ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 1 ottobre 2014
ultima lettura mercoledì 15 maggio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Where is my mind?

di tatina300. Letto 561 volte. Dallo scaffale Sogni

CAPITOLO 23 :  La loro discussione fu interrotta dal suono del campanello, Emily si avviò verso la porta ma Melany e Fergus la fermarono prima del tempo, avevano paura che fosse un altra trappola ma Emily non diede loro ascolto e apri la po...

CAPITOLO 23 : La loro discussione fu interrotta dal suono del campanello, Emily si avviò verso la porta ma Melany e Fergus la fermarono prima del tempo, avevano paura che fosse un altra trappola ma Emily non diede loro ascolto e apri la porta. Per fortuna era quello stupido Di Josh.
-emh..ciao Emily come va?
- Josh non è un po' tardino? Che ci fai qui?
- beh io..volevo dirti una cosa..
Eddai su..
-ma sento dei rumori hai ospiti?
-no è mia sorella..dimmi
- beh ho saputo che giù al molo c'è una festa ti va se..si insomma io e te..
Cosi intervenni io sbolognandolo in due minuti chiudendogli la porta in faccia.
-ma sei pazza? Mi stava invitando ad uscire cazzo!
-ma non hai visto i suoi occhi cazzo?
-li vedo sempre!
-erano viola!
-non è vero sei una buggiarda!
Fergus cerco di calmare le due sorelle ma poi un rumore si senti provenire dalla veranda, le ragazze si zittirono e abbracciarono una a l'altra, poi seguirono Fergus verso la portafinestra ma qualcosa ruppe il vetro e Josh insieme ad altri mostri entrarono in casa. Melany afferrò la mazza da baseball e provò a colpire alcuni di loro Ma più li colpiva e piu la sua forza diminuiva e la loro aumentava. Emily nel frattempo fu presa in ostaggio da Josh la teneva stretta al collo mentre lei si dimenava poi Fergus afferrò la sua nuova arma e la scagliò contro la gamba destra di Josh facendo si che le sue ossa fuoriuscissero dal suo corpo e il sangue sgorgasse fuori schizzando negli occhi di uno di quei mostri. Josh cadde a terra tremolante lasciando la presa a Emily Che scappò verso Melany ancora incredula di aver Ucciso quasi il suo pseudo ragazzo.
-Melany sono troppi dobbiamo scappare non ce piu tempo..Attiva la chiave!
- Fergus non posso sono troppi rischierei di portarli via con noi.
-attivala e basta non c'è più tempo!
Melany sferrò un pugno a uno dei mostri e tirò via dalla tasca la farfalla lanciandola verso Fergus, lui la prese al volo coi denti, la poggiò a terra e urlò a Melany di pronunciare le magiche parole. "io ho il controllo di questo mondo!" e improvvisamente il portale si aprii Melany e Emily corsero saltandoci dentro mentre Fergus tenne a bada due mostri e con un salto riuscì a entrare anche lui nel portale prendendo la farfalla prima che il portale si chiudesse. Il viaggio dimensionale duro pochi secondi prima di atterrare in una camera tutta bianca. Tutto ciò che si poté percepire in quel viaggio era l'assenza di gravità e i mille colori che mi giravano in senso antiorario davanti agli occhi dandomi un senso di smarrimento oltre che a girarmi la testa.
- e questo sarebbe il tuo mondo Fergus? A me sembra di più una sala di attesa di un ospedale!. Disse Emily.
- no siamo solo in stazione..tra poco partiremo per il mondo di Marcelline. Ho deviato la rotta venendo qui almeno se ci inseguirannò li devieremo venendo qui ma ora prendete questi sono monetine d'oro vi serviranno per oltrepassare il tornello.
Lasciammo quella camera, aprii io la porta e ci ritrovammo in una vera stazione metropolitana ma all'aperto, il cielo era stellato e faceva abbastanza caldo, le luci della notte insieme alle lanterne che ornavano i due lati della stazione illuminavano i nostri visi. Nonostante fosse una stazione essa non aveva binario ferroviario, questo mi apparve strano visto che avvicinandomi alla banchina mi accorsi che essa era uno strapiombo e affacciandomi vidi solo che eravamo sopra le nuvole. Fergus ci disse di inserire la monetina nel tornello e improvvisamente un binario sospeso nell'aria si agganciò sopra di noi mentre da lontano vidi arrivare un treno metalizzato ma un pò arruginito sulla fiancata davanti. Fergus nel frattempo si alzò su due zampe si abbassò di fianco al treno e spinse il pulsante che aprì la porta davanti lui entrò e si mise al comando, spinse altri tasti e da uno schermo portatile scrisse la destinazione, poi aprii le porte posteriori e ci fece entrare a noi due, ci sedemmo su delle poltrone imbottite in pelle, mentre nel centro non c'era nulla tranne che una botola che dava sul soffitto per l'uscita di emergenza e un altra sul pavimento, in fondo invece c'era una porta argentea che dava sul bagno di servizio, il treno era diviso in 4 carrozze ma noi ne usufruimmo solo di una, le altre Fergus le staccò e partimmo sospesi sul binario. Dopo circa 10 minuti di volo Fergus spense i motori e attivò 3 manovelle che attivarono delle ali meccaniche che fuoriuscirono dai laterali, esse erano lunghe e leggere quasi somigliavano a delle ali di aquila. Appena iniziammo il volo libero ci furono un pò di turbolenze prima di entrare nello spazio porto dove atterrammo. Dei droidi ci accompagnarono verso un tubo trasparente dove dall'interno potevamo vedere tutto lo spazio che era all'esterno della stazione. vidi in lontananza una galassia, non avevo mai visto una cosa del genere, un vortice di colori pastello e piccole lucine giravano intorno ad essa, era bellissima e credo che nessuno al mondo in quel momento non era più fortunato di me. Dopo averla attraversata tutto scomparve alle nostre spalle e ci ritrovammo li in quel mondo di ghiaccio con fiori di cristallo.
Pub.one 01ottobre2o14
Firmato TATINA300


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: