ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 10 luglio 2013
ultima lettura sabato 26 settembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Insieme senza pensieri (parte 3)

di momo3196. Letto 532 volte. Dallo scaffale Amore

La prima ora passò molto lentamente, tanto che ogni dieci minuti guardavo l’orologio del cellulare. Finalmente il suono della campanella; mi alzai, per andare a buttare il fazzoletto che Candice aveva utilizzato per fare dei disegni. Ero v.....

La prima ora passò molto lentamente, tanto che ogni dieci minuti guardavo l’orologio del cellulare. Finalmente il suono della campanella; mi alzai, per andare a buttare il fazzoletto che Candice aveva utilizzato per fare dei disegni. Ero vicino la porta quando entrò un ragazzo. Era alto e aveva delle spalle molto larghe, occhi celesti, moro, capelli sparati in alto. Si atteggiava come il classico romano-coatto: piedi alle undici e dieci , avanzava spostando il peso da una parte all’altra. Lo fissai, sembrava un ragno!!! Posò il biglietto, dell’entrata in seconda ora, sopra la cattedra e si sedette nel banco dietro a Serena e Carlotta. Si salutò con una pacca sulla spalla con l’amico che sedeva accanto a lui e si sedé.
Non li conoscevo , di sicuro erano due bocciati. Ripresi il mio posto ed entrò la professoressa di inglese.
Il mio sogno era andare all’università di Oxford e vivere a Londra; o , per lo meno, in Gran Bretagna. C’ero già stata l’estate passata e il paesaggio era bellissimo, mi aveva colpito. Lì i parchi erano sempre verdi e a nessuno importava di come si vestivano. Erano tutti matti . Mi ricordo che con le mie amiche stavamo girando Londra, quando ,per chiedere informazioni, siamo andate da un signore che era vestito da Batman, e passeggiava tranquillo per quella via come se fosse una cosa normale. Quindi ascoltai tutta la lezione di inglese quando sentii nominare il mio nome: “ chi? Giulia? “ mi girai e vidi che il ragazzo entrato in seconda ora , mi stava salutando. Gli sorrisi, per ricambiare il saluto, e ripresi ad ascoltare la lezione.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: