ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 10 maggio 2014
ultima lettura giovedì 1 agosto 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

New World-capitolo 5

di Veronica97. Letto 502 volte. Dallo scaffale Fantasia

CAPITOLO 5 Quando la mia sveglia suona per svegliarmi il primo istinto che ho è quello di lanciarla fuori dalla finestra e di tornare a dormire nel mio letto. Anche se gli eventi della scorsa sera mi hanno turbata,alla fine il sonno ha avuto ...

CAPITOLO 5


Quando la mia sveglia suona per svegliarmi il primo istinto che ho è quello di lanciarla fuori dalla finestra e di tornare a dormire nel mio letto. Anche se gli eventi della scorsa sera mi hanno turbata,alla fine il sonno ha avuto il sopravvento e dopo un bel po' sono riuscita a dormire,ma ho comunque perso delle ore di sonno. Alla fine spengo la sveglia e in uno stato di semi coma vado in bagno a farmi una bella doccia in grado di svegliarmi. Indossati dei leggins fiorati e una maglietta bianca preparo la tracolla con i libri che dovrò utilizzare durante la mattinata. Solitamente anche durante il pomeriggio ci sono ore di lezione ma in vista degli esami che si terranno il prossimo mese e che occuperanno i seguenti tre mesi sono state sospese per permettere agli studenti di prepararsi come meglio credono. Mentre penso alla tragedia degli esami il mio cellulare mi riporta alla realtà producendo il tipico suono da sms in arrivo

“Finite le lezioni ti aspetto in biblioteca,così studiamo insieme ;) Sergio” sorrido leggendo il suo messaggio ed esco dalla stanza per dirigermi verso il corso di biologia della signora Gutierez. A me piace biologia anche se studiare l'ereditarietà dei caratteri umani è una noia mortale. Arrivata in aula mi siedo vicino ad una ragazza emo che non ho mai visto,sono tentata di rivolgerle la parola ma il suo sguardo tutto preso dal vedere ciò che le sue dita veloci stanno digitando sulla tastiera del cellulare,mi lascia intendere che è meglio lasciarla stare

“Giorno ragazzi, ci siete tutti?” dà una veloce occhiata all'aula,non so proprio come sia possibile ma possiede un'eccezionale memoria fotografica e per questo ci chiede di restare sempre ai nostri posti

“Oh vedo una nuova ragazza,vieni pure a presentarti”si sta rivolgendo proprio alla mia compagna di banco che non sembra accorgersi di avere gli occhi di 34 persone puntati addosso,le tiro una gomitata ricevendo come risposta uno sguardo d'odio

“La professoressa ti sta parlando” le dico acida,il suo sguardo mi ha turbata,insomma non ci conosciamo neanche,che motivo aveva di guardarmi con odio!Lei sembra allora riprendersi e vedendo la prof sorridente e in attesa si alza e prende posto vicino a lei

“Mi chiamo Judite e non vedo l'ora di compiere 18 anni per andare via da questa scuola di merda” tutti la guardiamo allibiti e la prof a momenti sviene

“Signorina!Cerchi di mantenere un linguaggio adatto alla situazione!”in risposta quella torna a sedersi e la Gutierez si siede alla cattedra facendo scorrere le sue unghie smaltate sui nostri nomi scritti nel registro aperto davanti a lei “Oggi come vi ho detto la scorsa lezione interrogherò tre di voi” il panico si impossessa di me poiché so solo le cose fondamentali della differenza tra ereditarietà vampira e umana: mentre gli umani per esempio hanno il colore della pelle differente noi vampiri possediamo tutti lo stesso pigmento molto chiaro che rende la nostra pelle quasi bianca,anche se con i dovuti accorgimenti(un po' di fard sulle guance) nessun umano si accorgerebbe della differenza tra noi e loro; noi non abbiamo i cosiddetti alleli dominati e recessivi,ovvero quelle caratteristiche che possono o no manifestarsi e che possono ritornare nelle generazioni future,noi vampiri prendiamo una delle caratteristiche paterne o materne e finisce lì,in parole povere i miei figli non potranno mai avere gli occhi come quelli di mio padre ma dovranno per forza avere o i miei occhio o quelli del mio fidanzato. Tutto ciò è dovuto a delle alterazioni presenti nel nostro DNA e che ci rendono quello che siamo: esseri che necessitano di afflusso di sangue per sopravvivere ed estremamente longevi. Altra particolarità è il nostro non avere un gruppo sanguigno,anche questo ereditato dagli umani da un genitore,e possiamo quasi dire di possedere tutti lo stesso gruppo in quanto il mio sangue è identico a quello della barista della festa;inoltre noi possiamo ricevere qualunque tipo di sangue senza morire e questo è dovuto alla nostra capacità di trasformarli e di adattarli al nostro.

“Possono accomodarsi alla cattedra Franceschi,Winnerth e Vladimir” tiro un sospiro di sollievo,il mio nome non è stato pronunciato e posso così passare il resto dell'ora ad oziare e a pensare ai fatti miei. E il pensare ai fatti miei vuol dire pensare alla notizia di ieri e della preoccupazione per i terremoti...chissà se ne stanno avvenendo degli altri in questo momento, e come se mi avesse letto nel pensiero Alexandra mi invia un sms

“Sto facendo Attualità politica ed economica e non ho potuto non tirare fuori l'argomento dei terremoti,ma il prof ha capito male e pensa che io mi riferissi ai terremoti di questa mattina in Portogallo,Italia,Norvegia e Regno Unito... ce ne sono stati degli altri Lia e anche particolarmente forti da quello che ho capito”

“Merda!17 anni di vita e non ho mai visto un terremoto,tranne quello di ieri, e adesso così tanti colpiscono la nostra Zona...è vero, perché solo la nostra Zona?!”

“Sono sicura che la stessa cosa stia accadendo anche nella Zona Orientale solo che noi non ne sappiamo niente”

“Potresti avere ragione...io nel pomeriggio vado in biblioteca con Sergio,tu che farai?”

“Oh mamma,ma che vai a fare con quello in biblioteca?Devo prendere ripetizioni di mate da Paul sennò gli esami non li passo per niente”

“Faccio quello che farai tu con Paul,quindi studiare”

“Io non mi butterò tra le sue braccia e lui non cercherà di ficcarmi la lingua in bocca!!”

“Se è per questo neanche Sergio lo farà!Poi senti chi parla,colei che è andata ad una festa solo per andare a letto con l'organizzatore”

“Detta così i miei scopi sembrano tanto da sgualdrina...che palle devo lasciarti:breve tema su ciò di cui abbiamo appena discusso da consegnare a fine ora!Ciao amica :)”

“Wow,divertiti amica!”smettiamo di messaggiare e per occupare gli ultimi trenta minuti di lezione osservo la strana Judite. I suoi occhi ed i suoi capelli sono nella norma,occhi e capelli scuri,il suo abbigliamento un po' meno e non p solo per il colore nero e triste ma anche per il trucco pesante e per lo sguardo stanco. Se fosse stata un'altra persona avrei cercato di fare conversazione però lo sguardo lanciatomi sta mattina ha spento in me ogni desiderio di comunicazione. Le altre cinque ore passano più o meno velocemente:due ore in laboratorio a fare esperimenti chimici,un'ora di spagnolo,e altre due di storia antica. Finite queste passo in camera mia per togliere i libri dalla tracolla e prendere latino e geografia moderna da ripassare con Sergio. Entrata in biblioteca gironzolo tra i tavoli alla sua ricerca. Pur essendo una sala che trasmette sfarzo e antichità in ogni angolo con i suoi tappeti arabi tessuti a mano,gli scaffali in mogano con intarsi dorati,i tavoli in legno massiccio e i lampadari di cristallo, possiede anche elementi moderni come alcune scrivanie dotate di computer e collegamento ad internet. Smetto di gironzolare e decido di scrivergli un messaggio per sapere dove si trova quando lo vedo sbracciarsi per richiamare la mia attenzione

“Ehila!”lo raggiungo e mi siedo di fronte a lui posando la tracolla sul tavolo

“Ieri sera sei riuscita a dormire?”che carino,si stava preoccupando per me

“Ci ho messo un po' ma alla fine mi sono addormentata. Hai sentito dei terremoti nella nostra Zona?”

“No...”gli racconto del documentario della sera precedente e del contenuto degli sms di Xandra. Mi guarda alcuni istanti con l'aria assorta e mi sembra quasi di poter vedere gli ingranaggi nella sua mente mettersi in moto

“E' mai successo prima?”

“Mi sono posta la stessa domanda sai?Però penso di no”

“Ok allora studiamo poi controlliamo su internet” accetto il suo piano così presi dalla smania di scoprire qualcosa di più sulla situazione. Studiare con lui è qualcosa di piacevole e totalmente diverso dal farlo con Alexandra,io e lei ci perdiamo sempre in chiacchiere di troppo e a volte scegliamo di studiare insieme materie che nessuna delle due ha capito veramente. Cerchiamo di finire il prima possibile ma passiamo comunque tre ore sui libri. Ritiriamo tutti e ci spostiamo alla prima scrivania libera,anche se la maggior parte degli studenti possedeva un computer proprio le postazioni pubbliche ci permettono di studiare insieme in modo molto più semplice

“Cosa cerchiamo?”sorride divertito come se avessi appena fatto la battuta del secolo ma io non comprendo

“Beh andiamo sul sito dello Stato” gli occhi mi escono dalle orbite,cosa vorrebbe dire con andiamo sul sito dello Stato?

“Possiamo farlo?”

“Oh certo!Se ci sono io ovviamente”mi fa l'occhiolino orgoglioso di se,poi inizia a spiegarmi “Nel tempo libero ho aumentato la mia capacità nell'utilizzare i computer e la rete e sono diventato bravo ad entrare in vari siti che hanno un accesso un po' difficile”

“Sei diventato un hacker?!”

“Si può anche definire così”a lui sembra tutto normale,io sono ancora un po' traumatizzata. Digita in interrottamente sulla tastiera ed io resto lì ad osservare con un po' di agitazione

“Ma lo possiamo fare?”annuisce,è troppo concentrato per rispondere “Voglio dire è legale?”

“Più o meno. Oh ecco fatto” smetto di fissare il suo volto per spostare il mio sguardo sullo schermo dove una cartina della nostra Zona si illumina di rosso in alcuni punto in tempo reale

“Non riesco a crederci!”la cartina è aggiornata in tempo reale e mostra la situazione sismica,e la cosa più preoccupante è che i puntini rossi si accendono e spengono continuamente,pur non mostrando l'intensità delle scosse

“Sta davvero succedendo qualcosa di strano,però non comprendo”

“Neanche io” ci lasciamo così,io vado in camera dove medito su quello appena successo in attesa di raccontarlo ad Alexandra.



Commenti

pubblicato il 16/05/2014 18.01.37
julia, ha scritto: XD bellooo

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: