ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 6 settembre 2013
ultima lettura lunedì 14 ottobre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

* Fiore virtuale *

di Kry1306. Letto 438 volte. Dallo scaffale Generico

'''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''

... Non so fino a che punto sia riuscito, ma penso che troverai il fiore che avevo "raccolto" per te a Pasqua. Avevo catturata questa immagine, proprio pensando al tuo compleanno, l'ho trasferita su una chiave usb per averla con me oggi, in agosto.
Ti rinnovo i miei auguri e ti invio questo colore di vita, di passione, che ti abita per il tuo Gianni e per la vita che so che ami, perché ti faccia compagnia nei giorni appannati, smorti, o quando vai a nasconderti nello stanzino delle scope...
Oggi è una bella giornata, anche se, come al solito, mi assalgono svariati pensieri e non è facile tenere il cielo sgombro in queste condizioni. Ma sento cose attorno a me che accadono a persone che conosco, cose raccapriccianti e non posso pensare altro di essere fortunato.
La vita è certamente bellissima, ma a volte o molte volte è come una fiera feroce che con un solo gesto della mano ti può annientare o distruggere tutti i tuoi sogni, i tuoi idoli.
Scrivere poesie o altro, camminare tra le parole, a volte sembra solo una perdita di tempo tra i balocchi, una fuga per nascondersi in una terra che non esiste a continuare il gioco dei bambini. È un po' il mio, ma non solo il mio, eterno dilemma: cerco di capire se ciò che accade ha un senso, è un compimento, è una nuova frase di un romanzo o è solo un'accozzaglia di casualità. Nessuno, se non una voce sconosciuta dentro di me che ancora dorme o che si sveglia solo a tratti, può rispondermi. Intanto guardo il luccichìo del mare sotto il sole e aspetto, sto come in ascolto, forse del canto delle sirene, come Ulisse, che voleva e non voleva sentirle.
Nel frattempo, ancora, ti mando i miei più cari auguri, insieme al profumo ideale di questa rosa rossa che non sa sbiadire.


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: