ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 20 agosto 2013
ultima lettura mercoledì 20 marzo 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

13

di khumana. Letto 330 volte. Dallo scaffale Pensieri

Estate è trovarsi nella solita piazza, seduto al solito marciapiede con la tua solita bibita in mano e sentire dentro un vuoto cosmico, un buco nero di dimensioni oceaniche, che divora i bordi come le buche nella sabbia bagnate dal mare,...

Estate è trovarsi nella solita piazza, seduto al solito marciapiede con la tua solita bibita in mano e sentire dentro un vuoto cosmico, un buco nero di dimensioni oceaniche, che divora i bordi come le buche nella sabbia bagnate dal mare, ch'è una ferita sempre aperta, non si rimargina mai e non ti lascia mai, che è sempre lì con te, a farti capire quanto è fugace la tua esistenza a bordo di questa nave di disperati al mondo, a farti ricordare che proprio lì, sotto a quell'albero, un giorno di quattro o cinque anni prima, o che invece, dall'altra parte, su quelle scale, sotto Natale, illuminati dai lampioni. Le lacrime divorano le cavità interne della faccia così per non lasciare tracce visibili, che nulla è consentito in merito, al giorno d'oggi, e tutto è così difficile che ti viene voglia di infilare la testa in quella merda di buco nero e davvero, ma davvero, non uscirne più. E' che poi non ci resta nessuno (qui).



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: