ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 21 gennaio 2015
ultima lettura mercoledì 19 giugno 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

La MORTE deve essere seducente... se vuole convincere qualcuno a seguirla...

di mariapace2010. Letto 576 volte. Dallo scaffale Fantasia

......................................................... la seduzione della Morte............................ ..

.......

Di un rosso acceso, la forma bizzarra e dai contorni sfaccettati e convulsi, il sasso attrasse subito la sua attenzione: potente nell’immobilità ed inerzia, pareva cosa viva.: Djoser n’era affascinato ed atterrito.
“Quaggiù, la fantasia di Geb non ha limiti. Questa creatura è quanto di più straordinario gli occhi di Djoser abbiano visto mai.” pensò facendo l’atto di tendere una mano.
“Non te lo consiglio, giovane pellegrino. – una voce gli torrenziò sul capo – Non ti consiglio nemmeno di avvicinarti troppo a quella creatura di Geb.”
Il ragazzo si girò.
Una figura completamente immersa in un alone di luce, tale da non poterne distinguere bene i contorni, era ferma sul ciglio del crostone. Djoser respirò febbrile l’aria della notte in fuga e la guardò: quella presenza versava nel suo spirito una calma assoluta, benché lo sguardo gli brillasse come una fiamma.
“L’Esecutore-della-Morte ti starà sicuramente osservando e non aspetta altro per allungare le sue grinfie su di te.”
L’Essere di Luce si avvicinò. La persona era agile e snella, ma si perdeva nell’ombra opaca di una larga tunica di lino grezzo tenuta sulle spalle da strette bretelle. Sull’omero destro era poggiata la candida stola da chery-webb, i sacerdoti del Sapiente Thot.

Che fosse un sacerdote di massimo grado del Signore-dei-Geroglifici, il ragazzo l’aveva capito subito dal rotolo di papiro che quegli stringeva in una mano e dal Bastone Sacro con l’impugnatura a forma di testa di Sacro-Ibis, cui s’appoggiava con l’altra. Anche il suono della voce era particolare: ieratico, sottile e metallico, un po’ come l’eco dello scudo di bronzo che richiamava gli allievi della scuola del Tempio.
“L’Esecutore-della-Morte?” s’allarmò il ragazzo, fissandolo negli occhi; da vicino la sua luce era ancora più radiosa e la faccia quasi abbagliante.
Djoser aveva scrutato a decine, in quei posti, facce, sguardi, fisionomie, ma non aveva mai trovato quell’infinita consapevolezza di sé, quella calma assoluta che differenziava dalle altre la faccia di quell’Anima-akh. I lineamenti erano energici e lo sguardo, profondo e un po’ affossato, era edotto di inimmaginabili conoscenze. Dietro la fronte leggermente prominente, dovevano nascondersi pensieri guidati da una forza d’animo singolare.
“Il suo aspetto inganna, il volto ammalia e gli occhi incantano. In questo momento ti starà osservando, pronto a piombarti addosso, se solo tocchi questa pietra.”
“Io non vedo nessun Esecutore.” replicò speranzoso Djoser.
“E come potresti! Quello si nasconde nel Lago-di-Fuoco per rendersi invisibile e sorprendere l’incauto.”
“Venendo qui non ho visto Laghi-di-Fuoco…”
“Se non risenti del calore che si sprigiona dai suoi numerosi tentacoli di Fuoco-Liquido – lo interruppe l’altro – vuol dire che sei provvisto di magia, ma Rew ed he-kau non bastano. Occorre avere buona confidenza con le debolezze di Demoni e Spiriti-Malvagi – il luminoso fantasma ebbe una pausa che riempì con un sospiro – Oppure con il loro sechem… Sai che cos’é un sechem? – Djioser annuì e l’altro proseguì – E’ la Forza bruta nascosta nel più profondo di un essere vivente. Un tempo era un gioco per me tagliare e riattaccare la testa di un’oca…”
“Djeda! – proruppe il ragazzo sgranando i begli occhi scuri allungati dalla galena e sbattendo ripetutamente le palpebre in quel vezzo, retaggio infantile, di grande stupore e meraviglia – Tu sei il Djeda. Mio padre mi parlava del “Grande di magia”, Djeda di Khenmu, sacerdote di Thot. Mi diceva che perfino Sua Maestà, Khufu, che desiderava ricreare per la sua Piramide le misteriose Cripte di Thot, attinse alle tue conoscenze.”
Djeda ebbe un enigmatico sorriso.
“Senti questo rumore?”
“E’ da quando ho messo piede qui che mi segue come il rumore dei miei stessi passi.”
“Sono le Fornaci di Ptha. Vuoi conoscere la potenza del Signore dal Cranio-Rilucente-e-Calvo? – lo stupì il più grande mago d’Egitto, figgendogli negli occhi uno sguardo che Djoser mai più avrebbe dimenticato – La Volontà Divina si nasconde spesso dietro il Velo della Natura. Seguimi.” aggiunse puntando il bastone in direzione della parete della montagna.
“Io… io… - balbettò Djoser seguendolo - E l’Esecutore”
“Non temere. Non curarti di Lei e seguimi.”
“Lei? – stupì ancora il ragazzo – E’ una donna?”
“Perché questo stupore? – sorrise Djeda – E’ la componente femminile che è in ogni essere creato. L’Esecutore preferisce mostrarsi sotto quella forma. Anche dentro di te, giovane viandante, si nasconde una componente femminile. Non so se sia altrettanto ammaliante… ma non è per scoprire questo che sei qui. Seguimi e se saprai “vedere e ascoltare” – aggiunse, in tono assolutamente misterioso - forse avrai qualche risposta alle tue domande.”

Djoser lo seguì; con lui s’infilò in una larga fenditura della montagna.
Partiva da lì un largo cunicolo abbastanza agevole e in leggera pendenza. Scheggiame sparso per terra e pietrame crollato dalla volta, però, rendevano il percorso disagevole e scivoloso; appuntite sporgenze, dalle pareti e dal basso soffitto, si protendevano fin quasi ad impigliarsi nei capelli.
Procedeva irregolare e tortuoso; si allargava e stringeva, e in certi punti era così stretto, che Djoser temette di dover ripetere l’esperienza del Labirinto.
Da lontano giungevano bisbigli e brontolii e quando cessavano, il silenzio che li sostituiva, risultava più inquietante degli stessi rumori.
Djeda si voltò più volte a guardarlo con espressione d’incoraggiamento; se non fosse stato per l’aura luminosa che emanava dalla sua persona, là sotto ci sarebbe stata la tenebra più oscura. La luce esterna li aveva seguiti per qualche tratto, poi li aveva abbandonati, riassorbita dall’oscurità.
“Ignorala.” disse il mago.
“Che cosa devo ignorare, o Venerabile?” domandò sorpreso il ragazzo, sollevato dalla luce che Djeda emanava con la propria persona e che mostrava le cose nascoste dal buio.
“La paura, causa di ansia e preoccupazione. Mantenersi calmi e allontanarla da sé è il modo migliore per affrontarla. Per liberarsene occorre soltanto non considerarla.”
Djoser rispose con un ”Ohi! Ohi”: la luce di Djeda non impediva ai suoi piedi di battere contro le sporgenze del terreno.
Procedettero per una trentina di passi prima di sbucare in un’ampia grotta il cui soffitto digradava irregolarmente verso il fondo.
“Che caldo!” si lamentò Djoser, guardandosi intorno.
L’arsura era davvero pesante e la fonte di tanto calore pareva provenire da una grossa, frastagliata frattura nella parete, una specie di terrazza affacciata su un precipizio da cui salivano nuvole di fumo e aria rovente.
Spinto dall’innata curiosità, il ragazzo si avvicinò al bordo di quella terrazza per guardare di sotto. Attraverso i fumi del vapore, riuscì a vedere un fiume rosso che scorreva lento, uscendo da una spaccatura; così lento, da non far alcun rumore.
Djoser lo seguì con sguardo atterrito e affascinato.
Una leggera instabilità sotto i piedi e alcuni sassi che si staccarono dall’alto, lo convinsero ad allontanarsi.
“E’ il Lago-di-Fuoco?” domandò.
“No. E’ il Fuoco che alimenta il Lago.”
Il ragazzo fece l’atto di replicare, ma un’esclamazione soffocata gli sfuggì dalle labbra: seduta su una delle sporgenze della frattura, quasi in bilico e vestita di vapori sanguigni, vide una ragazza di dodici o tredici anni di incomparabile bellezza. Seminuda, era coperta solo di un corto perizoma, un pettorale di cuoio e un numero impressionante di gioielli: cavigliere, bracciali, anelli, collari, cinture. Una capigliatura folta e gonfia come una criniera, rossa come il fuoco, rendeva il suo fascino aggressivo.
“Jakhab-hit!” proruppe, senza riuscire a distogliere lo sguardo dal suo volto dalla pelle dorata, su cui fiammeggiavano due occhi di un brillante turchese, fissi su di lui.
“E’ sua figlia!” disse lo Spirito-Akh del mago, scuotendo il capo.
”Sua figlia!” ripeté meccanicamente il ragazzo continuando a fissare l’affascinante creatura, sempre vestita dei bagliori della lava che correva dentro il crepaccio.
“E’ Mes-Jakhab-hit, il Guardiano, figlia amatissima della Signora di questo Pilone. E’ il Messaggero-della-Morte.”
“Le…lei è il Mess… Messaggero-della-Morte?”
“Sconvolgente, vero?... E perché mai? La Morte deve apparire attraente per convincere i mortali a seguirla.”

“E’ bellissima!” bisbigliò Djoser
Aveva dato al Messaggero-della-Morte mille volti: quello dallo sguardo spento di una vecchia, quello selvaggio di un antico guerriero, quello di uno sciacallo dagli occhi roventi, ma mai un volto dai lineamenti così arditi e delicati insieme, soffuso di magico splendore.
Mes-Jachab-hit era bellissima. Di una bellezza insolita: dolce e aggressiva insieme. Il fisico era ancora acerbo, ma aveva la rotondità della più sublime femminilità: piccoli seni turgidi che si sollevavano come due tonde colline, gambe, nervose e snelle che parevano colonne scolpite nel marmo e il ventre che s’affacciava sul perizoma legato ai fianchi come una dolce pianura. La bocca, rossa come la lava, era di velluto e nello sguardo, di fuoco acceso, brillava un pizzico di malizia, un po’ come quello della principessa Nefer, si sorprese a pensare.
“Vieni. – lo invitò lei - Avvicinati.”
“No! - fu l’istintiva risposta del ragazzo, che cercò di sottrarsi al suo sguardo. – Sei qui per me?” domandò.
“Non per la ragione che credi tu, giovane viandante.” sorrise sempre più inquietamente enigmatica il Messaggero, ma nel modo più ammaliante che potesse avere una bocca sorridente.
Un nuovo sussulto sotto i piedi, però, Geb che si stava svegliando e uno sfasciume di lava solidificata, che staccandosi dal soffitto e quasi l’investì, lo tolsero dall’imbarazzo.
Molte schegge giacevano per terra, di varia forma e colore: bianco, verde, rosso, azzurro. Minerali, pensò il ragazzo e tornò a guardare verso il crepaccio: il Messaggero non c’era più ed egli trasse un sospiro: non sapeva se di rammarico o di sollievo.
Per consolarsi si chinò a raccogliere alcuni di quei frammenti. Appena li toccò, però, gli si sbriciolarono fra le dita.
“Non sono creature di Geb?” domandò a Djeda.
“No! Sono creature di Ptha. – spiegò il mago - E’ quaggiù, nel seno di Geb, che arde il Fuoco di Ptha. Sei pronto ad affrontarlo? – Djoser accennò di sì – Allora seguimi.”

(continua)

brano tratto da "DJOSER e i Libri di Thot"

autore. MARIA PACE

editore MONTECOVELLO EDITRICE.....


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: