ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 9 novembre 2014
ultima lettura sabato 2 marzo 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Il Reame degli Asini Volanti

di MartinPower. Letto 504 volte. Dallo scaffale Fiabe

C'era una volta in un regno molto lontano un'orrenda principessa dal monosopracciglio e con l'alito fognato che un giorno durante la solita passeggiata pomeridiana si imbattè in un uomo che le rivelò essere suo zio, ovvero il fratello mag...

C'era una volta in un regno molto lontano un'orrenda principessa dal monosopracciglio e con l'alito fognato che un giorno durante la solita passeggiata pomeridiana si imbattè in un uomo che le rivelò essere suo zio, ovvero il fratello maggiore del re, egli era stato bandito dal regno perchè accusato di eresia, questo solo perchè aveva affermato di poter costruire un'arma in grado di trasformare le persone in asini volanti, a questo punto dopo aver ingaggiato una lotta mortale con la principessa che si sapeva difendere bene essendo stata campionessa di kung fu da bambina l'uomo riuscì a sconffigerla, così la rapì per poter obbligare il fratello, cioè l'attuale re ad abdicare in suo favore in cambio della salvezza della figlia.
La lettera di riscatto fu recapitata all'indirizzo del re che mandò una squadra speciale composta dai suoi migliori soldati, un nano scaricatore di porto, un elfo amante della cioccolata, un orco effemminato e il loro capitano, un ragazzone muscoloso molto alla moda ex campione di lotta libera e dalla mascella prominente. I quattro a missione compiuta avranno in omaggio il magnifico gioco da tavolo Scemenza, si misero dunque in viaggio ; attraversarono paludi infestate da coccodrilli vestiti da ghostbuster, foreste brulicanti di scimpazè sarcastici ed uffici postali molto affollati fino a raggiungere il bunker costruito interamente in ferro dello zio della principessa, quest'ultimo sicuro di se disse ai nostri eroi da dentro alla costruzione che sarebbe stato impossibile entrare, egli concluse con una risata che si interruppe quando il capitano spalancò la porta del bunker, non era chiusa a chiave, con orrore dipinto sul volto i nostri eroi videro che l'arredamento non si intonava con le pareti ferrose e che le due ragazze non c'erano. Il rapitore si ricompose ed estrasse uno strano apparecchio somigliante ad una pistola, con un ghigno sparò al nano che non facendo in tempo a concludere una bestemmia si ritrovò tramutato in un asino volante, subito subirono la stessa sorte anche l'elfo amante della cioccolata e l'orco effemminato, poi si quel folle si preparò a colpire il capitano tamarro, ma la pistola si inceppò, allora il nostro fiero capitano sguainò la spada e si avventò contro il rapitore che si difese con la pistola scarica, seguì un duello lunghissimo reso strafigho da un mucchio di battute fuori luogo e mosse inutili, si concluse naturalmente con la vittoria del nostro tamarro che prima di ucciderlo si fece rivelare il complotto che lui e la principessa aveveano ordito, il piano prevedeva prima di allontanare i quattro migliori combattenti del regno da palazzo, dove era stata posizionata una bomba che una volta esplosa avrebbe trasformato in asini volanti tutti gli abitanti, poi lui si sarebbe occupato di loro nel bunker ed infine sarebbe scappatto assieme alla principessa in Messico.
Un contadino rozzo va a casa dalla sua fidanzata e le chiede di fare l'amore, essa rifiuta l'offerta dicendo al contadino che si sarebbe concessa solo se gli asini avessero cominciato a volare, in quell'istante alzarono entrambi lo sguardo al cielo e videro proprio un gruppetto di asini che volavano. Il nostro gruppo di eroi per il settantacinque per cento formato da asini volanti arrivarono al castello del re dove tutti erano stati tramutati, da quel giorno il regno divento il Reame degli Asini Volanti.


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: