ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 6 marzo 2014
ultima lettura sabato 10 ottobre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Il confine

di DeliaP. Letto 401 volte. Dallo scaffale Pensieri

Non esiste felicità che ci renda immuni dal dolore, è un'utopia.Si soffre sempre, le situazioni fanno il loro corso e noi ci ritroviamo catapultati al loro interno senza saper trovare un'uscita, anche se in alcuni casi ciò che davv...

Non esiste felicità che ci renda immuni dal dolore, è un'utopia.
Si soffre sempre, le situazioni fanno il loro corso e noi ci ritroviamo catapultati al loro interno senza saper trovare un'uscita, anche se in alcuni casi ciò che davvero occorre è una scala d'emergenza, o magari due, o tre, non si sa mai.

Il dolore è una condizione umana, non è possibile misurare la felicità in base ad esso.

Non sono emotivamente equilibrata, eppure ho raggiunto lo stadio della felicità "che resta", anche se incompleta.

Che resta, ho detto, perché mi riferisco a quella felicità che raggiungi con te stesso. Sei solo, pur non essendolo mai. Ecco, questa felicità non può portartela via nessuno, ed è "assoluta".

Ma incompleta.
Perché non so quanti miliardi di cose crediamo ci manchino per essere "completi", e invece sono solo stronzate. Ci lasciamo annientare da ciò che non abbiamo svalutando quel che è già vicino a noi, ma che non osserviamo.

Per tutte le volte che ancora mi lascio distruggere dal nulla, e fa male.
Per tutte le volte che ancora mi dico che passa, e attendo.
Per tutte le volte che mi guardo soffrire, e lo specchio piange.
Per tutte le volte che sono infelice, quando invece la felicità resta.

Resta la mia, ma non la vedo.
Il dolore non le fa luce, ma lei provvede da sola non a sé, ma a me.

Resta la felicità di quando dopo aver pianto notti intere, al mattino l'alba mi sveglia con la sua semplicità, allo specchio la mia figura appare più dolce, i tratti del viso più distesi.

Il dolore è sempre lì, non va via, vuole oltrepassare il confine dove inizia la mia felicità.

E non ci riesce.



Commenti

pubblicato il 07/03/2014 13.06.35
Soleacatinelle, ha scritto: Si dice che quello che manca è quello che ci serve, e quello che abbiamo non ci sembra necessario fin quando resta sotto mano. A dire il vero, questo è quello che dico io, e solitamente a me stesso. In questo caso facendo uno strappo te l'ho scritto, tanto per condividere, almeno in larga misura, quello che hai postato

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: