un poco disarmonico. Vedi, dove James incontra il poliziotto. E perché? E' andato a costituirsi? Lo hanno convocato? C'è passato casualmente davanti? Inoltre trovo l'uso di alcuni oggettivi non pertinente: ad esempio "nonostante le intense ore di lavoro non guadagnava abbastanza per saldare i suoi numerosi debiti..." Intenso si riferisce più alla qualità di una cosa che alla sua quantità. Sarebbe stato meglio scrivere "infinite, innumerevoli oppure semplicemente molte. E poi la trama, qual'è? Cosa c'entra un gioielliere fantasma e pure rapinatore, e perché i soldi li dà proprio a James? E' un poco destrutturato, incompleto anche se, al suo interno si può intendere un seme di buon racconto. Il mio modesto consiglio è quello di espanderlo, di completarlo con dati più salienti, e poi di riproporlo. la fantasia, ripeto, c'è...fanne buon uso. Ciao Al
pubblicato il 14/02/2015 10.04.22
bodyguardofficial, ha scritto: Buongiorno anche a te. Nel racconto originale il poliziotto diceva: "Lei viene qui, si dichiara colpevole e mi dice che non ricorda nulla, mi sta prendendo in giro". Il racconto in origine era una Creepypasta, ma è stata cancellata perchè non rispettava gli standard di quella pagina. Cercherò di modificarlo. Buona giornata a tutti.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: