ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 1 settembre 2014
ultima lettura venerdì 4 settembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

La profezia

di ubik2001. Letto 498 volte. Dallo scaffale Fantascienza

“Comandante siamo in posizione e pronti, aspettiamo un suo ordine.”“Si, solo un attimo.”Il comandante Xendro.L’ultima mi...

“Comandante siamo in posizione e pronti, aspettiamo un suo ordine.”
“Si, solo un attimo.”

Il comandante Xendro.
L’ultima missione di una gloriosa e lunga carriera. L’ultimo viaggio.
L’ultima distruzione. L’ultimo genocidio.

L’oracolo ha emesso il suo verdetto, perentorio e netto. Sul pianeta Tellarius le profezie delle veggenti del tempio sono sacre. Ordini divini e superiori da rispettare e da osservare con il massimo rigore.
Pena la morte e l’oblio eterno.

Però questa volta è diverso. Davanti alla magnificenza di quel globo blu rigoglioso di vita, di acqua e di specie animali, Xendro ha un momento di incertezza. Un dubbio. Il primo della sua centenaria esistenza.

Quale pericolo imminente possono rappresentare per il suo popolo gli esseri di questo pianeta?
Di un piccolo e insignificante sistema solare di una galassia periferica?
E se l’oracolo avesse fallito decretando l’estinzione di questa razza?

Xendro non può sottrarsi alla sua storia personale, al suo giuramento militare e al suo credo.
“Primo Capo, al mio via fare fuoco. Addio, incantevole pianeta azzurro.”

In quel momento accade.

Proveniente dalla Terra un raggio ampio, improvviso e devastante inonda il vascello alieno smaterializzandolo all’istante. Xendro non ha il tempo di pensare, di reagire e di pregare i suoi Dei.

In poco tempo l’intero universo avrebbe conosciuto la letale, egemone e tracotante forza del genere umano…


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: