ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 17 gennaio 2014
ultima lettura martedì 11 giugno 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

La bellezza non è tutto

di Patti37. Letto 462 volte. Dallo scaffale Storia

Ragazza era e ragazza resterà per sempre. Questa ragazza aquila che attende di spiccare il volo non aveva idea che un giorno ci sarebbe riuscita...

Capitolo 1

Le era stato affidato fin dalla nascità, era particole ma lo voleva cambiare, non poteva prima di aver compiuto la maggiore età. - Per diventare qualcuno devo cambiarlo- implorava alla sua madre adottiva non poteva tenersi quel nome eternamente lungo che si portava dietro da sempre. -Non dire così, è bellissimo e poi è l'unico ricordo della tua famiglia!- -Si ma non mi importa della mia vera famiglia se mi hanno abbandonato- -Avranno i loro motivi- gli diceva sempre sua madre.

AnnaMariaElisabetta sapeva bene la storia, appena nata i sui genitori biologici l'hanno abbandonata davanti alla porta di casa della famiglia Ugotti con un biglietto sul pancino, leggendolo la signora ugotti capì che doveva tenere quella povera bambina, c'erano scritti tutti i dati personali della bambina tranne i suoi veri genitori. Quel biglietto Anna lo custodisce come fosse un tesoro.
Il luogo in cui preferisce stare è la sua camera, piccola e comoda; passa ogni pomeriggio a sfogliare riviste di moda, adora i vestiti e sa sempre come vestirsi in qualsiasi occasio. La scuola non è il suo forte, non ama studiare solo passare per i corridoi di quel immenso palazzo pieno di scale, infatti quando passa è impossibile non guardarla è quasi più bella del sole. Voci di corridoi dicono che possa provenire da una famiglia di sangue reale e siccome il cittadini non vogliono che i re come governatori, i loro genitori hanno fatto adottare la figlia per non coinvolgerla nelle rivolte cittadine.
Non aveva amici, se aveva dei segreti non poteva svelarli a nessuno, decise così di chiedere un'amico ai genitori: un cagnolino; Anna aveva un carattere aggressivo e brusco non andava d'accordo con nessuno, un cagnolino forse l'avrebbe aiutata a cambiare.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: