ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 6 ottobre 2014
ultima lettura mercoledì 30 settembre 2020

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

Senza Tanti Complimenti!

di isterni. Letto 4330 volte. Dallo scaffale Eros

Era un sabato fine luglio: in città c'era un caldo atroce! Grazia sarebbe potuta benissimo andare al mare, ma non voleva lasciare da solo in città suo marito Loris. Lui la manteneva a casa con tutti gli agi, senza che lei lavorasse, e Gra...

Era un sabato fine luglio: in città c'era un caldo atroce! Grazia sarebbe potuta benissimo andare al mare, ma non voleva lasciare da solo in città suo marito Loris. Lui la manteneva a casa con tutti gli agi, senza che lei lavorasse, e Grazia si sentiva in dovere di stargli vicino soprattutto nel loro letto coniugale: per questo aveva rinunciato alla vacanza. Era anche per combattere il caldo che lei si vestiva sempre pochissimo, ma provava anche un gran piacere, quando notava gli sguardi vogliosi che le rivolgevano quasi tutti i maschi a cui passava davanti. A volte era uscita di casa vestita in maniera troppo indecente: era incedente che una signora, non più giovanissima come lei, uscisse per strada con uno straccetto estivo troppo stretto, cortissimo, scollato, che le lasciava la schiena nuda fino alle natiche, e senza reggiseno. Non si porta il reggiseno con la schiena nuda!
Grazia non era più una ragazzina, ma le sue forme di donna adulta al culmine della sua magnifica fioritura facevano sempre un certo effetto ai maschi! Vestita in quel modo, non era raro che le fischiassero dietro e a lei non dispiaceva affatto! Era bionda, fin troppo vistosa, sempre molto curata, sapeva truccarsi benissimo, aveva un seno di misura 5 abbondante ancora sodo e prepotente, un bel viso e una bella figura.
Quel giorno le avevano fischiato dietro più del solito e un gruppo di ragazzi la aveva pure seguita. Lei era rientrata in casa agitata e un po' troppo su di giri. Aveva una gran voglia di fare l'amore! Si accorse con una certa contrarietà che suo marito non era in casa: _ Questi maschi, quando hai bisogno di loro, non ci sono mai!!!_ Pensò tra sé con una punta di stizza, poi indugiò pigramente sulla idea di "fare da sola", ma aveva troppa voglia di sentire la foga del maschio ... Decise di aspettare suo marito. Intanto però voleva farsi trovare conciata in modo tale che lui, appena la vedeva, le saltasse addosso!
Si tolse tutto a esclusione del perizoma, ma tenne addosso i sandalini rossi col tacco alto che valorizzavano la linea delle sue gambe. Si osservò soddisfatta allo specchio e pensò con un sorriso: _ Quando mi vede così, mio marito mi massacra!_ Se lo era appena detto che sentì la porta di casa che si apriva: era suo marito che rientrava. Lo salutò con studiata indifferenza, ma si mosse sculettando in modo esagerato. Lui era molto accaldato: la guardò con un certo interesse, ma non con il desiderio animalesco che lei si aspettava. Le disse solamente: _ Sei sempre una gran bella donna, Grazia! Sto morendo di caldo: faccio una doccia per sentirmi un po' meglio._ Non sarà difficile capire la cocente delusione che provò sua moglie!
Loris si chiuse in bagno e lei rimase lì come una scema! Sentì la porta di ingresso che sbatacchiava:_ Quell'incapace di mio marito non ha nemmeno chiuso bene la porta di casa!_ disse con un po' di malumore e si diresse in ingresso per chiudere la porta. Non solo la trovò spalancata, ma si trovò di fronte a uno del condominio che passava per le scale, e lei era praticamente nuda!
Si trattava di Dino, lei lo conosceva solo di vista: era un uomo robusto sui 45 anni, molto muscoloso e un po' troppo in carne. Un maschio poderoso insomma e dall'aria fin troppo decisa. L'uomo la vide e gli si indurì subito il cazzo: la signora Sterni quasi nuda sulla porta di casa! Per lui era un invito, un'occasione da non perdere! Si accorse appena che quell' appetitosa signora era imbarazzatissima dal fatto che lui la avesse sorpresa in una tenuta tanto sconveniente! Del resto che importanza aveva? Era stata lei a provocarlo esibendosi nuda o quasi davanti a lui! Pensò che lei non aveva alcun diritto di fare la preziosa, dopo avergli mostrato tutto quel ben di dio!!! Senza indugiare oltre, il maschio arrapato si avvicinò alla bella donna che nella confusione del momento era rimasta passivamente immobile. Dino le entrò in casa senza darle nemmeno il tempo di chiudere la porta, poi la spinse contro una parete.
Grazia rimase un attimo interdetta, poi si riscosse e cercò di fermare il maschio che aveva evidentemente delle inverosimili pretese erotiche nei suoi confronti. Si giustificò ansiosamente con Dino spiegandogli che era tutto un malinteso: la aveva sorpresa quasi nuda per un puro caso, ma non era certo un invito, non era assolutamente sua intenzione lasciarsi sedurre! _C'è anche la porta ancora tutta aperta!!!_ si lamentò vivacemente Grazia preoccupata del fatto che qualcuno poteva passare e vederla tra le braccia di un uomo che non era suo marito così poco vestita!
_ Non fare storie e mi sbrigo in un attimo!!!_ la zittì Dino con tale strafottente tracotanza che la fece davvero inviperire! Cosa si era messo in mente quel grossolano maiale? C'erano decine di uomini di successo che le sbavavano dietro , la trattavano con mille riguardi e le facevano regali costosi solo per portarla fuori a cena! E lui pensava di farsela sbrigativamente contro un muro senza dirle nemmeno una parola! Poi Dino abbassò i calzoncini corti con l'elastico che indossava e le mostrò il suo randello virile ... lei lo guardò con una punta di curiosità ... poi si lasciò sfuggire un OOOOOOOOHHH di scandalizzata meraviglia: quell'uomo aveva un cazzo tutto storto e nodoso come lei non aveva mai visto. Sembrava quello di un animale!
Grazia aveva sentito dire che i maiali hanno il cazzo che gira a spirale come un cavatappi e la cosa la aveva sempre molto incuriosita. Quel maschio insolente e così deciso aveva un cazzo storto quasi quanto quello di un maiale e la cosa la riempiva di uno strano timore misto a una morbosa curiosità. _ Adesso mi monta con quel suo cazzo tutto storto come se fossi una giumenta, e me lo gira senza riguardi dentro la vagina fino a che non gode!_ pensò in preda allo scoramento sentendosi già preda di quel maschio a cui in situazioni normali non si sarebbe mai concessa. Ormai lei non pensava neanche più alla porta spalancata e al fatto che potessero vederla mentre copulava. Era solo ansiosa di fare quell'esperienza animalesca e di sentire quel cazzo tutto storto dentro di sé. Però non voleva che lui capisse che lei era consenziente e magari si vantasse in giro, sputtanandola con tutto il palazzo! Protestò ancora con poca convinzione, come se cercasse di rifiutarsi al suo amplesso, ma fortunatamente lui non le dette retta!
Dino le scostò le mutandine e la penetrò immediatamente: Grazia era bagnata fradicia, il membro del suo seduttore le scivolò dentro senza il minimo sforzo!!! Fu una cosa meno rapida di quanto Dino aveva promesso , e fu anche tremendamente intensa! Lui era forte: la teneva infilata sul pene, la sollevava vigorosamente su e se la sbatteva di nuovo giù quasi con rabbia. Lei si sentiva venir meno a ogni colpo, ma seguitava a lamentarsi debolmente come se non volesse ... invece stava provando un piacere davvero devastante. Poi l' interminabile schizzo di sperma del suo seduttore la travolse e lei non riuscì più a resistere! Smise di dominarsi e si abbandonò a una serie di gridolini e roche implorazioni che non potevano lasciare alcun dubbio sul fatto che lei stava provando un orgasmo davvero memorabile. Ormai priva di controllo si mi mise a miagolare a mezza voce mentre lui eiaculava:_ Ooooohhh!... Ooooooohhhh!.... Poooorcoooooo!.... Cosa...mi hai..... faaaattooooo???.... Quanto speeeeermaaaaa!!!.... Mi... hai... riempiiiitaaaaa!!!!_ Alla fine rimasero entrambi ansanti, ancora uniti e lei non si ribellò al prepotente bacio sulla bocca con cui lui volle concludere il suo trionfale rapporto. Solo dopo averla baciata, il suo tronfio seduttore la svelse dal suo membro ancora parzialmente rigido e lei non riuscì nemmeno a stare in piedi. Crollò sul pavimento priva di forze in una posizione mezza in ginocchio e mezza prona aiutandosi con le mani. Era tutta rossa, scarmigliata, ansimante e ancora incredula di quel che era capitato!
Malgrado avesse provato il più intenso orgasmo della sua vita, Grazia si sentiva ancora tremendamente offesa! Dino se ne accorse e le disse con sufficienza davvero eccessiva: _ Lo so bene di averti trattata senza tanti riguardi!... e che una bella signora ammirata da tutti come te, si sentirà molto sminuita, dopo essere stata presa in questo modo sbrigativo!.. ma ti sei divertita anche tu, non è vero???_ Grazia dovette usare tutte le sue ultime risorse nervose per dimostrarsi risentita! Riuscì a dirgli con una rabbia più studiata che reale: _ Porco!!! Porco!!! Porco!!! Sei un vigliacco!!! Ti sei approfittato di me con la prepotenza!!!_ Dino rise e le rispose con orgogliosa sicumera: _ Ti ho sentita come ansimavi e guaivi, puttanella! Lo so benissimo che hai goduto anche tu!!!_ Sentendolo Grazia disse a se stessa: _ ... e non sai quanto ho goduto mentre mi chiavavi, maiale!!!_ Poi aggiunse desolata dentro di sé: _ ... e sarà meglio che tu non lo sappia mai, se no diventerò per forza la tua troia!!!!_ Ormai era tutto finito. Dino si sistemò i calzoncini e si allontano ridendo rumorosamente: era trionfante e soddisfatto per aver avuto tanto facilmente con la sua orgogliosa vicina di casa un rapporto erotico da vero despota!
Grazia era ancora semi prostrata a terra quando vide quel maschio egoista che se andava via: lui era ancora lì davanti e lei ne sentiva già la mancanza! Dino si voltò un attimo e le disse con tronfia sicurezza: _ Adesso ho troppa fretta per perdere altro tempo!... ma tornerò appena posso per farti il culo!_ Lei capì che non aveva più senso tentare di resistere. Dino poteva suonare alla sua porta e tornare quando voleva! Lei gli avrebbe aperto, si sarebbe spogliata nuda e gli avrebbe permesso di fare tutto quel che gli pareva! Si odiava rabbiosamente per la propria debolezza, aveva addirittura le lacrime agli occhi per dovergliela dare vinta in quel modo esagerato, ma non poteva correre il rischio che lui non tornasse più!!! Gli disse con voce strozzata dall'ira: _ Porco! Sarà meglio che tu lo faccia davvero! Se no verrò io a cercarti!!!_ poi aggiunse, per tutelarsi in qualche modo: _ E non ti vantare in giro: se no troverò il modo di farti tagliare le palle!!!_ Lui si fermò un attimo e le disse con tutta la sua boria di maschio fin troppo sicuro di averla conquistata: _ Puttana!!! Dovresti, ringraziarmi: si vedeva benissimo che avevi tanta voglia di cazzo, da star male!_ E Grazia pensò che Dino aveva proprio ragione! Voleva assolutamente che lui tornasse: era ansiosa che lui le facesse il culo! Si sentì in dovere di fargli capire che lui aveva vinto su tutti i fronti. Non si era mai umiliata in quel modo davanti a un uomo, ma volle dargli anche la soddisfazione di pregarlo. Si sentiva davvero sminuita, ma era addirittura ansiosa di arrendersi al maschio! Mentre ancora seguitava a piangere per la rabbia di sentirsi tanto inferiore a lui e per il dispiacere che provava a vederlo andar via così presto dopo essersela goduta, gli disse con voce flebile, ma chiara: _Grazie...Tesoro! _ Lui non si voltò nemmeno a guardarla!
Era rimasta nuda, perché Dino le aveva levate le mutandine e se le era prese con sè come uno sconcio trofeo da appendere allo specchietto della sua macchina. Lei colava sperma tra le cosce e decise di andare a lavarsi. Suo marito Loris era ancora sotto la doccia e non si era accorto di nulla! Era appena entrata in bagno che Loris uscì dalla cabina della doccia. La vide tutta nuda e subito ebbe una vigorosa erezione! La sbattè anche lui contro il muro e la prese immediatamente. Lei era ancora lorda dello sperma dell'altro maschio, ma lui pensò invece che sua moglie fosse tutta bagnata per il desiderio. _ Che voglia che hai oggi! Non ti ho mai sentita così bagnata! _ le disse tutto trionfante. Lei non rispose niente ma pensò tra se e se: _ Se, invece di fare la doccia, mi scopavi come si deve appena rientrato in casa, forse ora non saresti il più gran cornuto di tutto il palazzo!_
Poi si concesse docilmente al possesso di suo marito: provò piacere a farsi scopare per la seconda volta dopo così poco che era stata goduta da un altro maschio. Non c'era paragone tra quello che aveva provato posseduta dal cazzo storto di Dino e il gusto sottile che le stava dando il pene liscio e regolare di Loris, ma lei si sentiva felice di essere posseduta da suo marito! Pensò tra sé: _ Quel che è successo oggi, e quello che succederà domani, lui non dovrà mai saperlo!_ Poi aggiunse tra sé: _ Sono abbastanza resistente per bastare a due maschi: spero solo che Dino non si stanchi tanto presto di me!_


Commenti

pubblicato il 14/10/2014 14.28.54
k1lgore, ha scritto: Splendida Grazia! Attendiamo con ansia il ritorno di Dino: deve mantenere la sua promessa. Grazia rimane viva nella memoria per le sue contraddizioni, per la femminilità matura e potente. Forza! Scrivete il seguito!

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: