ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 1 settembre 2013
ultima lettura domenica 22 novembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Insieme senza pensare (parte 7)

di momo3196. Letto 487 volte. Dallo scaffale Amore

Quella mattina mi svegliai di soprassalto... avevo fatto un incubo: Fabrizio stava picchiando Adam.Andai come al solito a scuola, ma quel giorno era diverso da gli altri. Sul cancello e sopra ogni pianta, c'erano appesi dei palloncini. All'inizio pensa.....

Quella mattina mi svegliai di soprassalto... avevo fatto un incubo: Fabrizio stava picchiando Adam.
Andai come al solito a scuola, ma quel giorno era diverso da gli altri. Sul cancello e sopra ogni pianta, c'erano appesi dei palloncini. All'inizio pensai che fosse la festa di qualcuno, poi salendo le scale vidi uno striscione; era la festa di inizio anno. Questa festa durava due giorni, in cui si faceva sempre lezione, ma le ultime due ore si ballava in palestra o si giocava a pallavolo.
In classe lo sguardo di Fabrizio era fisso su di me , lo vedevo con la coda dell'occhio e ogni volta che mi giravo per parlare con Candice e Serena, lui accennava un sorriso. Ma quel giorno i miei pensieri non erano rivolti a lui, semplice ad Adam. L' avevo conosciuto da un giorno e mi incuriosiva... a differenza di Fabrizio lui era molto gentile e dolce e contemporaneamente , non era noioso, parlare con lui era divertente. Del resto non era neanche brutto, anzi un bel ragazzo con tanto di muscoli al punto giusto.
Finite le quattro ore di pura noia e sonnolenza, ecco arrivare le due di sfrenato divertimento. Le mie amiche ed io andammo subito in palestra, dove misero la musica, e ballammo. Ci stavamo divertendo da matte e allo stesso tempo gli raccontai di Adam.
Carlotta, una ragazza avventurosa, diceva che non dovevo pensare a lui, ma bensì a Fabrizio.
Da lei una risposta del genere me l' aspettavo; era in cerca di scoops. Mentre Candice e Serena avevano un opinione totalmente diversa: " Cosa? " disse Serena " Di quel cretino non devi farci neanche un pensiero, vuole trovare l'ennesimo giocattolino". Come se non bastasse, proprio in quel preciso istante, sentii una voce dietro di me: " Chi è che vuole un giocattolino?" era Fabrizio "Non mi dire che ti vuoi comprare una bambola?" disse sorridendo. Mi girai e lo fissai a lungo con sguardo provocatorio : "Che cosa vuoi?"
" Desidero che tu balli con me! "
" Come scusa? Sei fuori di testa!" risposi, non accorgendomi di alzare la voce. Il suo sorriso, all'improviso scomparve, in un secondo momento si avvicinò lentamente a me. Il suo naso sfiorava il mio. il mio cuore stava battendo talmente forte che le mie guance si tinsero di rosso per la vergogna. Vedendomi in difficoltà, sorrise di nuovo : " Allora?" disse. Io mi rigirai, volevo continuare a ballare con le mie amiche, ma loro erano andate a prendere da bere. Così mi affrettai ad andare da loro, quando mi sentii prendere con forza per un braccio. Mi tirò e mi prese per la vita afficinandomi sempre di più al suo corpo. Il mio cuore stava per scoppiare.
Rimasi impassibile, immobile... mi stavo vergognando a morte.
Staccò le sue mani da i miei fianchi, prese le mie e le portò attorno al suo collo, poi le sue tornarono su di me.
"Vedi? Non è difficile!". Lo guardai e non riuscii a dire niente, ero rimasta sorpresa; non solo perchè stavo ballando con lui, anche perchè stava cominciando a piacermi.
Mi stava fissando, poi spostò una ciocca e me la porto dietro l'orecchio dicendomi: " sento il tuo cuore..."
"e io il tuo" dissi, e per la prima volta arrossì. Sorrisi.
"Sai?" disse "lo so che ti piaccio, non lo negare! lo vedo che effetto ti faccio, quando stai con me diventi nervosa". Ecco!! Aveva rovinato tutto. " Lo divento perchè alla presenza di psicopatici prendo fuoco!" gli diedi una spinta e ritornai a ballare con le mie amiche.
" Cosa è successo?" chiese Candice preoccupata, " Niente" risposi . Poi una voce nel mio orecchio " Prima o poi sarai mia" era Fabrizio. Non feci in tempo a rispondergli che lui se ne era già andato.

#################
grazie a tutti quelli che stanno leggendo la mia storia e che continuano a seguire parte per parte.
Cercherò di scrivere piu veloncemente, ma del resto è estate per tutti ... ;-)
comunque continuate a leggere... commentate e votate .
per chi mi vuole seguire sono su instangram con il nome di momo3196
Grazie ancora !! :-*



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: