ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 23 settembre 2014
ultima lettura martedì 1 ottobre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Agli occhi esterni

di JimFab. Letto 364 volte. Dallo scaffale Generico

Ogni movimento ha un tempo. Ogni sentimento ha un suono. Anche per questo, il “dove” di quella stanza era un dettaglio importante agli occhi comuni ma perfettamente insignificante per chi gli occhi li chiudeva e cominciava ad ascoltare...

Ogni movimento ha un tempo. Ogni sentimento ha un suono.

Anche per questo, il “dove” di quella stanza era un dettaglio importante agli occhi comuni ma perfettamente insignificante per chi gli occhi li chiudeva e cominciava ad ascoltare.

Lei lo aspettava, sapendo che sarebbe arrivato, come sempre, come ogni volta concordata attraverso parole che dicevano una cosa ma ne significavano un altro, sentito e mai detto poichè inutile, addirittura fuori contesto.

Lui arriva, si toglie qualche abito, si stende.

Fuori il mondo avrebbe visto coi propri occhi un conteggio di tempo di un'ora circa...dentro quella stanza, in realtà, era una serie di attimi infinti, concatenati, perle unite da un sottilissimo filo al suono di Glenn Gould, al ritmo dei respiri di lei, alle espressioni di lui...per loro era l'universo, l'elevazione ed il mondo realmente non esisteva.

Le mani erano entità a sé stanti con una loro intelligenza sentimentale: premevano, stringevano, strofinavano, tiravano ed il loro linguaggio era sincronizzato alla pelle, carne, persino al fluire del sangue e dei battiti.

Gli “altri” non avrebbero capito: schematici nelle loro convenzioni, comodi nei loro freddi confini, diffidenti al calore.

Loro due, tra quelle quattro mura ed un soffitto inesistenti, perciò infiniti, sono sempre lì, a dare e ricevere, seppure il meccanismo, visto da noi, sembrerebbe ad un verso solo.

In tutto questo, lui un pensiero ce l'aveva, cercava di farlo percepire a lei quando riusciva ad incrociare fuggevolmente il suo sguardo, ed era:

“in fin dei conti, un massaggio è un atto d'amore”.


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: