ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 5 febbraio 2015
ultima lettura mercoledì 15 maggio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Viaggiare stando fermi

di annaiorio92. Letto 439 volte. Dallo scaffale Fantasia

Viaggiare stando fermi: quando un paio di orecchie appuntite e un luogo incantato ci permettono di evadere dal reale per tornarci più decisi di prima.

Soffermiamoci sul senso della parola “voglia” e su quello del termine“sacrificio”. Qualcosa non combacia. Si deve partire dall’ovvio per giungere all’incredibile rivelazione del perché fare o meno una determinata cosa.

Chi di noi non si rifugia di tanto in tanto in un angolo di mente impercettibile ed impenetrabile agli altri? Ognuno necessita di un luogo tutto suo. Il Mondo reale non è abbastanza: è di tutti. Dall’altra parte, però, l’angolo privato della nostra mente è in noi stessi, dunque la fuga non è tale. È solo la continua ricerca di un rifugio intimo e astratto.

Allora arrivano dei vortici di parole incalzanti, belle perfino da vedere, gustose da leggere. Paradisiaca è l’accoglienza che ci donano. C’è chi brama posti incantati, chi vorrebbe imparare lingue obsolete, chi vorrebbe al posto del cane sul tappeto persiano del salotto un elfo domestico che prepara lo spuntino del pomeriggio. Parole d’amore sussurrate durante un temporale, una tempesta di gocce color arcobaleno.

Più ci si immerge, più il tappeto di carta volante ci culla con l’odore d’inchiostro appena poggiato sulle pagine. Pian piano non ci accorgiamo che le situazioni contingenti che ci opprimono si allontanano. Le abbiamo messe da parte proprio noi.

Il particolare meraviglioso è che il viaggio è inconsapevole. Non ci si perde, non occorrono bussole. Eppure, quando si torna indietro, i passi che muoviamo sono più veri e decisi: sboccia un pezzettino nuovo di noi stessi nel Mondo in cui passeggiamo.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: