ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 4 gennaio 2014
ultima lettura mercoledì 15 luglio 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Saluti. Commiati. Congedi. Adii.

di Puvetta. Letto 390 volte. Dallo scaffale Generico

Ogni volta che un capitolo arriva a conclusione, lungo o corto che sia stato, ti porta al maledetto momento dei saluti.Saluti. Commiati. Congedi. Addii. A volte ti abbracci, un abbraccio di quelli che ti stringono spesso, anche due volte al gio...

Ogni volta che un capitolo arriva a conclusione, lungo o corto che sia stato, ti porta al maledetto momento dei saluti.
Saluti. Commiati. Congedi. Addii.

A volte ti abbracci, un abbraccio di quelli che ti stringono spesso, anche due volte al giorno, anche se non dovesse succedere domani.
Altre volte ti stringi, 100 volte di seguito, incapace di decidere quale sarà l'ultima.
Altre volte ti guardi, camminando all'indietro, per qualche metro, fissando nella mente ciò che scorre sui due fianchi.

Certe volte ti dici cose forti, perché è stato bello conoscersi, perché abbiamo condiviso molto, perché non ti dimenticherò.
Altre volte non ti dici nulla, perché non serve, perché ti sei "detto" ogni giorno di quelli passati assieme.
Altre volte deglutisci tutte quelle frasi che non riesci a pronunciare. Poi giri l'angolo e ti sfoghi in un sms o in una mail chilometrica.

Certe volte ti guardi sapendo che non ti rivedrai mai più. Mai più per sempre.
Altre volte ti dai appuntamento, di sicuro ci sarà occasione, anche se non succederà.
Altre volte gli occhi sanno che si incontreranno ancora. Sarà un altro luogo.

Certe volte lasci una famiglia, una classe, dei colleghi, dei vicini, dei coinquilini, degli amici, dei fratelli, dei titolari, dei mentori.
Altre volte lasci una città, un quartiere, una strada, una casa, un letto.
Altre volte lasci un amore.

Salutare è difficile, abituarsi a farlo è deleterio.
Dire addio, senza dire addio, l'unica salvezza.
Ogni luogo, ogni incontro, ogni viso, ogni parola ti plasma, calcificandosi nelle tue ossa.
Le ossa che sosterranno i tuoi prossimi passi.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: