ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 18 ottobre 2014
ultima lettura lunedì 18 novembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Il Corpo Gemello

di AdventurousTaster. Letto 601 volte. Dallo scaffale Fantasia

Il viaggio del Polilicantropo Multidimensionale per sfuggire alla donna della sua vita.... Ve lo propongo per vedere se vi piace l'idea... Altrimenti torno ai miei raccontini brevissimi.....

Corpo Gemello! L'inizio di tutto

Il polilicantropo multidimensionale mosse i suoi tentacoli multiformi alla ricerca di qualcosa di buono nelle sette dimensioni in cui viveva, spinto dall'ardore che gli veniva dalle sue tre emoglobine bollenti....

I suoi tremendi appetiti erano scatenati da dodici lune piene contemporaneamente e un ululato agghiacciante percorse mondi lontani...

Stavolta però l'ululato agghiacciante stava agghiacciando lui.....

Qualcuna era in caccia...

Il motivo era semplice: l'ultima volta che era entrato nell'iperspazio le posizioni delle costellazioni indicavano il probabile arrivo nella sua vita di una polilicantropa femmina. E lui si sentiva come uno che passa sotto un grattacielo e dall'alto qualcuno urla" Occhio... il pianoforte cadeeeee..." e non ci fosse un bunker antiaereo a portata di mano.

Diciamocela tutta, aveva una paura fottuta...

Era in buona compagnia: tra gli abitanti della Terra, pianeta che lui frequentava di tanto in tanto, sapeva ad esempio che i feroci Vichinghi misero a ferro e fuoco tutta l'Europa per avere una scusa per non tornare a casa dalle vikinghe mogli. Colonizzarono l'Islanda prelevando qualche gentile fanciulla inglese con le buone dopo averle bruciato il villaggio.

Sempre per non tornare a casa. E quel pianeta di queste storie era pieno. Ma lui aveva un problema in più...

Il punto e' che le polilicantrope erano l'animale più avanzato della Galassia nella loro forma adulta, più ancora dei maschi.

Erano bellissime, erotiche, naturalmente pornografiche e nello stesso tempo guerriere, grandi combattenti e cacciatrici... insomma le più toste in tutti i sensi possibili.

Avevano un unico problema: per entrare nell'iperspazio da sole senza essere traghettate da un maschio dovevano raggiungere la loro forma adulta. Per raggiungerla dovevano nutrirsi della carne di un maschio e possibilmente non di uno a caso , non solo per avere le proteine per procreare dei cuccioli, come le mantidi, ma anche perchè il loro RNA non sapeva decifrare tutto il DNA (definito spazzatura dagli ignoranti...) a disposizione della specie, mentre quello dei maschi si. Il questo modo l'animala ( si fa per dire...) più bella della galassia era costretta ad inseguire e cacciare il maschio, cosa che di suo non avrebbe fatto mai, con molte buone possibilità di prenderlo anche.

La cosa ovviamente faceva andare in bestia i maschi che non sopportavano di essere dominati e mangiati dalle loro femmine, e tra tutti, lui. Tra tutti i corpi maschili a disposizione le femmine per tentativi cercavano di trovarne uno: il corpo gemello. Non aveva nulla di particolare rispetto agli altri se non il fatto che era quello in grado di decifrare proprio tutto il DNA di una data femmina e che permetteva quindi a quella femmina di evolversi continuamente e di entrare anche lei nell'iperspazio da sola.

Per loro fortuna e selezione naturale i maschi erano diventati come le lucertole e se le parti mangiate non erano troppo vitali ricrescevano dopo un pò.... solo che avere tre file di denti acuminati e taglienti come rasoi che ti staccano una spalla non era una sensazione che uno può provare tutti i giorni...

Le femmine di solito trovato un maschio abbastanza adatto usavano la prima tecnica che usano le donne di ogni specie il porn for food ma dato che il tentacolo maschile era più lungo dei tentacoli femminili non bastava per trattenerlo a lungo.

Bisognava agganciarlo per bene con i tentacoli da cattura.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: