ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 28 marzo 2014
ultima lettura domenica 10 febbraio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Storie di povertà

di garufolo. Letto 411 volte. Dallo scaffale Viaggi

 Parlerò di due persone povere che chiedono l'elemosina vicino a dove abito, ma che lo fanno in maniera decisamente diversa.Lei se ne sta fuori dal supermercato, con i suoi quattro stracci addosso, a chiedere soldi a chiunque entri o esca; ...

Parlerò di due persone povere che chiedono l'elemosina vicino a dove abito, ma che lo fanno in maniera decisamente diversa.
Lei se ne sta fuori dal supermercato, con i suoi quattro stracci addosso, a chiedere soldi a chiunque entri o esca; lui se ne sta all'ingresso dello stesso supermercato, anche lui con l'intento di racimolare qualche spicciolo dalle persone che vanno avanti e indietro. Lei lo chiede cantilenando con la voce ma guardandoti con sguardo torvo, e se non le dai nulla, comincia a dirti cose nella sua lingua che somigliano tanto a qualche tipo di maledizione a te e alla tua famiglia; lui sorride sempre a tutti quelli che passano, che gli diano o meno qualcosa e se anche gli danno 10 centesimi, ringrzaia a più non posso; sistema i cestini delle spese lasciati dalla gente vicino alle casse, riportandoli all'ingresso; aiuta anche gli anziani, talvolta, riaccompagnandoli addirittura a piedi fino a casa se hanno borse pesanti; lei ha un bambino, che a volte è lì con lei, e a cui dà gli ordini, cioè di chiedere l'elemosina in maniera asfissiante, pedante; il bambino avrà otto anni; lui, la sua famiglia ce l'ha al suo paese, ne parla a chi glielo chiede, due o tre volte all'anno riesce anche ad andare a trovarli; lei guarda malissimo lui, perché la gente dà le monete quasi sempre a lui e quasi mai a lei; lui un giorno mi dice "Tu sei buono; ti auguro una buona giornata, anche ai tuoi cari"; lei un giorno mi dice "Che sia maledetta la tua famiglia". Questo per dire che, al di là delle generalizzazioni superficiali di molte persone, e premettendo che, chiaramente, magari mi posso sbagliare sul conto di quest'uomo in apparenza buono e bravo, comunque ci sono immigrati e immigrati e, soprattutto, ovunque possono esserci persone povere e povere persone...


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: