ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 7 marzo 2014
ultima lettura venerdì 4 ottobre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Le Notti del Cavaliere Oscuro di MG Capitolo 35

di MarianGalters. Letto 661 volte. Dallo scaffale Fantasia

Le notti del Cavaliere Oscuro è la storia mai raccontata delle origini dell'Uomo Pipistrello, dei suoi alleati e degli spietati e famigerati villains. Strizzando l'occhio ad anni ed anni di albi a fumetti e ai film campioni d'incassi dedicati a Batman

CAPITOLO 35 DI 40 I FURGONI DELLA MORTE

Erano trascorsi troppi giorni...lui continuava a vivere li sotto...
La rabbia ormai dominava la sua ragione...era un anima sola e dimenticata nell'oblio della follia.
Nel putrido labirinto di canali di scolo che formavano la rete fognaria di Gotham City, quell'uomo ora viveva....Bramando vendetta assetato di rivalsa.
I topi gli fanno compagnia e spesso diventano il suo pasto...
Nel putrido labirinto di canali che formano la rete fognaria di Gotham, appoggiato ad un'ammasso di rifiuti, un tizio terribilmente sfigurato sogna l'assassinio di massa di tutti coloro i quali ritiene responsabili del suo triste destino...Quell'uomo lo giura sul suo sangue: presto tutti quelli che l'hanno reso un abominio la pagheranno...
Ogni notte trascorsa sotto i putridi labirinti che formano la rete fognaria di Gotham, quell'uomo rinnova il suo giuramento.


Ore 12.00 am... Sul tetto di casa Gordon...
«C'è mia figlia di sotto, parliamo piano, non voglio che ci senta...» lo avvertì il Commissario e Batman: «Sono passate tre ore dal videomessaggio del Joker...ci sono vittime?»
«No al momento sembrerebbe di no. Gli artificieri sono già a Gotham Square ma non hanno l'ordine di intervenire...Se il Joker ci tiene d'occhio non possiamo rischiare che inneschi la bomba. Ammesso che nello stomaco di quella donna ci sia davvero una bomba...»
«Quel pazzo non mente...Almeno non quando fa le sue minacce, se poi bleffa sarà meglio per noi...»
«Nel frattempo abbiamo fatto sgombrare quasi tutto il quartiere, tutte le scuole e gli ospedali più piccoli. Le squadre del capitano Ohara sono efficientissime...
Resta impresa ardua il Gotham General, le operazioni di evacuazione richiederanno ancora un paio d'ore...ma se dovesse esplodere la bomba non riusciremo mai a salvare tutti, basti pensare che tra gli artificieri, i miei uomini e i reporter si contano più di trenta persone proprio sotto il monumento alla giustizia...»
«Allora dovrò consegnarmi a lui...»
«Questo non ci assicura che non la farà esplodere, anzi potrebbe approfittarne facendoti saltare in aria non appena ti vedrà arrivare in quella piazza...Quel maledetto Clown ha capito che tu sei l' unico ostacolo, l'unico che può fermarlo...ormai tutti l'hanno capito persino Hart.»
«Se nello stomaco di Harley Quinzel c'è davvero una bomba miniaturizzata, così sofisticata e con un raggio d'azione così ampio allora significa che il Clown si è procurato l'ordigno dall'unico uomo che in questa città poteva procurarglielo...»
«Oswald Cobblepot, il Pinguino.» Replicò Gordon sottolineando quel nome scontato.
«Per quanto riguarda quei tre?»
«Fortunatamente ho emesso il mandato di cattura due ore prima del videomessaggio del Joker...sarebbe stato difficile arrestare il dottore durante l'evacuazione di emergenza...gli altri due sono ancora a Black Gate dove li hai lasciati tu la notte scorsa...ancora non mi hai detto come li hai presi...»
«Stavano tentando di entrare nell'ospedale per riprendersi il loro capo, ma hanno trovato me ad aspettarli!»

BlackGate
«Esigo assolutamente una spiegazione...Perchè sono stato portato qui?» Domandò ormai senza più pazienza Thomas Elliot...
«Si calmi dottore, invece di perdere tempo facendo domande alle quali non risponderemo si preoccupi di chiamare un buon avvocato....Non faccia come i suoi sprovveduti amici...» rispose il direttore Stan Lewis.
«I miei amici??? Quali amici???» Chiese Thomas stupito...e il direttore Lewis gli indicò una cella dietro la quale potè scorgere le sagome di due enormi bestioni...Arthur Cox e Eric Bane.
Batman aveva tratto le sue conclusioni e Gordon aveva emesso i mandati di cattura...
Thomas Elliot si era dato al crimine assumendo il nome di Daimon Hush, e grazie al potere del Senatore James Stevenson e di suo fratello Martin Stevenson ex membro delle amministrazioni delle Wayne Enteprises, era riuscito a mettersi a capo di una specie di gruppo criminale che mirava a distruggere perchissà quale strana ragione, l' uomo più ricco e potente di Gotham, Bruce Wayne.
Tutto fu più chiaro al Pipistrello quando intercettò grazie ad una cimice sistemata dal suo stesso alter ego, nella stanza d'ospedale del vecchio amico d'infanzia, una telefonata di Thomas...
Qualche ora dopo la telefonata, furono proprio gli ormai a piede libero Croc e Bane a tentare di portare via dal General Hospital Thomas Elliot...L'intero piano d' indagine del Pipistrello aveva funzionato alla perfezione dall'inizio, con l'interrogatorio forzato fatto a Thomas nelle vesti sia del Pipistrello che di Bruce Wayne, alla fine con l'incontro avuto con Julie Madison e il pedinamento di Bane e Croc che come lui aveva previsto lo condusse proprio dal loro capo, Thomas Elliot alias Daimon Hush.

Ore 1.15 pm...
All'interno di un magazzino degli uomini con delle maschere da clown maneggiano delle armi, caricano con proiettili di grosso calibro le loro mitragliatrici...
I fari di un furgone fanno luce su una grossa saracinesca che si apre, gli uomini mascherati e armati saltano a bordo del furgone...
Mezz'ora prima...
All'Iceberg Lounge Bar Oswald Cobblepot siede dietro una grossa scrivania all'interno del suo ufficio...sa che il Joker non sarà contento quando saprà del suo fallimento...doveva uccidere Hush ma gli sbirri avevano portato via il dottor Elliot prima del previsto...adesso teme per le sue sorti...
Maledice il giorno in cui tirò fuorì dal mazzo la maledetta carta del Jolly...
Quando si rivolse per la prima volta al Clown, non poteva immaginare quello che poi si sarebbe scatenato...Quella che all'epoca del primo maxi processo gli sembrò la sua carta vincente, ora si stava rivelando sempre di più una carta maledetta, la pala con la quale si stava scavando la fossa....
Ore 1.30 pm...
A Gotham Square Harley Quinzel resta legata sotto il monumento della giustizia...sembra sia stata pesantemente drogata...sono passate più di tre ore da quando gli uomini del Joker l'hanno trascinata li...A qualche metro da lei ci sono gli artificieri e alcuni agenti del G.P.D che tentano di tener lontano gli ultimi cronisti d'assalto del Gotham News...Il Joker dal suo ultimo vieomessaggio non si è fatto più vivo.
Ore 1.30 pm...
Il Gotham General è quasi sgombro...restano gli ultimi dottori e infermieri che si dirigono verso le loro auto per lasciare l'ospedale.
Autobus di linea adibiti per l'occasione d'emergenza al trasporto dei pazienti, si muovono per trasferirli in un altro ospedale...
Ore 1.33 pm...
Un furgone con a bordo gli uomini mascherati armati, giunge al Gotham General, sgomma prima di inchiodare nel parcheggio dell'ospedale...il portellone sul retro si apre saltano fuori gli uomini armati...le ultime persone rimaste nei pressi del parcheggio dell'ospedale si ritrovano accerchiate...proiettili a raffica...tutti morti...gli uomini mascherati dopo lo sterminio risalgono a bordo del furgone...L'ennesima stridente sgommata e poi il veicolo ricomincia la sua corsa...
Ore 1.45 pm...
Un furgone taglia la strada ad uno dei due autobus che trasporta i pazienti del Gotham General...dal furgone sbucano i soliti tizi mascherati e armati fino ai denti...fanno irruzione sul bus aprono il fuoco sterminano tutti autista compreso
Ore 2.00 pm...
Tre furgoni simili a quello che ha seminato terrore e morte arrivano a Gotham Square attirano l'attenzione prima dei cronisti poi dei poliziotti e degli artificieri...dai mezzi scendono clown armati aprono il fuoco.
La risposta al fuoco della polizia e degli artificieri è breve, i clown hanno la meglio ammazzano tutti eccetto la donna legata al centro della piazza e un solo cameramen del Gotham Cable News...lo rapiscono...dopo averlo caricato su uno dei tre furgoni si dileguano...intanto sul posto arriverà presto una nuova squadra di artificieri...
Ore 3.20 pm.
All'IceBerg Lounge bar...fa visita ad Oswal Cobblepot l'ultimo dei tizi che il Pinguino avrebbe voluto incontrare...ovviamente dopo il Joker....
«E tu come hai fatto ad entrare?» Chiese il Pinguino spaventato
«Risparmiati di premere il pulsante d'allarme...il tuo sporco club è completamente invaso dagli uomini di Gordon e del Capitano Ohara, i tuoi tirapiedi sono tutti in manette...E ora dimmi come disinnesco la bomba...» disse Batman con fare minaccioso
«Non so di cosa stai parlando...»
«So dei tuoi traffici con i terroristi e delle armi che tratti...e se davvero il Joker ha un ordigno così sofisticato come quello che dice di avere, allora la bomba miniaturizzata fa parte sicuramente del tuo arsenale...»
«D'accordo che siate tutti maledetti fottuti freak...E' vero quel folle di un Clown non mi ha dato scelta...non puoi fermarlo ci ha messi tutti nel sacco...»
Detto questo il Pinguino impugnò la sua pistola e tentò di far fuoco ma il Commissario Gordon spuntato tempestivamente alle spalle del Pipistrello, gli sparò per primo ferendolo al braccio e disarmandolo...Cobblepot urlò: «Maledizione....Ora te la fai con gli sbirri fottuto pipistrello...morirete tutti vedrete...morirete tutti e andrete all'inferno...»
«Tu intanto ti sei giocato la tua libertà e passerai moltissimo tempo nell'inferno di Black Gate» disse Gordon ammanettandolo...Batman lo afferò per il braccio ferito facendo pressione proprio sulla ferita, fino a infilargli le dita all'interno del foro provocatogli dal proiettile partito dalla pistola del commissario Gordon...Cobblepot urlava. Batman poi disse: «E ora dimmi come fermo quella bomba, deve esserci un modo...»
«AHHHHH...BASTA...D'ACCORDO te lo dirò ma lasciami in pace...fa male...c'è un apparecchio che pemette di disinnescarla a distanza...ora per favore smettila!!» Urlò Cobblepot quasi in lacrime...
Batman smise di premere, poi levò le dita insanguinate dalla ferita ma Gordon ci infilò le sue: «Vediamo... se non sbaglio lui faceva così, io invece proverei con questo!»
Gordon gli infilò un coltello nella ferita e poi lo girò...«Questo fa più male e se continuo a girarlo non si rimarginerà più...»
«Ma cosa diavolo state facendo questo non è legale...io ho i miei diritti non potete farlo!»
Gordon levò la lama dalla ferita e poi lo colpì con il calcio della pistola...
«I tuoi diritti? Voi criminali ormai non avete più diritti...avete voluto una città senza regole e noi ve l'abbiamo data... E ora dicci dove possiamo trovare il congegno che disinnesca la bomba.
Poi il telefono del Commissario squillò. «Sono il tenente Montoya, Joker ha cominciato...»
«Che vuoi dire?»
«Dei clown armati se ne stanno andando in giro per la città a sterminare chiunque gli capiti a tiro...a bordo di alcuni furgoni viola»
«Merda dobbiamo fermarli...» esclamò il commissario guardando Batman e poi continuò: «Il Joker aveva detto che se non ti fossi fatto vivo avrebbe cominciato ad ammazzare chiunque gli capitasse a tiro...ha iniziato a farlo, devi trovare il prima possibile quel congegno...» Batman annuì e saltando dalla finestra dell'ufficio di Cobblepot svanì nel nulla...
Ore 4.45 pm.
Dei furgoni viola scorazzano per le strade di Gotham...a bordo dei clown armati con delle mitragliatrici sparano all'impazzata sui passanti...
Ore 4.50 pm.
Il commissario Gordon coordina le squadre antisommossa...assieme al Capitano Ohara
Ore 5.00 pm.
Il Pipistrello munito del congegno che dissinnesca l'ordigno a distanza si prepara all'azione...
Ore 5.05 pm.
Al Gotham Journal viene recapitato un nuovo videomessaggio del Clown del Crimine...Il Gotham Journal lo passa al Gotham News che lo trasmette sul canale 21 del Gotham News Cable in edizione straordinaria...In tv appare ancora una volta il volto del Joker...
Ore 5.30 pm.
Il videomessaggio:
''Buonanotte Gotham e Gothamiti...sono passate parecchie ore e Batman ancora non si è fatto vivo...vi avevo avvertito...lui non si è presentato ed io ho mantenuto la promessa, ho inviato i miei furgoni della morte a fare un pò di stragi qua e la...sono un uomo di parola...Non è vero
Commissario Gordon?! Ho un'altra sorpresina per te...ma non voglio rovinarti la sorpresa....
Ritornando a noi: voglio Batman al fianco di Harley Queen fra meno di due ore...ah quasi dimenticavo volevo ringraziare la redazione del Gotham Cable per avermi concesso in comodato d'uso uno dei loro cameraman...''

Mentre il Joker parlava lo si vedeva afferrare la sua pistola dalla tasca del pantalone viola poi sparare verso la camera ovviamente all'operatore che gli stava di fronte...il segnale si interruppe bruscamente.
«E adesso di quale sorpresa parla?»...Chiese il Commissario
«Sara meglio mandare qualcuno a casa sua, c'è sua figlia vero?» Chiese Roder
«Vuole che la trasferiamo in un posto più sicuro?» Domandò il detective Kitch
«Si ma prima dobbiamo fermare quei maledetti furgoni...non manderò mia figlia in giro per la città mentre quei dannati clown scorazzano per Gotham sparando all'impazzata...»
In quel momento il telefono del Commissario squillò di nuovo, James rispose, dall'altro capo del telefono il Sindaco Hart:
«Deve consegnare Batman a quel pazzo...Il presidente in persona ha inviato la Guardia Nazionale a Gotham fra non molto la città verrà invasa dai militari...»



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: