ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.130 ewriters e abbiamo pubblicato 72.191 lavori, che sono stati letti 45.507.445 volte e commentati 54.552 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 5 dicembre 2003
ultima lettura giovedì 28 settembre 2017

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Nel nome del padre…

di carlo digiovanni. Letto 1022 volte. Dallo scaffale Poesia

Abbandonato a viverti bambino: falciati i tempi della fanciullezza, perduti i tempi della giovinezza; non un cenno di carezza nei giorni della ...

Abbandonato 
a viverti bambino:
falciati i tempi della fanciullezza,
perduti  i tempi della giovinezza;
non un cenno di carezza
nei giorni della solitudine,
non un gesto d’amore
nei giorni della sofferenza;
non una pietosa madre 
a guidarti sui sentieri 
difficili dei sentimenti.
Nulla a te fu donato 
e tu solo lunghi silenzi
hai potuto imbandire 
ai tuoi e qualche urlo
di lacerata umanità.
Solo fosti da sempre,
e solo sei rimasto
fin quando la pietà del cielo
distese un velo di silenzio
sulle ombre e sui suoni
che in ultimo affollarono
la tua alienata solitudine.
Ora, al mio tempo
Il tempo tuo manca, 
a te pietà pensosa 
per la vita che so
intrisa di amara solitudine:   
chissà se i figli di tuo figlio  
guarderanno i miei occhi 
come io ho guardato 
i tuoi dispersi occhi 
ritornati di bambino 
che si è perso nella vita
e che la vita ha perso.



Commenti


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: