ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 6 ottobre 2014
ultima lettura domenica 17 febbraio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

VERSI VOLGARI

di DOMENICO DE FERRARO. Letto 288 volte. Dallo scaffale Viaggi

0 0 1 338 1931 Privato 16 4 2265 14.0 Normal 0 14 false false false IT JA X-NONE ...

VERSI VOLGARI

Intorno ad un idea elevando l'immemore dire nelle forme immaginarie che precedono il concetto puro ,oltre l'usato dire in un magico viaggio nascosto in qualcosa d'irreale portando a spasso pene , sortilegi , generando pastrocchi, inseguendo ,iella ,scavalcando la malvagità altrui davanti all'indomani. Nell'incerto dire travolto da infausti eventi ,arravugliato in mille parolacce , aspettando ogni cosa divenga una perpetua gioia in questo dubbio , in questo incantesimo intessuto nella propria esistenza una nebbia giallognola colora il passato , oscura la strada del ritorno. Combattendo lignoranza ,ferita pendula sul davanzale del chierico . Strigniuto ad una concezione pragmatica in viaggio verso un nuova realtà in fila come tanti altri pronto a far parte di questo inferno. Spizziachianne , rappando ,zignanne una nuova canzone sopra un palco , addobbato a festa , sotto la luna questo morto coltiva lotte su lotte e non riesce a prendere nessun numero a lotto. Stordito, incapricciato, circuito un poco arraggiato , studiando lo modo per dire due parole bone, lipide, sagace che sanno ridere e raccontare quello che non si sape ,quello che non fa una piega. Inciuciando in compagnia di una chiattone con le pezze dietro i calzoni , stirinicchiato dentro a un pertuso , straziato mezzo fatto all'una e notte ti presenti sotto il balcone di Margherita. Sconvolto , attaccato ad un mandolino , arragiunando dentro questi occhi io ti rivedo a combattere i tanti problemi irrisolti . Forse morto, tutti avrebbero fatto festa , avrebbero chiamato il parrocchiano gli avrebbero fatto cantare il te deum, per tutte le anime dello purgatorio . Ammartenato , ubriaco , tracciare ora una linea retta tra questa vita e questa sciorta di uomo che vaga sorridendo solo in questo inferno metropolitano. Con tutto quello che è stato ,sarà oltre lignominia, la caccia alle streghe alla disgustosa e tipica cazzimma insita in chi si crede dessere chi sa chi . Girare langolo e correre fino in riva al mare, fin dentro i tuoi sogni di uomo libero. Oltre questo quartiere, oltre questa chiesa, oltre questo potere occulto, oltre e forse dentro la stessa morte il mio cuore continua a palpitare ed amare.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: