ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 9 gennaio 2014
ultima lettura domenica 13 ottobre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

La Metro Ci Riporta

di DOMENICO DE FERRARO. Letto 354 volte. Dallo scaffale Viaggi

LA METRO CI RIPORTALa metro  ci  riporta  a casa in questo inizio di gennaio attraverso un tunnel lungo , sporco di  malaparole  intriso  d’ignoranze ,sofferenze ,sghignazzi  di ragazzi .Stazione  dopo staz...


LA METRO CI RIPORTA

La metro ci riporta a casa in questo inizio di gennaio attraverso un tunnel lungo , sporco di malaparole intriso d’ignoranze ,sofferenze ,sghignazzi di ragazzi .Stazione dopo stazione salendo verso il monte ove troneggia il maniero in cui risiede il signore dei sogni colui che tutto conosce e tramuta ogni cosa in quello che tu desideri. Una folla enorme di persone mi sta davanti pronta a tutto ,simili nei passi nei pensieri volgari ,volti a carpire una immagine profana. Ed il mondo è piccolo ,meschino visto con gli occhi di colui che ammira il maestoso presepe fatto di tante persone pronte a prenderti a calci per nulla .Anche la befana e finita in ospedale ferita al braccio colpita da tre proiettili sparati da chi sa quale squilibbrato . Arrivata a cavallo di una scopa elettrica ha sorvolata la città intera a caccia di qualche sfortunato .
La trovato per caso, forse l'ultimo deficiente in questa città che continuava a credere nella magia dei Re Magi . Girovagava dalle parti della stazione cercando qualcuno a cui vendere
Il suo libro di racconti appena pubblicato . Ma in molti lo prendono in giro ,lo deridono l'invitavano a prendersi un caffè ,poi lo derubano ,lo cuffeano ,infine lo fanno bere e lo gettano in mezzo ad una strada solitaria ai lati della grande stazione. Nessuno conosce il suo nome ne da dove viene . Così la befana la trovato ,l'afferra tra le braccia mentre un ubriaco tenta di colpirlo con un calcio e lo trascina via con sé in un luogo sicuro lontano dal male ,
lo porta via gli regala un biglietto della lotteria comprato poco prima a Roma risultato poi vincente. Il poveretto oggi ricco sfondato festeggia e ripensa ai giorni passati quando non aveva il becco d'un quattrino , ripensa a chi la salvato da una esistenza infame . A quella strana vecchina a cavallo d'una scopa ora monitorata in una terapia intensiva che combatte contro un ignobile morte . A questa assurda vita fatta di piccole illusioni, a questo lungo viaggio verso casa in questo inizio d’anno.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: