ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 29 settembre 2014
ultima lettura venerdì 16 ottobre 2020

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

Banane al cioccolato

di Lucciolafralemani. Letto 3654 volte. Dallo scaffale Eros

      Ero a Marina Romea per qualche giorno di vacanza con Luciano, mio attuale compagno e proprietario di un appartamento a 200 metri dal mare e quella mattina al contrario di sempre non me la sentivo di andare in spiaggia; non mi senti...

Ero a Marina Romea per qualche giorno di vacanza con Luciano, mio attuale compagno e proprietario di un appartamento a 200 metri dal mare e quella mattina al contrario di sempre non me la sentivo di andare in spiaggia; non mi sentivo bene, perciò lasciai che lui andasse senza di me.

La causa, ho scoperto dopo, era da ricercare in un prodotto, il Metamucil a base di semi di psillio utile in casi di stitichezza, della quale soffrivo da alcuni giorni dato il cambio di aria e di abitudini.

Inoltre, avendo mangiato più del dovuto avevo assunto la sera prima, come da posologia, la dose consigliata.

Ma stamattina, man mano che le ore passavano aumentava la pressione intestinale e il disagio, oltre che il volume della mia pancia, solitamente piatta.

Al principio ho cercato di resistere pensando si trattasse di indisposizione passeggera.

Mi sono fatta una tisana calda nella speranza di lenire quantomeno il disturbo.

Effetto contrario!

Alla fine sono dovuta letteralmente correre in bagno, mi sembrava di dover esplodere, mi sono seduta sul water; una lunga pisciata per scaricare la vescica e ho iniziato a spingere; sentivo il buchino che bruciava, spingevo con tutte le mie forze ma niente; poi finalmente il primo stronzo ha fatto capolino, lungo, grosso e sano.

Un grugnito e...vai.

Il tonfo mi ha perfino schizzato l'urina contenuta nel water sulla figa.

Ho ripreso fiato, e a spingere, cazzo se era duro!

Piegata in avanti, con la testa sulle cosce, grugnivo, mentre con le mani mi divaricavo le chiappe per aiutarlo a uscire.

Ed ecco che pian piano l' hangar si aprì e un dirigibile fatto di merda scivolò fuori andando a fare compagnia al fratellone.

Non era così lungo come il primo ma bello grosso, si.

Mi sentivo più sollevata, stavo meglio; ero sul bidet a lavarmi quando la pancia ha ricominciato a brontolare, un lungo peto e la pressione, fortissima, si è concentrata sul buco del culo.

Mi sono riseduta sul water, ho preso fiato e lentamente ho allentato i muscoli dello sfintere.

Ora non provavo più male ma un calore intenso, piacevole che mi avvolgeva, un compendio di delizie si stavano concentrando lì, nel retto, una vera libidine.

Tolto quel tappo il contenuto dell' intestino ebbe via libera.

Guardando fra le gambe potei ammirare dapprima un altro paio di grossi stronzi lucidi, morbidi scivolare striando la tazza; seguito dopo un minuto da un flusso di merda borbottante e calda che usciva dal culo e torcendosi li ricopriva insieme alla carta igienica.

Una inconsueta libidine mi pervase.

Mi strinsi un seno torcendomi il capezzolo; un gran calore mi scese nella figa.

Con la mano libera iniziai a masturbarmi.

Mentre la mia pancia si svuotava, il cesso si riempiva, cagavo senza soluzione di continuità, il culo mi pizzicava mentre la merda fluiva densa e fumante ad intasare la tazza.

Dopo circa dieci minuti, finalmente svuotata osservai il risultato.

Mai visto in vita mia uno spettacolo simile!

Un coacervo di stronzi grossi e lunghi come banane accavallati con altra merda più morbida e globosa, il tutto frammisto a petali di carta a bagnomaria in un litro di urina.

Temevo di aver intasato il water data la quantità monumentale di materia; infatti tirando piano lo sciacquone anzichè scendere, il livello aumentava decisi quindi di chiamare Luciano anche con un secondo fine che in quel momento mi era balenato in mente.

Lui corse subito, allarmato dal tono della mia voce.

Sconcertato dallo spettacolo lo misi a conoscenza di ciò che era accaduto:

"Hei, Clara! Ma cosa stai dicendo? Perché tutti questi particolari?"

"Perché voglio farti arrapare, sciocco."

"A ben pensarci, confesso che il tuo racconto mi hai messo addosso una gran voglia di entrare a visitare il tuo culo." Disse dopo alcuni secondi di riflessione.

"Dopo. Ora aiutami a pulire."

Facemmo scendere piano l'acqua e subito gli stronzi cominciarono a galleggiare in mezzo a tutta quella carta; con un sapiente lavoro di scopino e un po' di fortuna, prima che tracimasse, con un gorgoglìo sordo il cesso inghiotti tutto.

Lo guardai con uno sguardo da gattona come a dire:

"Allora? Che si fa?"

"Vieni, andiamo sul letto. Inginocchiati...così brava, appoggiati sugli avambracci e poggia la testa sul cuscino...un po' più indietro col culo...così, perfetto."

"Oh, finalmente! Dai! Inculami!"

Mi si pose dietro, mi allargò le chiappe restando un attimo ad ammirare il fondo del mio culo e la rosetta che palpitante lo chiamava.

Come antipasto affondò la faccia in quella meraviglia cominciando a frugare con la lingua fra le crespe dello sfintere ancora indolenzito che penso conservasse ancora l'aroma della battaglia appena conclusa.

"Così! Dai porco puliscilo bene!" Lo incitavo arrochita scodinzolando le chiappe sulla sua faccia.

Difficile resistere.

Mi si pose un po' sopra cercando con le mani le tette e ci si abbrancò, poi piegando le ginocchia indirizzò il cazzo su quel formidabile buchetto.

Lento si accoccolò forzandolo e subito lo accolsi, generosa.

Lo sentii sparire in quel budello affamato di carne fino a toccare con i coglioni i peli della figa.

Cominciò a pompare piano su e giù, all' unisono con i miei sospiri.

Dio che inculata!!

Fuori dalla finestra un rumore di un auto e il cinguettio degli uccellini, mentre noi sguazzavamo immersi nella più totale lussuria.

Luciano, mi disse in seguito, che mentre m' inculava non poteva fare a meno, di andare con la mente a me e a tutto ciò che avevo generato dentro quel gabinetto e questo lo faceva ingrifare.

Facendogli accelerare il ritmo.

"Si, si, si, dai maiale, così, più forte!"

Le palle battevano contro le mie chiappe in un concerto triviale.

Non avevo più la nozione del tempo.

Avvicinò il suo viso al mio inebriandosi al profumo dei miei capelli e sussurrandomi porcate mentre spingeva l'uccello nel fondo delle mie viscere.

E finalmente eccolo, montare come una marea, il godimento fino a quel momento trattenuto.

Tre lunghi fiotti di crema fresca si rincorsero giù per l' intestino a rinfrescarmi quella fornace.

Giacemmo spossati uno sull' altra; lui, appoggiato alla mia schiena nuda respirava il profumo di crema solare che emanavo.

Dopo alcuni minuti rinculò piano per sfilarsi e io sentii che nel retto la pressione stava di nuovo aumentando.

Erano i gas pompati dalla sublime cavalcata del mio uomo che, premevano sullo sfintere per uscire.

Li liberai con una lunga, fragorosa scorreggiona sparando fuori anche densi grumi perlacei del suo piacere.

Ora era davvero finita!

Se il paradiso dovesse esistere, oggi, io posso dire di esserci stata!

A proposito mi è venuta fame....

PS

Mi scuso se lo stile e il racconto crudo può aver turbato la sensibilità di qualcuno ma ho cercato di essere precisa nel descrivere questo, per me, primo tipo di esperienza.

Un bacio!

Clara



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: