ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 12 febbraio 2014
ultima lettura mercoledì 13 febbraio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

3.Cazzate di un vecchio con oltre duemila anni di età

di Mesky. Letto 419 volte. Dallo scaffale Fantasia

Quel vecchio,insomma,dovette spingere dal fondo per arrivare dov’è. Frequentò,come tutti gli altri bambini,le scuole dell’obbligo,ma non vi imparò nulla; Non era ferrato per nessuna materia,non sapeva leggere né...

Quel vecchio,insomma,dovette spingere dal fondo per arrivare dov’è.

Frequentò,come tutti gli altri bambini,le scuole dell’obbligo,ma non vi imparò nulla; Non era ferrato per nessuna materia,non sapeva leggere né scrivere,ma cosa ben più grave,non sapeva nemmeno parlare! E questo lo dilaniava nell’interno quando voleva spiegarsi e non ci riusciva,non sapeva nemmeno come si facesse ad esternare un sentimento,un emozione senza ricorrere all’utilizzo delle parole. Quell’essere era muto e apatico. Divenne poi un ribelle ma come un topo che lancia sassolini dalla sua piccola tana sottoterra. Tutti gli stavano alla larga,era troppo strano quel tipo.

Quando di rado gli capitava una vittima,il vecchio,ai quei tempi molto giovane,non se la lasciava scappare (seppur si mostrasse indifferente. Era una tecnica) e succhiava la loro linfa vitale più che poteva,le prosciugava fino a che non avendone più per loro stesse,erano costrette a rinascere,ma senza di lui.

Molto ne soffriva,nonostante avesse consumato fino all’osso la sua preda,preferiva piuttosto conservarne lo scheletro ma questi si ricoprivano di nuova carne e fuggivano.

D’altronde si sa,i diavoli piangono dei loro mali commessi.

Tuttavia,col trascorrere dei secoli,prese conoscenza di ciò e vi furono in lui dei cambiamenti...



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: