ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 18 giugno 2014
ultima lettura giovedì 26 novembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Benvenuto

di lilant. Letto 428 volte. Dallo scaffale Poesia

Strano e scomodo Quest'ordine senza nostalgia... Mutuo aspettare, spaziare, Calcolando un futuro anteriore Che per natura seguirà il suo corso... ......

Strano e scomodo
quest'ordine senza nostalgia...
Mutuo aspettare, spaziare,
calcolando un futuro anteriore
che per natura seguirà il suo corso,

Tutto ancora verde e troppo grigio,
regole d'una terra di nessuno
dove stare in punta di piedi,
tenere il respiro oltre il livello
del tempo che, segnando il passo
sempre lascia la traccia più indelebile.

Nessun altro segno che potessi vedere
incosciente più della fortuna,
clessidra mai piena ne vuota,
gravità stravolta,
sbilanciando
anche me come sabbia riversa
attraverso il sentirmi così piccola.


Ridimensionare e giustificare
quello che ho e non ho.
Non è mai mancato il mio regalo
il solo caldo riguardo del sole,
il cenno per rifrangere voglia ed inerzia
nel mio vivere la luce attraverso.

Soffusa, voluttuosa, così la volevo,
ma questa notte mi ha preso alla sprovvista
con la sua pelle nera,
ha lasciato andare le distanze
mostrando un cuore che sa
di parole dette e non dette,
di suoni nient'altro che sentiti...
Ed io per me, ho preso un piccolo battito.

Lo spirito, l'estro, lo slancio nel giocarsi tutto
anche lontananza ed avvetura.
Gli occhi del tempo brillano di talento
così libero di appassionarsi
di ascoltare e dare,
inchinarsi a bellezza e solitudine,
ma arte quela dolcezza
che forza ha fatto delle paure
.

Nell'incanto, nel timore, così poche parole,
sospese ancora a metà, del resto,
rimane un taglio aperto per l'allinearsi
di estranee visioni e tangibilità.
Ora nel mio letto di sincopi e china
siedo e ripenso, a gocce d'oro
cambiata come fosse primavera
in un lungo lento sorso d'autunno
quando ti ho dato irrevocabilmente
il mio Benvenuto.
.
.
Sono graditi commenti di qualunque tipo. Grazie
.
.


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: