ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 13 dicembre 2014
ultima lettura giovedì 17 ottobre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

OMAGGIO A SANTA MARIA LA CARITA'

di catellonastro. Letto 583 volte. Dallo scaffale Storia

OMAGGIO A SANTA MARIA LA CARITA' Manco da Santa Maria la Carità da circa settanta anni. Ed i ricordi che tengo di questa ridente ed accoglien...

OMAGGIO A SANTA MARIA LA CARITA'

Manco da Santa Maria la Carità da circa settanta anni. Ed i ricordi che tengo di questa ridente ed accogliente cittadina sono pochi ma di grande valore:almeno per me. Mio nonno Giovanni Nastro, zio Francesco, zio Giulio. zio Mario e zio Raffaele. Delle zie non ricordo il nome. Ma una foto di famiglia, ricavata da un collage non cronologico, campeggia nella mia attuale abitazione in Via Filippo Patella, nel centro storico di Agropoli. Nel mio studio ha trovato adeguata collocazione una statua di San Catello, vescovo e protettore di Castellammare di Stabia, dove nacqui nel lontano 1941, da mia madre Concetta De Simone e mio padre Carmine Nastro, come mio figlio primogenito che, unitamente al fratello minore gestisce alcuni negozi di antiquariato e restauro di mobili antichi. Naturalmente con preferenza al napoletano ed al Luigi Filippo. I ricordi sono ben pochi. Il giardino pieno di alberi da frutta, un arancio bellissimo ed alcuni alberi di cachi piccoli, che il nonno chiamava "lampadine" proprio perché erano piccole come una lampadina ma avevano un gusto oggi oramai perduto. Durante la festa del paese, all'età di sette - otto anni, feci la mia prima esibizione in pubblico. Facevo la propaganda per un forno situato su una carretta trainata da un cavallo, naturalmente parcheggiato altrove, mentre il carretto (detto anche secondo la voce araba, sciarabballo) a mezzo di due pizzaioli sfornava e vendeva diecine di pizze ancora cocenti. Il mio ruolo di attore in erba consisteva di far finta di piangere per avere una pizza. La Seconda guerra mondiale era da poco finita e la gente aveva tanta voglia di riprendere il lavoro normale. Ricordo ancora la bontà dei nonni e degli zii. Tra gli altri ricordi il grosso portone in legno, mia nonna Angelina, donna energica ed orgogliosa. A lei ho dedicato una poesia quasi venti anni fa, nella speranza che la potesse ascoltare in Paradiso. Un altro ricordo bellissimo un lungo viale di platani e pioppi che percorrevo in lunghe passeggiate. Che percorrevo quando ero ospite dai nonni. Dal 1941 al 1951 sono vissuto in vicolo Mantiello a Castellammare di Stabia. Il 21 ottobre del 1951 con la famiglia mi trasferii ad Agropoli, in provincia di Salerno, nel Cilento, dove mio padre impiantò il primo caseificio artigianale del paese. Dopo venti anni, con la laurea in lettere conseguita presso l'Università di Napoli, mi trasferisco a Torino, vado ad abitare nella casa dove visse il poeta Guido Gozzano e lì trascorro gli anni più interessanti della mia vita, operando nel campo della scuola e dell'arte figurativa e dedicandomi alla solidarietà.

Questa è la poesia dedicata a "Nonna Angelina.

***

NONNA ANGIULINA

‘O fatto risale a sittant'anne fa, quanno nascietti,

quanno ‘e bombe pigliavano ‘o posto de' cunfietti,

e ‘a nonna mia paterna, nonna Angiulina,

teneva cinque figli surdate, oltre ‘e cunfine.

‘O bosso mio allora teneva già tre figli piccerilli,

l'urdemo nato ero propeto io, e ne facevo strilli,

e nun sapevo d'a vuerra, quanno sunava ‘a sirena

p'avvisà ca' steveno p'arrivà ‘e bombe a catena.

Ogne matina ‘e notte, ‘a nonna Angiulina,

cumm'à tutte l'ati mamme cu' ‘e figli ‘o fronte,

jeva leggere appena asceva, ‘o bullettino ‘e vuerra.

‘A mamma ca' chiagneva e se speppava ‘a faccia,

aveva letto ‘o nomme d'o marito o d'o figlio tra ‘e dispersi.

E allora pe' disperso s'intendeva ch'era ggià muorto.

Nonna Angiulina tra tutte ‘e mamme ‘e vuerra risperate,

cu' lacreme chiagnute fu cchella cchiù affurtunata.

Tutte ‘e cinche ‘e figlie turnarono d'o' fronte,

accerettene ‘e perucchie co' ddt degli alleati,

se retteno dint'à tinozza ‘na bella rinfrescata,

e dint'à terra lloro se mettettene a faticà.

Forse ‘e lacreme e ‘e preghiere ‘e nonna Angiulina,

arrivarono ‘ncielo fino a Dio, e ‘a Maronna tenette pietà.

Stennimmeve ‘a mano, abbracciateve cu' nu' surriso,

vuje ca' site nati ‘ntiempe ‘e pace, ca' cammisa.

Stennimmece ‘a mano, facimmo in modo ca' nisciuno tace,

criammo n'atu munno: ‘nu munno ‘e pace!!!

Catello Nastro

da "agropolicultura.blogspot.com



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: