ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 2 ottobre 2013
ultima lettura venerdì 16 ottobre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Mortacci (14)

di vennyrouge. Letto 472 volte. Dallo scaffale Attualita

E li marziani tornarono su ‘a tera. “Era da ‘n po’ che nun se vedevano!”   “Vabbè. E ‘n do’ scesero? Sur Campidojio?”   “No! Nun ce n’avevano er motivo!” &nbs.....

E li marziani tornarono su ‘a tera. “Era da ‘n po’ che nun se vedevano!”

“Vabbè. E ‘n do’ scesero? Sur Campidojio?”

“No! Nun ce n’avevano er motivo!”

“’n miardo de euri nun so’ motivo sufficente...? No?”

“C’è de peggio!”

“Sta a vede allora, ch’era n’na giornata de pioggia mista a sole...”

“None. Era de sera e nun se vedeva quasi gnente!”

“A crisi?”

“Più che artro erano finiti ner “Tunnel.” Quello der quale se vedeva ‘a fine...”

“Poracci. Sai quanno je passa mo?”

“Quello che scenne da “Pineta Sacchetti...”

“Ho capito. Ma è uguale. Si s’ingorga: hai chiuso!”

“Piuttosto: t’hanno pagato?”

“Ma ‘na cartata de affari tua? No?”

“Aò, ‘o sai che sei diventato permaloso?”

“No! Ci ho solo ‘n po’ de “cazzi” qua e là.”

“Scesero su a tera pe’ anna’ a vede come funzionano l’auto co’ a benzina annacquata...”

“E perché?”

“A loro mica je riusciva de progettalla. Manco ‘n laboratorio je veniva bene. Gniente da fa: nun erano proprio boni ...”

“ Ma che ce doveveno fa?”

“Nulla. Volevano capì, come se fa a ridurre a sto modo ‘na popolazione de eroi, de santi e de navigatori...”

“E de ladri...”

“ Io nun ho detto gnente...”

“Manco io!”

“Insomma volevano comprenne come se fa a fa tanto casino co’ l’ospedali, cor lavoro, pensioni, er telefono, ‘a compagnia “Aerea” e tutta sta robba qua... tutta assieme.”

“Vabbè faceveno prima a ritorna’ ar parlamento... era pure bona oggi...”

“Er voto de fiducia?”

“Certo! Ha fatto er pieno!”

“Benzina annacquata, no? Potemo dillo?”

“Ammappete, mo ho capito... però quella d’a benzina è pure vera... pare che evapora...”

“E l’omino verde, piccolo e schiacciato, disse ai due ch’erano rimasti a piedi e senza sordi su a strada diretti verso ar ponte: “Aò, scusate, ma pe’ anna’ ai Parioli dovemo prosegui’ dritti? ”

“Se! Fino all’artezza d’a Salaria...”

“N’è che fammo tardi pe’ er teatro?”

“No. No. Se recita in continuazione!” Ja rispose ‘no “Zingaro” che stava a passa’ ‘n bicicletta, o quarche attrezzo der genere. ”

“E allora tocca fa’ l’abbonamento!” Disse er marziano preoccupato.

“Qua l’abbonamento ce l’avemo tutti e 'a cosa più popolare che ce sia!”

“E che va in scena?” Chiese ancora er marziano fiducioso de ave’ ‘na risposta, perché, se badi bene, se vede che nun era preparato...

“E’ ‘na traggedia e va ‘n scena da vent’anni tutti li sacrosanti giorni. Mortacci loro. ” Ja rispose ‘na pora mignotta, assai giovane e carina de “Zagabbria.” Costretta a vennese pure quella “Ar caro vita” e forse ‘n giorno a paga’ l’Iva a ‘sto morto de fame e de mafia che se chiama “Stato.”

“Mortacci” appartiene a Veniero Rossi.


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: