ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 25 settembre 2014
ultima lettura giovedì 5 settembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Where is my mind?

di tatina300. Letto 474 volte. Dallo scaffale Sogni

CAPITOLO 21: Le due sorelle si abbracciarono in un lungo abbraccio pieno di affetto, Emily quasi piangeva dalla contentezza. Finalmente aveva rivisto sua sorella sana e salva e dato un lezione a quel dottore presuntuoso, sembrava quasi un classico liet...

CAPITOLO 21: Le due sorelle si abbracciarono in un lungo abbraccio pieno di affetto, Emily quasi piangeva dalla contentezza. Finalmente aveva rivisto sua sorella sana e salva e dato un lezione a quel dottore presuntuoso, sembrava quasi un classico lieto fine di un film del cinema ma Emily non sapeva che l'avventura doveva ancora cominciare. Melany aiutò sua sorella a rimettersi in piedi e vestirsi poi preparò del latte caldo e raccontò a sua sorella la vera storia e cosa stava succedendo. Nel frattempo Fergus si mostrò a Emily, ora riusciva a vederlo anche lei grazie a Melany che tramite la sua mente riuscì a far si che era visibile anche a lei. Emily appariva confusa agli occhi di Melany, non riusciva più a capirci nulla, gli appariva tutto assurdo in questo momento ma si sforzò di credere alle parole di sua sorella e di Fergus.

-Voglio vedere la chiave!

-okok..te la mostreremo..appena sarai pronta a partire.

-Melany sei piccola sei sicura di potercela fare?.Chiese mia sorella.

Fergus stava per perdere la pazienza ma lo calmai accarezzandogli la testa, poi risposi io in modo garbato a mia sorella. Gli dissi che dovevamo muoverci e che non c'era più tempo quindi gli chiesi di preparare gli zaini mentre io e Fergus ci saremo occupati delle provviste giù in cantina, oltre a cercare qualche arma per combattere. Io e Fergus scendemmo di nuovo le scale della cantina questa volta però accendendo la luce, andammo dritti verso la dispensa e mi riempii lo zaino di carne in scatola, patatine e bottiglie d'acqua, poi riempito lo zaino cercammo di addentrarci più dentro e di rovistare tra la polvere magari avremmo trovato qualcosa di interessante, magari qualche arma che aveva lasciato qui il vecchio vicino o un coltello da cucina, non avevo intenzione di uccidere nessuno ma per difesa personale, non si sa mai!, poi Fergus mi chiamò a vedere una cosa, io mi avvicinai e vidi che aveva trovato uno strano utensile, sembrava una fiocina in bronzo ma davanti aveva tre ganci che forse un tempo ruotavano, non so a cosa potesse servire ma sembrava un arma molto pericolosa anche se arrugginita. Fergus la prese tra le mani e premette il grilletto improvvisamente i ganci iniziarono a ruotare velocemente, credo che se li avesse usati sulla gola di qualcuno non avrebbe avuto il tempo di rifiatare che già sarebbe stato ridotto a brandelli.
- Che figata!. Disse fergus agitandolo su e giù.
- sisi ma tieni lontano da me quel coso!
- hei calma calma ti pare che lo uso su di te dai.. comunque lo porteremo con noi! gli faremo vedere noi a quei mostri!
-dai continuiamo a cercare!
Continuammo a cercare ma non trovammo nulla di interessante fino a che non trovammo un diario, era tutto impolverato e pieno di ragnatele, aveva la copertina rossa e le pagine erano ormai ingiallite, lo aprii con cautela soffiai via la polvere e lessi la prima pagina nonostante le lettere erano sbiadite si poteva leggere " diary of Alice" cosi mi aiutai con la torcia a leggere oltre quella pagina..era un diario di una ragazzina, magari aveva vissuto anni prima qui, non so chi sia ma volevo leggere quelle pagine sbiadite. Mia sorella fece capolino dalla porta sopra le scale, lei era pronta aveva preparato gli zaini con qualche vestito di ricambio torce carta ingienica, io appena la vidi strinsi il diario a me e lo feci scivolare nello zaino, sicuramente il tempo di leggerlo lo avrei avuto in qualche modo.
-Cos'era quel coso rosso che hai ftt scivolare nello zaino Melany?. chiese Emily.
- nulla un diario che ho trovato..poi lo leggerò.
- ma Emily guarda cosa ho trovato io!!. Disse Fergus entusiasmato mostrando l'arma alla ragazza.
Quasi sembrava che Fergus non volesse che Emily sapesse del diario, forse nascondeva qualcosa o sapeva cosa contenesse, e ben presto l'avrei saputo anche io, cosi con una scusa dissi a loro due che dovevo andare in bagno e portai il diario con me lo sfogliai velocemente e lessi le prime 2 pagine, trattava di una ragazzina di nome Alice che aveva vissuto in quella casa nel 1923, essa raccontava nelle pagine successive dei suoi sogni strani forse come i miei ma non ebbi tempo di leggere che Fergus mi apparse nel bagno davanti ai miei occhi.
-E' inutile che continui a leggerlo, la storia è sempre la stessa..
- Cosa intendi Fergus?
- quella bambina...
-quella bambina cosa? parla!
- tu sei la sua reincarnazione Melany..e ogni 100 anni il destino si prende gioco di te..
- cosa vuoi dire?
- voglio dire che ogni 100 anni accadranno sempre le stesse cose, e che quindi come ha combattuto lei contro le proprie paure ora tocca a te farlo..
- ma lei è sopravvissuta?
- no era una bambina all'epoca e arrivata all'eta di 16 anni i genitori decisero di sottoporla alla lobotomia ma qualcosa andò storto..
- sopravisse?
- chi si sottopone a un intervento del genere diventa un vegetale per la società, ma lei..
-lei?
- dissero ai genitori che era morta..mentre invece fu sottoposta a vari esperimenti perchè anche dopo la lobotomia essa sembrava ancora ragionare ma anzi dissero che nel giorno del finto decesso essa aveva gli occhi viola come tutto il resto del suo corpo.
-quindi quei mostri l'avevano presa?
- l'avevano salvata..e gli umani l'hanno uccisa..e l'unica cosa che ci rimane è il suo diario e tu l'hai trovato.
-questo è un segno..ma perchè l'hanno salvata?
- questo non lo so..forse volevano arrivare alla terra..però una leggenda dice che lei vive ancora sul pianeta di Marcelline.
Pub.one. 25settembre2014
Firmato TATINA300


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: