ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 21 ottobre 2013
ultima lettura mercoledì 13 novembre 2019

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

L'Ultima Isola parte 9

di Tamarindo. Letto 409 volte. Dallo scaffale Fantasia

Grazie a tutti coloro che fino ad ora hanno sostenuto me e tutti i miei "bambini" nell'avanzare di questa storia!

KjL volse lo sguardo in direzione della voce.

Sugar stava appollaiata su una lapide con lo sguardo divertito, stavolta aveva l'aspetto di una bambina .

"Ti è piaciuto il ricordino?"

"Dunque eri tu la famosa bambina.."

"Beh sai, in un certo senso è stata una fortuna per loro che tu non fossi in casa..."

"..." KjL notò avvicinarsi un'altra donna, stavolta ebbe minor difficoltà a riconoscere chi fosse.

"Ciao Mascherina <3 Orsacchiotto sarà felice di vederti !"

La donna dai lunghi capelli castano scuro e dal fisico anche troppo provocante gli sorrise maliziosa e divertita, fu solo quando fece cenno di alzarsi e vide il braccio di lei diventare a forma di una sorta di pistola organica che si ricordò della donna che aveva tentato di ucciderlo sull'Isola.

"Millycent....A quanto pare a Killigan non bastavi più da semplice umana..." Sorrise,consapevole di far infuriare l'inquietante cecchina.

KjL si alzò in piedi,finchè erano solo due sarebbe bastato una sola Crisi...Una sola...E forse..

Quella speranza però si infranse quasi subito per KjL.

In lontananza intravide l'ultima persona al mondo che il nostro povero KjL avrebbe mai voluto incontrare in quel momento.

"Ma Ciao..."

"Era l'ora! Sei sempre il solito gorilla!" Sugar scese dalla lapide come per volersi allontanare da un luogo che , a breve, sarebbe diventato molto pericoloso.

"E taci ..Vecchiaccia."

"Ehi Jeremia <3, vedi di non ucciderlo, Orsacchiotto lo vuole vivo"

"Eh? Vivo?? E da quando in qua io vengo pagato per fare l'accalappia cani?"

La situazione era surreale.

Stavano ragionando su come catturare KjL, ma lui era là, di fronte a loro ...Senza alcuna chance..

Non contro Jeremia.

Si trattava di un energumeno alto quasi 2 metri,probabilmente di origine irlandese , dai capelli biondi e gli occhi grigi.

La cosa però che lo rendeva temibile era il suo potere;

Qualunque cosa lo colpisse veniva parata dalla sua pelle incredibilmente resistente , tanto da farsi guadagnare il soprannome di "Uomo d'Acciaio".

Già altre volte aveva avuto a che fare con lui e tutte finivano con KjL costretto a mesi di ospedale.

Jeremia parve essere piuttosto irritato.

"Dì un pò... Quanto vivo ha detto di volerlo il capo...?"

"Vedi un pò tu..."

KjL disperatamente cercò di darsi alla fuga ma fu facilmente ripreso e schiacciato a terra.

"Dove pensi di andare ? Ah? Sai quanti cazzo di anni è stato quel dannato vecchio di merda a cercarti?"

"Ugh..!" Si dimenò tentando di liberarsi perlomeno un braccio dalla presa.

"E sta fermo!!..O ti giuro che te le strappo queste dannate braccine!"

"Provaci figlio di puttana!"

Non avrebbe dovuto dirlo. Se ne rese conto troppo tardi, quando Jeremia lo scaraventò di peso addosso alla statua dell'angelo.

Sentì il petto bruciare,lo spacco gli duoleva da impazzire e dopo quella botta anche l'alzarsi di nuovo in piedi sembrava un'impresa.

Si sentì sollevare in malomodo da terra.

"Non ho ancora finito con te."

Nel frattempo il gruppo di Servett stava cercando in lungo e in largo KjL, senza però successo.

..

Furono i momenti più lunghi di tutta la sua vita, KjL fu preso e pestato a sangue quasi come fa un gatto con lo sfortunato topolino di turno,Jeremia stava giocando con KjL.

"Ehi. Non ti sembra di star esagerando?" Sugar apparve di fronte a Jeremia,parando uno dei tanti pugni del gigante.

"Tsk, no! Non lo vedi? Scoppia di salute!"

Lo guardo di Sugar disse molto più di quanto il suo silenzio fece.

"Andiamocene, idiota!"

KjL non si muoveva più,doveva aver perso i sensi pochi minuti prima.

Jeremia gli tolse il giaccone ormai logoro e poggiandolo al braccio rimasto intatto della statua dell'angelo disse "Lasciamo le bricioline.."

In seguito, lo trascinarono in un auto scura per poi sparire nella nebbia mattutina.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: