ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 25 settembre 2014
ultima lettura venerdì 4 ottobre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Prime emozioni

di Paolalarosa. Letto 394 volte. Dallo scaffale Sogni

E' la prima volta che pubblico qualcosa che possa essere letto da un pubblico tanto vasto. Quello che vorrei raccontarvi è qualcosa insita in o...

E' la prima volta che pubblico qualcosa che possa essere letto da un pubblico tanto vasto. Quello che vorrei raccontarvi è qualcosa insita in ognuno di noi, qualcosa che ognuno di noi ha - più o meno nascosto-: UN SOGNO.

I sogni non sono altro la visione che abbiamo noi del nostro futuro; c'è chi ne ha uno solo, chi ne ha più di uno, ma ognuno di questi sogni è stato creato dalla nostra immaginazione, si è materializzato nella nostra mente per poter essere realizzato. Io penso che nulla sia impossibile se lo si vuole realmente.

Vi racconto dei miei di sogni.

I miei sogni sono tanti... e alcuni, ahimè irrealizabili .

Il maggiore dei miei sogni è poter avere mia madre al mio fianco, poter ascoltare i suoi consigli, poterla rendere fiera di me...ma sopratutto sapere che lei c'è! Oddio, non è che sia assente, ma quando di mezzo c'è una maledetta malattia chiamata "Morbo di Alzheimer" questi miei sogni risultano infranti già in partenza.

Un mio altro sogno è vedermi in divisa, in divisa bianca...quella dei marinai! Magari si realizzerà presto, magari tardi, ma sono sicura che questo mio sogno diventerà realtà.

E poi... vorrei tanto poter avere alle spalle una vera famiglia. Molti di voi penseranno " povera ragazza"... Vi dirò... una famiglia la ho... solo che non è quella di origine... La mia famiglia è la famiglia del mio fidanzato che mi ha accolto come una figlia dal primo giorno che sono entrata a far parte della sua vita e che, da circa 4 mesi, mi ha preso con sè, dato che un porco chiamato padre mi ha sbattuto fuori di casa senza un valido motivo. Purtroppo dovete sapere che quella sottospecie di essere umano chiamato padre non è di certo un uomo! Un uomo con gli attributi non impugnerebbe mai un coltello in mano minacciando la propria figlia!! Un uomo non si permetterebbe mai di prendere a botte la propria figlia e, come se non bastasse, di buttarla fuori di casa senza un motivo valido, asserendo alla propria innocenza; ma queste sono cose delle quali magari vi parlerò.

Bene diciamo che dei miei sogni vi ho detto tutto.

Ho tante cose da raccontarvi; le mie mani fremono, la mia mente pullula di idee.



Commenti

pubblicato il 25/09/2014 13.41.52
Edmea, ha scritto: brava, continua a sognare. qualcuno ha detto che i sogni sono la sua benzina. una vita senza sogni sarebbe senza significato, così come una vita senza amore. Continua a sognare e ad andare avanti, nonostante le prove, perchè quello che conta è non arrendersi mai, considerando che grazie al cielo hai qualcuno di importante al tuo fianco. Nessuno al di fuori della famiglia può essere importante per noi. Ecco perchè lo sfascio delle famiglie si ripercuote dolorosamente sulla società. Buona fortuna e continua a raccontare

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: