ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 3 ottobre 2014
ultima lettura venerdì 15 marzo 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Le nostre impronte non sbiadiscono mai sulle vite che tocchiamo!

di visconti69. Letto 349 volte. Dallo scaffale Viaggi

Le nostre impronte non sbiadiscono mai sulle vite che tocchiamo! Circa 13 mesi fa ero in servizio con la Croce Rossa per una manifestazione di un PRE...

Le nostre impronte non sbiadiscono mai sulle vite che tocchiamo!

Circa 13 mesi fa ero in servizio con la Croce Rossa per una manifestazione di un PRESEPE VIVENTE,durante la manifestazione una donna di eta' avanzata ebbe un malore,fummo chiamati immediatamente per soccorrerla,
dopo piu' di mezz'ora di trattamento medico in ambulanza riuscimmo a migliorare la sua condizione fisica e psicologica.
Credo che in certe circostanze il nostro supporto psicologico riveste la stessa importanza di quello medico,in eguali proporzioni,questo ci aiuta ad ottenere il massimo miglioramento del paziente,cosi' fu,la Signora Anziana fu dovutamente soccorsa e confortata.
Ma non finisce qui,ieri nel tardo meriggio mentre parlavo con dei signori su aspetti inerenti sull'importanza della prevenzione presso l'uscita di un ASL,
la mia conversazione e' improvvisamente interrotta da un inaspettato abbraccio di una Signora che camminava con difficolta',credevo che fossi la persona sbagliata,e gli ho detto:"Salve Zietta ci conosciamo"?
La nonnina con i suoi piccoli occhi lavati da lacrime mi risponde:
"Tu mi hai conosciuta un anno fa' quando sei stato accanto a me e mi hai aiutato,non posso dimenticare il tuo volto e la tua azione,quel giorno io lo vivo tutti gli attimi,perche' poteva essere per me l'ultimo,ma Voi mi avete aiutata e anche se non ricordo il tuo nome non dimentico mai il tuo volto,grazie grazie...."

Commosso profondamente nell'anima l'ho stretta a me ringraziando io Lei,
e non sono riuscito a serrare le lacrime.Successivamente mi e' stato riferito da uno dei suoi accompagnatori che la nonnina che io non riconoscevo piu' e' affetta da linfoma orbitario e a causa della radioterapia non aveva piu' capelli.
Ho provato sulla mia pelle la veridicita' delle parole:
SI RACCOGLIE QUELLO CHE SI SEMINA,
SONO FIERO DI ESSERE UN VOLONTARIO DELLA CROCE ROSSA ITALIANA!

Claudio Visconti De Padua



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: