ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 15 dicembre 2013
ultima lettura giovedì 23 maggio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Unicorn,capitolo 7 parte 1

di Angelblue95. Letto 833 volte. Dallo scaffale Fantasia

  CAPITOLO  7 Il sole splendeva alto nel cielo azzurro e un leggero venticello faceva produrre un piacevole fruscio alle foglie degli alberi. Improvvisamente,Unicorn si svegliò di soprassalto. Aveva fatto un sogno. Anzi no. Forse non ...

CAPITOLO 7

Il sole splendeva alto nel cielo azzurro e un leggero venticello faceva produrre un piacevole fruscio alle foglie degli alberi.

Improvvisamente,Unicorn si svegliò di soprassalto. Aveva fatto un sogno. Anzi no. Forse non lo era. Il giovane si guardò intorno e si accorse che Dorian non c'era più . Il rosso si alzò frettolosamente,facendo attenzione a non svegliare Reina facendo troppo rumore,dopodiché cominciò a cercarlo.

Forse se ne era andato per via della discussione che avevano avuto ... oppure aveva deciso semplicemente di piantarli in asso a tutti e due.

Mentre era intento a formulare queste ipotesi,si sentì mettere un braccio intorno al collo e venne strattonato con così tanta energia che se non avesse avuto un buon senso dell'equilibrio sarebbe caduto a terra.

<<Buongiorno!>>- esordì Dorian tutto sorridente.

Unicorn si liberò dalla stretta .

<<Sono contento che tu abbia dormito bene,adesso andiamo a prendere la nostra roba e rimettiamoci in viaggio!Dove sta quella piccola bisbetica?>>-chiese il moro incamminandosi.

Il rosso gli fece gesto che stava ancora dormendo.

<<Bene,la sveglio io!>>-rispose il moro con noncuranza.

Unicorn gli si parò davanti,facendo energicamente no con la testa. Non era una buona idea svegliare Reina:poi diventava intrattabile per buona parte della giornata.

<<Che c'è?Non mi fa paura!E poi non abbiamo tempo da perdere,quindi è meglio per lei che si dia una mossa!>>

Unicorn sospirò rassegnato. Sapeva che non sarebbe riuscito a fargli cambiare idea,così si limitò a seguirlo sbuffando.

Dorian fissò Reina tutta accoccolata nel sacco a pelo,che dormiva beatamente;poi si rivolse a Unicorn:

<<Senti,facciamo così:io ho delle maniere un po' più rozze delle tue,quindi prova prima tu a svegliarla;se fa storie poi ... ci penso io!>>

Il rosso sorrise,s' inginocchiò a terra e scosse leggermente la spalla della giovane. Niente. Ci riprovò una seconda volta,ma di tutta risposta la ragazza brontolò qualcosa in segno di protesta e si girò dall'altra parte.

<<Va bene,ci penso io!>>-disse il giovane facendo a Unicorn cenno di spostarsi.

Dorian si inginocchiò vicino a Reina,poi prese un po' dell'acqua che aveva nella borraccia e gliela vuotò addosso:

<<Forza,in piedi!Hai dormito a sufficienza!>>

La ragazza si alzò di soprassalto,con un urlo spacca timpani.

<<Visto?E'stato facile!>>- disse il moro rivolto a Unicorn,che si era messo le mani tra i capelli:adesso sì che Reina si sarebbe infuriata per bene!

<<Ma che ti dice la testa?!Sei un idiota!Guarda che hai fatto!Ho tutti i vestiti fradici,ed è solo colpa tua!>>

<<Può darsi,ma il sole è già alto,per cui si asciugheranno mentre camminiamo!>>

<<Posso sapere almeno che ore sono?!>>-chiese arrabbiatissima lei.

<<E' tardi,quindi adesso che lo sai puoi smetterla di poltrire e darti una mossa!>>

La giovane si alzò,uccidendolo con lo sguardo. Il rosso si avvicinò alla ragazza con un'occhiata dispiaciuta,aiutandola a portare le sue cose. Reina gli fece un sorriso,sapendo che non c'entrava niente e così si rivolse nuovamente a Dorian:

<<Si può sapere perché hai tutta questa fretta?!Hey!Mi stai ascoltando?!>>

<<Ce la fai Al?>>-chiese il moro con noncuranza a Unicorn.

<<E adesso cosa stai facendo?>>-chiese Reina.

<<Non lo vedi?Lo aiuto a portare i bagagli!Non è che solo perché è un ragazzo deve fare tutto lui!>>

La ragazza arrossì,sentendosi terribilmente colpevole. Quello sciocco presuntuoso sembrava piuttosto bravo nel metterla in imbarazzo e a farla sembrare una piccola viziata.

<<Su,non incantarti!Dobbiamo muoverci da qui al più presto. >>-le disse Dorian,che si era già incamminato insieme a Unicorn.

La ragazza decise momentaneamente di passarci sopra e seguirli. Ma questa se la sarebbe legata al dito,poteva starne certo!

Dopo aver camminato per qualche metro,si fermarono di colpo.

<<Andiamo di qua!>>-disse il moro facendo un cenno della testa verso la parte più buia della foresta.

Unicorn sgranò gli occhi:quel ragazzo era matto o cosa?Nonostante non fosse un umano,il giovane unicorno sapeva benissimo che cosa si diceva su quel luogo e lui ci era stato una volta sola,quando era piuttosto piccolo:se non fosse stato per i suoi sensi così sviluppati non sarebbe tornato indietro.

Reina rabbrividì,ma cercò di non darlo a vedere:

<<No,secondo me non è una buona idea!Andiamo dall'altra parte!>>

<<Ma dai,è una scorciatoia!Ci risparmiamo un sacco di strada!>>-disse il ragazzo dai capelli corvini.

<<Non so cos'abbia TU in quella testa vuota,ma io lì non ci metto piede!>>

<<Ma dai,e ci credi pure?!>>-sbuffò Dorian.

<<Certo che sì!Hai sentito le storie che girano intorno a quella foresta?>>

<<Sì,e ti ripeto che sono tutte idiozie!>>-dichiarò il ragazzo.

Unicorn inarcò le sopracciglia,notando la nota di arroganza nella voce del giovane:avrebbe fatto meglio a ricredersi.

<<Alborn!Non sarai mica d'accordo con lui?>>-gli chiese Reina con gli occhi sgranati.

Il rosso non fece in tempo a rispondere che si udì qualcuno che si stava avvicinando,così Dorian li trascinò a tutti e due nella foresta:

<<Sta arrivando qualcuno!Forza,correte!E non provate a fermarvi!>>

(...)

TAP.

(...)

Dopo pochi minuti,delle guardie arrivarono nello stesso punto in cui erano prima i tre ragazzi.

Una di queste si grattò la testa,pensierosa:

<<Eppure ero sicuro che fossero qui!>>

Quella affianco gli si rivolse rabbiosa:

<<Perfetto!E adesso chi glielo dice?!>>

In quell'istante si udì un rumore di zoccoli che si avvicinava.

<<Eccolo!Dio mio santissimo ...>>

Un cavaliere dall'armatura nera,in sella a un cavallo,fissò dall'alto gli uomini,poi parlò con voce tagliente:

<<Allora?>>

<<M- mi dispiace Sir ... non sono neanche qui!>>-balbettò la guardia .

<<Cosa mi state dicendo?Che abbiamo fatto tutta questa strada per niente?>>-chiese con un tono di voce gelido il condottiero.

Tutte le guardie si ammutolirono.

<<Eppure ... e-ero sicuro!Li avevo visti con i miei occhi!>>-disse quella con la barba.

<<E AVRAI VISTO MALE!>>-tuonò il cavaliere.

Alcune guardie ridacchiarono,ma smisero subito non appena si accorsero che l'uomo li stava fissando.

Nessuno osò fiatare,sapendo che adesso si sarebbero beccati una bella strigliata.

Il cavaliere scese dal suo cavallo,camminando lentamente davanti ai suoi uomini:

<<E così,ridete!Lo trovate DIVERTENTE! >>

Silenzio.

<<Due vostri compagni sono stati uccisi da un bamboccio e due ragazzini ... e voi non sapete fare altro che RIDERE.>>

La guardia affianco a quella con la barba deglutì rumorosamente.

<<NON POSSO CONCEPIRE CHE DELLE GUARDIE DEL RE SI COMPORTINO IN QUESTO MODO!Prima mi dicono di aver assistito alla scena e poi ...!SPARITI!Le persone spariscono,Drew?!EH?!ERANO QUI FINO A POCO FA E ORA SONO SVANITE NEL NULLA?!METTETEVI IN TESTA CHE QUESTO NON E' UN GIOCO!IO NON HO TEMPO DA PERDERE,CHIARO?!DANNAZIONE A ME E A QUANDO M I E' STATO AFFIDATO IL COMANDO DELL'ESERCITO! >>-urlò infuriato.

Nessuno osò fiatare,abbassando la testa in segno di colpevolezza.

Il cavaliere salì sul cavallo,dopodiché tirò le redini e si allontanò al galoppo:

<<MUOVETEVI! PER OGGI LA PASSATE LISCIA, MA SE SI VERIFICHERA' ANCORA UN ERRORE DEL GENERE C I PENSERA' IL SOTTOSCRITTO A PUNIRVI COME SI DEVE!>>.-.-.-

Intanto nella foresta ...

Reina si accasciò a terra,stremata:

<<Tu ... tu sei pazzo!>>-disse rivolta al moro.

Unicorn si appoggiò al tronco di un albero;nonostante non si stancasse come gli altri esseri umani,aveva il fiatone per quanto aveva corso.

Dorian lì in mezzo era quello meno stanco:

<<No,non direi proprio!Forza,adesso riposiamoci un attimo e poi proseguiamo!>>

La ragazza lo guardò con aria sospettosa:

<<Aspetta un attimo ... prima che ci trascinassi qui hai detto che stava per arrivare qualcuno!>>

Il moro la guardò sgranando gli occhi,facendo la faccia da finto innocente:

<<Non so di cosa parli!>>

<<Come sarebbe!L'hai detto tu pochi minuti fa !A chi ti riferivi? >>

Unicorn guardò Dorian;in effetti glielo aveva sentito dire anche lui.

<<No,è meglio se non ve lo dico. Se si è deboli di cuore certe notizie lasciano il segno!>>-disse con tono scherzoso.

Reina rivolse un'occhiata indignata al rosso:

<<Ma lo vedi come fa?!Si diverte a prenderci in giro!Scommetto che ci ha messo nei guai!>>

Dorian si voltò ,lanciandole un'occhiataccia:

<<Senti un po' bella!Se non fosse stato per me avresti fatto una brutta fine!Quindi un minimo di gentilezza quando parli con me,ok?>>

<<Ma pensa te cosa mi tocca sentire!TU che parli di cortesia a me!>>

<<Non ce la fai proprio a essere carina e gentile come tutte le femmine,eh?>>

A questo punto Unicorn si avvicinò ai due litiganti,schioccandogli le dita davanti agli occhi per riprenderli;quel litigio doveva essere l'ultimo dei loro pensieri.

Il rosso guardò il ragazzo negli occhi,facendogli capire che non era il momento di scherzare e che voleva sapere come faceva a essere a conoscenza di quell'informazione.

Dorian si voltò,andandosi a sedere su un masso:

<<E va bene,parlo. Le guardie ... ci stanno seguendo. Credevo di averle uccise tutte,ma mi sbagliavo. Ce ne stava un'altra,nascosta dietro a una siepe. E ha visto tutto. Quindi in poche parole ... ci stanno dando la caccia!>>

<<Frena un po'!>>-disse Reina indignata mettendosi le mani sui fianchi-<<E' a TE che stanno dando la caccia!Noi non c'entriamo niente!Eravamo lì per caso!>>

Il moro sospirò:

<<Ma vi hanno visto con me,e questo basta. Oh,su con la vita!Non è detto che ci prendano!Io vado avanti così da anni e sono ancora vivo!Basterà un po' di allenamento!>>-rise.

<<Oddio!Mi sto sentendo male.>>-mormorò la ragazza accasciandosi a terra.

Unicorn corse subito in suo soccorso,sostenendola,dopodiché rivolse un'occhiataccia a Dorian. Non era proprio il caso di fare ironia!

<<E va bene,aspettiamo che la signorina si riprenda,poi continuiamo il viaggio!Intanto Al,mi passeresti la sacca?Voglio dare un'occhiata alla mappa!>>

Il rosso lo fissò guardingo. Non sapeva ancora bene se potesse fidarsi di lui o meno. Aveva sempre paura che se ne scappasse da un momento all'altro piantandoli in asso.

<<Dai,voglio soltanto vederla un attimo!>>-disse Dorian con il tono più gentile possibile.

Unicorn sospirò,porgendogliela. Avrebbe fatto bene a fidarsi di qualcuno così furbo?

Il ragazzo la fissò attentamente per un minuto buono;sembrava piuttosto concentrato. Improvvisamente Reina si riprese e gliela tolse di mano:

<<Che stai facendo?Alborn non devi farti fregare da questo qui!E' un imbroglione!>>

Dorian socchiuse gli occhi:

<<Hey!Vi salvo la vita due volte e hai ancora il coraggio di insultare?Comunque tornando a noi ,Al,vi ho portato nel posto giusto!La mappa dice che dobbiamo passare di qui!>>

Reina aggrottò le sopracciglia:

<<E dove l'hai letto,scusa?>>chiese mostrandogli la mappa.

<<Qui!>>-disse il moro indicando un punto sulla pergamena.

La ragazza mise su un'espressione confusa:

<<Ma sono solo segni. Non c'è scritto niente!>>

Unicorn si sporse per vedere meglio. Guardando con più attenzione però,si accorse che quella era un tipo di scrittura. Purtroppo,non capiva il significato delle parole,ma a quanto pare Dorian sì. L'unicorno aveva sentito parlare di quel tipo di grafia ... eppure faticava a ricordarsi quando e da chi.

Il rosso guardò un'ultima volta il giovane,soffermandosi sul segno sulla guancia. Improvvisamente ebbe un flashback.

Una ragazza. Una ragazza dai lunghissimi capelli neri. Già,ma questo cosa c'entrava con Dorian?Unicorn scosse la testa. Evidentemente stava impazzendo.

<<Come fai a saper leggere questi segni?>>-chiese Reina al giovane dai capelli corvini.

<<Non sono segni!E' una ... scrittura.>>-rispose lui con voce strascicata. Dall'espressione era evidente che fosse sorpreso quanto lei.

<<Ma sono soltanto dei punti!Punti e ghirigori!Come facciamo a sapere che non ci stai ingannando?>>

<<Magari fidandovi!>>-rispose Dorian.

<<Non chiedi poco!Ci hai già imbrogliati una volta ... e poi se non ci dici qualcosa di te,la vedo difficile!>>

Il ragazzo sbuffò infastidito:

<<Insomma ma cos'è tutta questa curiosità nei miei confronti?Non mi piace parlare del mio passato con gli altri!>>

<<Bene,FANTASTICO!Allora sai che ti dico?Io me ne torno indietro!>>-disse la ragazza facendo dietro-front.

<<Provaci,voglio proprio vedere se dopo due minuti non torni indietro frignando!>>

Reina lo fulminò con lo sguardo,poi prese le sue cose e se ne andò.

Unicorn si avvicinò al ragazzo dai capelli nero-blu e prese la sua energia senza chiedergli il permesso;poi parlò infuriato:

"Ma sei impazzito?!Lasci che una ragazza se ne vada da sola con questo buio nella foresta?!Non sai quanti pericoli si nascondano qui dentro?!"

<<Calmati,sono soltanto dicerie!>>

"E INVECE NO!Io qui ci ero stato e ti assicuro che è tutto vero!Ci sono creature della quale tu neanche conosci l'esistenza!E' pericoloso per un umano avventurarsi qui!"

Dorian si ammutolì per un istante. Poi parlò:

<<Non c'è problema. Possiamo andare a riprenderla anche subito!Sen'è appena andata,non può essersi allontanata troppo.>>

"Bene,allora muoviamoci!"-gli disse mentalmente Unicorn trascinandoselo dietro.

<<Aspetta,ho un'idea. Se ci dividiamo abbiamo più speranze di trovarla!>>

"Certo,bella pensata!E poi TU sai tornare indietro?"-domandò il rosso infastidito.

<<Ho un buon orientamento. Ci ritroviamo fuori dalla foresta!Vorrà dire che imboccheremo la via più lunga.>>

E detto questo i due si incamminarono uno in una direzione,uno in un'altra.

Intanto da dietro un cespuglio,fece capolino uno spirito della foresta:

<<Bene bene!Umani!Ci sarà da divertirsi!>>

FINE CAPITOLO 7



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: