ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 11 febbraio 2014
ultima lettura giovedì 15 ottobre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Come un filo d'erba

di ANGELIKA. Letto 771 volte. Dallo scaffale Amore

Lei era come un filo d'erba. Del vento che soffiava non le importava, seppur sapesse che poteva ucciderla. A volte temeva di finir calpestata dalla lu...

Lei era come un filo d'erba. Del vento che soffiava non le importava, seppur sapesse che poteva ucciderla. A volte temeva di finir calpestata dalla lurida suola di una scarpa, ancor peggio colta dalla mano di un folle ragazzo. Molti erano i modi per morire, e lei li conosceva sin dal primo istante di vita. Sbocciata da una terra giovane che seme di brutalità aveva inseminato, cresciuta nell'aridità di quel suolo che non l'amava e inaspriva con il vino le sue viscere, rinnegando fino a che poteva quel filo d'erba che la impediva. Era un filo d'erba e lo sapeva. E come tutti i fili d'erba, anche Lei stava lì a dormire nei prati. Poco importava se fossero chimici gli elementi che la saziavano e alcoliche le sostanze che la dissetavano. Prima o poi, anche Lei sarebbe finita come finiscono tutti i fili d'erba, la sorte che accomuna anche quelli più lucidi, di quel verde brillante che si esalta con le spennellate mattutine di rugiada. Il fumo che spesso inalava era naturale seppur illecito; quello innaturale era legale, ma Lei non ci badava e da ambedue pareva prendesse sospiri. Le mani che la accarezzavano erano come quelle paffute dei bambini ...che colgono il primo fiore di primavera, delicati e quasi chiedendo il permesso. Tremavano per timore di farle male e quando smettevano e andavano via, si giravano ancora un'altra volta a salutarla, certi di ritornare e trovarla ancora bella. Altre mani la lambivano: erano violente, forti e arroganti. A volte, temeva che giungesse la fine per mano d'esse, che cattive le percuotevano il gracile corpo. Non si volgevano mai indietro a salutarla quando finivano, e lei sapeva che sarebbero tornati a procurarle amarezza. Le stagioni si alternavano, l'inverno arrivava sempre, rigido e acuminato, ma si stupiva di come non rabbrividisse più, seppur la neve tutta la coprisse. In altre, non paventava di bruciarsi al sole d'estate, di essiccare come tutti gli altri manti o di ingiallire in autunno per poi rinascere in primavera. Era come un filo d'erba e non aveva paura. La vita le sfuggiva di dosso, non sapeva piangere né sorridere e una volta, un appassionato artista sconsolato e malinconico le scattò una fotografia Una foto sola, ora posata su di un'umile tomba. Adesso che Edera è morta e nessuno sa come sia successo.
Angela Mori.


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: