ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 25 giugno 2013
ultima lettura martedì 5 febbraio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

IL VIAGGIO IN CIRCOLO

di RossellaButler. Letto 531 volte. Dallo scaffale Fiabe

C'era una volta un ricco mercante che viaggiava in continuazione nel deserto con le sue merci preziose, perché andava in Oriente, al confine con la Siria (un Paese che ha da tempo dimenticato la sua conturbante bellezza)...

C'era una volta un ricco mercante che viaggiava in continuazione nel deserto con le sue merci preziose, perché andava in Oriente, al confine con la Siria (un Paese che ha da tempo dimenticato la sua conturbante bellezza), a comprare spezie, tessuti e unguenti profumati, che poi rivendeva sulle sponde del Mar Mediterraneo con un lauto guadagno.
Tutte quelle belle cose, infatti, si vendevano molto bene tra le dame europee dell'alta borghesia, che volevano rendersi più affascinanti dandosi un'aria esotica.
Il ricco mercante era molto fiero della sua attività ed era felice di non doversi preoccupare della povertà e della vecchiaia. I suoi giorni trascorrevano sereni tra un viaggio e l'altro e così, ben presto, il ricco mercante divenne vecchio.
Ormai i viaggi erano troppo faticosi per lui, allora decise di abbandonare la sua attività. Vendette la carovana a un altro ricco mercante e tornò a casa dalla sua vecchia sposa, tutto contento di poter passare del tempo con lei a riposare e a meditare sulle meraviglie della natura. Questi, infatti, sono privilegi che in gioventù non sono concessi né ai ricchi, né ai poveri, se non in misura molto ridotta.
Così il ricco mercante decise di costruire un piccolo stagno nel suo giardino dove avrebbe potuto mettere dei rospi e delle salamandre, che gli davano la piacevole sensazione di essere parte di una natura invincibile, più potente anche della morte.
Si recò al mercato, il grande bazar della città, dove vendevano anche animali vivi e chiese se per caso avessero dei rospi o delle salamandre. Gli mostrarono delle salamandre molto piccole e magre e lo lasciarono solo ad osservarle, per poter scegliere con calma.
Delicatamente, ne prese una e se la mise sul palmo della mano. " Che creatura insignificante", pensò, " così piccola e indifesa, morirà subito di freddo o di fame, perché non mi sembra in grado di procurarsi del cibo".
Allora la salamandra lo guardò dritto negli occhi, e con suo grande stupore disse: << Anche se tu scegliessi me per il tuo stagno, io non vorrei venire con te. Tu, infatti, stanotte morrai e non ci sarà più nessuno che avrà cura del tuo stagno.>>
<> rispose, irritato, il vecchio mercante.
<>
<< Ma allora devo correre da un medico!>> disse il vecchio, ansimando.
<< E' tutto inutile. Il tuo cuore è troppo affaticato. Piuttosto torna a casa e saluta quelli che ami.>>
<>.
Così il vecchio uscì correndo dal mercato e, disperato per quello che lo attendeva, andò dal medico.
Aspettò molte ore prima di essere visitato, perché c'erano tante persone che dovevano essere curate. La luna era già alta quando il medico ascoltò il cuore del vecchio e gli disse che il suo cuore era normale per essere il cuore di un vecchio e che lui non poteva curare la vecchiaia.
Allora il vecchio si incamminò verso casa e quando giunse sulla soglia del suo portone, un angelo gli apparve dal cielo, gli prese dolcemente la mano e lo trascinò via. La moglie trovò il suo corpo vuoto la mattina seguente e pregò per quel suo marito, pellegrino senza meta.


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: