ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 16 ottobre 2014
ultima lettura sabato 16 febbraio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Where is my mind?

di tatina300. Letto 620 volte. Dallo scaffale Sogni

CAPITOLO 31: A pochi miglia da li qualcosa era sprofondato nel terreno, una voragine di sabbia si era appena formata in quelle dune lisce del deserto e pure nessuno aveva sentito quel botto, solo Marcelline e Gunther forse potevano averlo udito, ma era...

CAPITOLO 31: A pochi miglia da li qualcosa era sprofondato nel terreno, una voragine di sabbia si era appena formata in quelle dune lisce del deserto e pure nessuno aveva sentito quel botto, solo Marcelline e Gunther forse potevano averlo udito, ma erano troppo impegnati per importansene cosi continuarono ad amoreggiare in quella notte stellata, tutto era perfetto e di sicuro non sarebbe stato un rumore a rovinare la loro notte d'amore. Continuarono a toccare i loro corpi, a scambiarsi la propria saliva, a sentire i loro gemiti mentre non molto lontano da li qualcosa stava accadendo. Una navicella a forma di zeppling di metallo color bronzo si era schiantato li vicino, aveva pochi oblò ma dall'esterno non si riusciva a intuire di chi o cosa si trattasse, ma ovviamente capirete che era una delle navicelle di guardia dei Volanti. Alcuni pannelli di controllo erano fulminati e il motore dopo lo schianto era danneggiato, l'unica cosa che si salvava era l'elica di emergenza ma comunque non sarebbe stato sufficiente decollare con una sola elica. Il portellone principale si aprì emanando una luce florescente con un raggio di quasi un miglio che illuminò il terreno sottostante, da quella porta avanzarono 5 mostri che scesero giù a terra, alcuni erano feriti con qualche graffio altri erano intatti, 2 mostri iniziarono a ispezionare il luogo mentre gli altri cercavano di farsi luce e di risolvere il problema del motore. Il loro capo invece cercava di richiamare alla base per avere dei soccorsi.
- CAPTAIN VICTOR WHO al rapporto...
- shhshhshh Captain victor who ci sono!
- abbiamo avuto un disturbo e siamo precipitati.
- dare cordinate prego..
- non ho cordinate..ma siamo nel deserto dello scompiglio!
- richiesta fallita!
- ma come?
- se non completate la missione non avrete soccorsi..
- missione annullata captain!
- non è un problema mio! missione in corso... buona fortuna! passo..
Il capitano che dirigeva la missione di trovare i due umanoidi decise di non soccorrere i suoi soldati finchè non avessero portato al termine la loro missione, ma stando li nel deserto senza un mezzo di trasporto ne cibo sarebbe stato molto difficile portarla a termine. Nel frattempo il sergente Kik capo di quei mostri stava cercando una soluzione sia per lui che per i suoi uomini..anzi mostri.
- chiamo a rapporto tutte le reclute!
- eccoci sergente Kik!. Dissero in coro i soldati.
- ho appena parlato con il nostro Captain Victor Who, ci ha informati che i fuggitivi si trovano nei paraggi quindi sarà meglio agire subito e trovarli, appena li troveremo non li dobbiamo uccidere ma portarli via con noi vivi cosi poi ci manderanno una navetta di salvataggio, tutto chiaro?
- si signor si! .Risposero in coro.
- bene allora armatevi che partiamo subito!
Il sergente Kik ruppe le righe e risali su la navicella per procurarsi le pistole a raggio laser, un solo colpo e avrebbe sterminato tutte le cellule che componevano quella parte del corpo. Fin ad oggi il sergente nonostante avesse pochi anni di carriera lo aveva usato solo poche volte, e molte di più nelle esercitazioni, ma questo non vuol dire che non era pronto ad uccidere o a mutilare.
-Gunther svegliati! sento qualcosa che non va..
- oddio di nuovo! e ora che c'è?
- ascolta..sento dei passi in lontananza.
- sarà qualche animale dai ritorna a dormire..ho già dato stasera..
- uff sei il solito porco! su muoviti dobbiamo andar via!
In lontananza si intravederono quei mostri avanzare verso di loro, finchè uno di loro non li vide e avvertì la truppa e avanzarono il passo saltando come veri Volanti, essi indossavano anche tute speciali nere e blu con delle grosse ali per planare dietro la schiena. In pochi secondi avevano raggiunto i ragazzi, pochi centinaia di metri li dividevano da quegli esseri. Marcelline prese per la camicia Gunther che era ancora sonnolente e lo fece sedere dietro di lei sulla moto, tolse il cavalletto e spinse il pulsante dell'accelleratore a tutto gas sfrecciando via nonostante quella era la prima volta che guidasse una moto del genere. Gunther si strinse forte a lei, ebbe un pò di paura vista la guida inesperta di Marcelline, poi prese confidenza e impugnò le sue mitragliette, si girò di spalle e iniziò a focalizzare i 5 bersagli, prima di iniziare una scarica di proiettili a raffica contro di loro. All'inizio non colpi nessuno ma quei mostri non si arresero e risposero subito a tono con le loro armi ipertecnologiche, ma anche esse fallirono, era difficile sparare in corsa ma sopratutto al buio totale della notte. Uno di loro si avvicinò cosi tanto alla moto che quasi riuscì ad attaccarsi alla ruota posteriore ma Gunther gli servì subito un colpo in mezzo alla fronte, altri due volarono davanti alla moto ma Marcelline con uno slarom riuscì a metterne sotto uno trascinandosi anche l'altro in modo che la moto fece un salto lungo verso un altro mostro abbattendolo a terra, mentre essa continuò a correre verso la fine del deserto. Ora l'ultimo rimasto era proprio il sergente Kik che non perse tempo ad attaccare con i suoi denti aguzzi, rimase impigliato nella ruota facendo sbandare la moto, Marcelline quasi stava per perdere il controllo ma poi estrasse la sua balestra e lo colpi subito in un occhio cosi anche lui si lasciò andare e rotolò via tra le dune del deserto. La moto aveva subito un danno alla ruota ma Marcelline decise di non fermarsi, almeno non li, ma in un posto più sicuro per fare una bucatura. Continuarono il loro viaggio ancora per una diecina di chilomentri finchè non trovarono un motel proprio fuori il deserto, sembrava un pò bizzarro trovarlo cosi proprio all'uscita di un deserto isolato, non si capiva il perchè e come potesse avere clienti un motel del genere ma poichè c'era anche una stazione di servizio decisero di fermarsi magari avrebbero trovato anche un pò di benzina che come già detto di quel periodo scarseggiava.
Pub.one 16ottobre2014
Firmato TATINA300


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: