ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 30 luglio 2013
ultima lettura martedì 29 gennaio 2019

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

Miniserie : I Costello

di jakred. Letto 394 volte. Dallo scaffale Pulp

<<E' quello>><<Dove?>><<Eccolo sta entrando nel negozio>><<Vuoi farlo proprio nel negozio?>><<Si>><<Ok. Gli faremo passare il vizio per sempre>>.Due uomini scesero da una renault. ...

<<E' quello>>
<<Dove?>>
<<Eccolo sta entrando nel negozio>>
<<Vuoi farlo proprio nel negozio?>>
<<Si>>
<<Ok. Gli faremo passare il vizio per sempre>>.
Due uomini scesero da una renault. Si avviarono in direzione del negozio. In realtà era una sal giochi. Entrarono. Si guardarono intorno e tra chi giocava a biliardo chi al calcio balilla videro al bancone un uo9mo intento a parlare. Era il loro uomo. Quello con la camicia hawaiana indicò in direzione del bancone. L'altro annuì. Si avvicinarono. L'uomo si era spostato e stava prendendo parte ad un tavolo di biliardo per giocare. Aveva appena preso la stecca in mano, quando vide avvicinarsi un uomo in camicia hawaiiana. Si sedette al bordo del tavolo da biliardo e si mise ad osservare .Così facevano tutti. Non gli prestò attenzione più di tanto. Mentre faceva il primo tiro sentì l'uomo in camicia hawaiiana dire <<Ma Come cazzo tiri amico? manco la stecca da biliardo sai reggere>>. L'aveveo fatto apposto ad alzare la voce per farsi sentire da tutti i presenti. Tutta la sala cadde in silenzio.
<<Stai dicendo a me?>>
<<E a chi sennò?>> Disse sempre l'uomo mantenedo le braccia incrociate sul petto. Si avvicinò all'uomo.
<<Sai chi sono io?>> ripetè l'uomo sempre con la stecca in mano. L'uomo in camicia haqaiiana si alzò dal bordo del tavolo e gli disse in faccia <<Non sei un cazzo di niente>> e così facendo lo spinse. Mentre cadeva a terra , fulmineo prese una pallina dal tavolo e la lanciò con violenza sulla fronte dell'uomo. Un fiotto di sangue gli uscì dalla fronte. Nel frattempo l'amico dell uomo in camicia arrivò e disse <<Spacchiamogli il culo Tom>>. Lo sollevarono e nello sgomentio di tutti, lo buttarono ocn forza sul tavolo da biliardo. Lo colpirono violentemente alla faccia con numerosi pugni. Dopodichè Tom lo prese, lo mise in piedi, e afferrandolo per i capelli, lo sbattè ripetutamente con la faccia sul bordo del tavolo. Quando il volto dell'uomo fu irriconoscibile a causa del sangue, lo lascio cadere quasi morto al suolo. Si passo la manon non sporca di sangue tre i capelli sudati. Guardo il suo amico.
<<Jack hai una macchia di sangue di questo stronzo sulla maglia>>. Dopo che Jack ebbe controllato, bestemmiò, e cominciò a prendere l'uomo a calci nei fianchi.
<<Basta così dopo chi li sente>>. Smise di pestarlo.
mentre se ne andavano, nel silenzio e nello sgomento generale Tom si girò verso cio che rimaneva dell'uomo e urlò <<la prossima volta che tocchi un'alta volta una ragazza, le ossa te le spezzo>>. Detto ciòi due sparirono.
Ritornati in auto , Jack compose un numero al telefono <<Boss, sono Jack. L'abbiamo sistemato.>> Rimase in ascolto <<Perfetto. Allora aspetto una sua chiamata>>.
<<Tom, andiamo a farci una birra.>>


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: