ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 26 agosto 2014
ultima lettura sabato 19 gennaio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Where is my mind?

di tatina300. Letto 331 volte. Dallo scaffale Sogni

 PROLOGO Terzo giorno..le ferite sembravano scomparire,ma quei strani segni sulla mia pelle aumentavano giorno per giorno, non so da dove provenissero,di giorno mi facevano male ma di notte sentivo un energia estranea al mio corpo che mi entrava......


PROLOGO

Terzo giorno..le ferite sembravano scomparire,ma quei strani segni sulla mia pelle aumentavano giorno per giorno, non so da dove provenissero,di giorno mi facevano male ma di notte sentivo un energia estranea al mio corpo che mi entrava dentro..non so cosa mi spingeva a fare quei sogni..non so lei chi fosse..ricordo solo i suoi capelli rossi, erano la mia droga. Più la sognavo e più i segni aumentavano al mio risveglio..forse mi sbagliavo ma dovevo combatterla.

..Al quarto giorno capii che stavo mutando, guardai le mie mani, sentii una strana forza risalire verso di loro..erano viola. ma le mie ferite erano scomparse..era tempo di combattere!! dovevo capire solo come controllare al meglio il mio potere..come entrare e uscire da quei sogni, senza rimanerci dentro, senza avere la preoccupazione che sarei rimasta per sempre in quel mondo..chiamato terra.


CAPITOLO 1

..Quei rumori sinistri...decisi di alzarmi, andai nel corridoio,vidi un ombra bianca muoversi, il mio cuore batteva,mi aiutai con la mia torcia prima che i miei occhi si abituassero a quel buio, feci due passi verso di essa..e vidi che era solo il cane..ritornai a dormire. ma dopo 3 minuti i rumori non cessarono, ma provai a ignorarli..la pioggia fuori dalla mia finestra stava aumentando,il calore stava diminuendo in quella notte d'estate,m rialzai..pensai che uno spettacolo naturale di fulmini e tuoni non potevo perdermelo e pure...quando mi avvicinai alla finestra per alzare la serranda un lampo seguito da un tuono mI fece solbalzare, per un attimo mi sentii smarrita nella mia stessa casa..le luci si spensero,e io mi aiutai col tatto a riconoscere il tasto dell'interrutore in cui finalmente mi avrebbe dato la luce per avere una visione chiara di ciò che stava succedendo. Appena lo accesi mi sentii subito più tranquilla..finchè non mi voltai e vidi sul mio divano lei..la ragazza dai capelli rossi, provai a chiudere gli occhi ma quando li riaprii era ancora li, cosi capii che eravamo nella mia mente..iniziai ad urlare ma lei non batè ciglio, anzi quasi sembrava innocqua, era distesa sul divano con gli indumenti bagnati, come se un maremoto l'avesse trascinata fin qui, aveva il volto graffiato,non sembrava esser in buono stato..insomma non se la passava bene.

Forse questa volta era venuta in aiuto..forse aveva bisogno di me! non potevo combatterla..dovevo aiutarla..ma cosa avrei potuto fare? ..provai ad avvicinarmi..ma subito fui risucchiata dalla mia mente6/ stessa che m riporto a quella che voi esseri umani chiamate realtà..ma una volta sveglia vidi qualcosa di piccolo che scappava sotto i miei occhi, non riconobbi cosa fosse..ma di sicuro non voleva che aiutassi quella ragazza.

pub.one 26agosto214

Firmato TATINA300



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: