ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 11 dicembre 2013
ultima lettura sabato 4 maggio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Un Altro Natale

di DOMENICO DE FERRARO. Letto 300 volte. Dallo scaffale Viaggi

UN ALTRO NATALENatale ,camminando  ignaro verso il  domani                  perduto tra i  vicoli, tra i volti di una città ferita  , non ritrovare più    la strad...

UN ALTRO NATALE

Natale ,camminando ignaro verso il domani
perduto tra i vicoli, tra i volti di una città ferita , non ritrovare
più la strada del ritorno. Andare per sponda a sponda in una terra ostile.
In questo freddo pomeriggio s’odono mille voci,
l’animo cade in preda a mille fantasie.
Fuggendo dal male , dal secolo egoista , dagli incubi che s’affacciano
ogni ora a questa porta che bussano , vogliono entrare , chiedono di far parte di questa canzone.. Ritornano ,avanzano minacciosi i Dei della ragione vengono spavaldi , profetizzando ,vengono a studiare questo corpo malato che vogliono a tutti costi capire e guarire. Seduto su una montagna d’ esplosivo , tra poco la rivolta scoppierà ,non ci saranno prigionieri , ma solo dolore , dentiere ballerine , brandelli di vita , viluppi canori , sorrisi spezzati. Un fiume in piena travolgerà case , sepolcri travolgerà questa libertà calunniata presa a calci da chiunque. Nullo è il segno , nullo è il significato , si cammina su fili di seta nella sera al lume della luna parlando con le stelle come un povero matto. Una voce misteriosa esce fuori dal ventre della terra ferita , le donne danzano nell’aria ,volano con in braccio i loro pargoli , difendono le loro passioni , così diverse ,così leggiadre ,salgono fin sopra le nuvole, c’è chi fa boccacce, chi fa dispetti. Case dai denti aguzzi non c’è regola , non c’è rispetto . Qualcuno cammina per strada senza sapere dove andare dove trovare l’ultimo giaciglio in cui riposare . Un essere crudele si mangia ogni cosa , desideri , volontà una fila d’indiani , una vecchia mendicante , un politico corrotto , un giovane studente , una macchina nuova. Ogni cosa è in fine ,una breve illusione , un segreto condiviso, un sentimento divenuto immagine chiamato da più amore.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: