ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 16 ottobre 2014
ultima lettura sabato 30 maggio 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Where is my mind?

di tatina300. Letto 680 volte. Dallo scaffale Sogni

CAPITOLO 32: Fummo svegliati dall'odore di carne fresca, o carne morta..dipende dai punti di vista insomma. La moglie di Fergus aveva appena ucciso un altro coniglio per la colazione, poveri animaletti cosi indifesi e dolci dovevano far quella fine per...

CAPITOLO 32: Fummo svegliati dall'odore di carne fresca, o carne morta..dipende dai punti di vista insomma. La moglie di Fergus aveva appena ucciso un altro coniglio per la colazione, poveri animaletti cosi indifesi e dolci dovevano far quella fine per cibare un altra famiglia a caso di volpi, è strano che una civiltà come la nostra faccia ancora questi genocidi e pure la tecnologia biologica esiste, se fossi uno scienziato inventerei un modo per clonare questi animaletti, forse meno famiglie verrebbero uccise e tanti piccoli avrebbero un futuro, e per futuro intendo vivere nei boschi e non nella pancia di un orso o una volpe. Purtroppo anche quella mattina non potetti rifiutare quel pasto nonostante non mi piacesse sarebbe stato ottimo per iniziare la giornata, Emily non era tanto daccordo sul mangiare animaletti del genere, insomma gli andava bene il pollo, la mucca ma il coniglio non lo sopportava, per lei era come mangiare un gatto e onestamente forse questa era una delle poche volte che avesse ragione. Dopo aver consumato la giusta dose di porzione a base di coniglio squaiato alla griglia Fergus ci portò fuori dalla sua tana e ci chiese di aspettare pochi minuti li magari voleva stare un pò solo con la sua famiglia prima di salutarli e intraprendere la nostra avventura. Nel frattempo dietro un cespuglio notai qualcosa che si muoveva in modo buffo da far agitare tutte le foglie. Feci notare a Emily la strana creatura e avvicinandoci con cautela notammo che era un piccolo riccio dal manto color champagne.

-Oh ma che carino che sei!. Disse Emily con la classica vocina dolce che si fa quando si vede un bambino piccolo o un cucciolo.

- ti hanno rotto le corde vocali mia cara? Disse simpaticamente il riccio.

- oddio ma anche tu parli!

- hahahah che novità!, aggiunse Melany.

- hei scusa ma non sono ancora abituata a vivere in un posto strambo come questo, mi pare di stare nel cartone di Alice nel paese delle meraviglie!

- e io chi sarei il bianconiglio? Disse il riccio ridacchiando.

- pensavo fosse un riccio Melany..

- oddio certo che sono un riccio! lascia che mi presenti mi chiamo mago seur Spillo.. ma per voi fanciulle posso essere solo Spillo.

- ma tu sei davvero quel mago che tutti ne parlano allora!

- mah non pensavo di aver tutti questi fan ma ok, si sono io!

- e puoi aiutarci?

- mie care signore sto andando nella mia dimora ora..prendere un appuntamento e vedremo!

- e come lo prendiamo un appuntamento?

- mmh vediamo un pò..

Nel frattempo uscì dalla tana Fergus che appena vide il riccio gli andò in contro abbracciandolo, già fu strano anche per me..non pensavo che gli aculei non provocassero dolore mi dissi tra me e me. I due animaletti per fortuna si conoscevano già da tempo e fu più semplice per noi organizzare un appuntamento nel suo studio magico. Proseguimmo quindi sulla strada del tappeto blu fin ad arrivare in una piccola grotta dove viveva il riccio, ma purtroppo non ci fu facile entrare poichè la sua tana era a misura di riccio. Cosi Spillo entrò per primo nella sua tana e dopo un pò di frastuono lo sentimmo arrivare con una boccetta tra le mani con all'interno un liquido viola.

-Oddio vuole trasformarci tutti in melenzane viola e mangirci!, Disse sorridente Melany mentre gli altri risero alla sua battuta.

- Mie cara fanciulle tranquille, voglio solo che bevete questo elisir che vi permetterà per mezz'ora di trasformarvi in riccio come me poi ritornerete normali.

- io aspetterò qui fuori. Disse Emily mentre sua sorella aveva già bevuto fin l'ultima goccia quel liquido caldo e amaro che gli aveva dato il riccio.

Dopo pochi istanti Melany neanche se ne accorse che le sue mani erano zampe, i suoi capelli aculei rossi e il suo naso era un dolce musetto nero. Entrarono nella tana mentre Emily aspettò fuori. Una volta dentro capirono davvero di essere in una tana di un vecchio stregone o qualcosa di simile, si accomodarono su dei cuscini posti sul pavimento, la tegliera fischiò dopo pochi secondi e riuscirono a sorseggiare dell'ottimo thè alle erbe, era caldo e fumante, infatti lo sorseggiammo con attenzione a non scottarci, sulle pareti cerano libri di ogni genere, dalla magia all'occulto fino alle cose più banali come ricette culinarie e ogni specie di animale. su un tavolino non lontano dai nostri cuscini invece posava il teschio di una volpe, quando Fergus lo vide gli vennero i brividi, ma Spillo ci rassicurò subito dicendoci che era fatto di pan di zenzero e che era commestibile, infatti subito ce ne offrì un pezzetto e infatti era davvero squisito. Raccontammo subito a Spillo il motivo del nostro incontro e lui pensieroso e forse spaventato decise di aiutarci, ma prima ci fece promettere di non trascinarlo in quella assurda missione.
- Ecco prendete questa boccetta, converte le piante da marce a fresche, so che lei non è una pianta..ma se con poche gocce funziona su una foglia..forse tutta la boccetta sui suoi capelli funzionerà.
- quella boccetta quindi la farà adolcire!
- esatto piccola porcaspina! e spero che gli farà ricordare chi è veramente.
- non credi che se ne producessi di più potremmo lanciarlo su tutti i suoi seguaci?
- beh potreste provarci..ma non ne ho grosse quantità! e per crearne altre mi servirebbero alcuni ingriedienti che non ho.
- ad esempio quali? io e Fergus potremmo trovarli non trovi?
- beh si si ma è difficile come missione! e non credo che voi ne sareste capaci..
- dai non fare il porcospino e dicci tutto!. Disse Melany entusiasta della nuova missione.
- beh il piano è questo: dovreste arrampicarvi fin il castello di Ohohoh e avvelenare il guardiano del castello, dopo di che estirpargli il fegato.
- beh siamo in tre non mi pare difficile come missione..
-vorrei fare una piccola osservazione milady: il guardiano che dice spillo è un drago! come pensi che possiamo uccidere un drago?
- un drago?
- beh si piccola spilla!
- mah mah..beh in un modo ci riusciremo!
-bene allora vi darò gli accessori giusti per sconfigerlo!
Spillo ando in un altra stanza a preparare una piccola bisaccia mentre Fergus fulminò Melany con lo sguardo.
- tu credi che una sciabola e una provetta possono uccidere un drago? sei pazza!
- beh è per questo che sono qui mio caro Fergus! e poi quelle sono parole di Emily!
- già tua sorella..chi glielo dice ora che usciremo di qui?
- non glielo diremo!
L'effetto del siero non era ancora svanito quando uscirono dalla tana di Spillo cosi Emily prese in spalla sua sorella e iniziarono a camminare verso il tappeto blu..ops volevo dire il castello di Ohohoh!.
Pub.one 16ottobre2014
Firmato TATINA300


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: