ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 1 maggio 2013
ultima lettura lunedì 25 novembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

?Storia a Capitoli:Sofy•

di chiacchia. Letto 493 volte. Dallo scaffale Amore

Eih, io sono Sofy.. sono nata a Carpi.. ma vivo a Roma con mio padre.. da quando mia madre è morta.. Io sono una ragazza solare.. . ho i capelli castani, con qualche meches bionde. Ho gli occhi verdi.. Mio padre... mi picchia spesso e si droga ....

Eih, io sono Sofy.. sono nata a Carpi.. ma vivo a Roma con mio padre.. da quando mia madre è morta..
Io sono una ragazza solare.. . ho i capelli castani, con qualche meches bionde. Ho gli occhi verdi..
Mio padre... mi picchia spesso e si droga ....
La mattina mi sveglio con un grande frastuono.. mi alzo e sbatto contro una testa... era mio padre che urlava.. è sicuramente ubriaco -.-''...
Papa: che cazzo fai????
Io: ma papà, stavo dormendo!
papà: zitta e lavora!
io: ma ho la scuola!
papà: non mi contraddire signorina!!!! -.-''
io: papà.. adesso io vado a scuola..
papà: sisi! vai vai! e non tornare prima delle 15:00! capito??!!!
io: sì.. ho capito...viene lei oggi..-.-
papà: ti da fastidio se mi porto una puttana a letto? -.-.
io: si!
Mio padre mi afferra per i polsi e mi sbatte al muro
papà: TU NON PUOI CAPIRE!!!!!
io:...
papà:IO HO BISOGNO DI QUALCUNO! TUA MADRE ERA SOLO UNA LESBICA!
io: LA MAMMA NON ERA LESBICA! AVEVA IL CANCRO CAZZO!
papà: NON MI PARLARE COSI' SIGNORINA!
Quando di papà non c'è traccia.. vado al bagno.. e osservo quei lividi.. troppi lividi... le gambe e le braccia sono piede.. ho un enorme livido sulla testa.. esco di casa e tutti mi fissano.. e a un certo punto.. arriva mio padre con la sua "porca"!.
lei:oh ma guarda chi c'è! -.-
io: oh ma cia lesbicona!
papà: che cazzo hai detto?
Papà mi inizia a tirare calci a raffica e io cado in terra. urlando.
Io: PAPA' PIANTALA!
papà: VAfFANCULO!
Io: PAPA'!
papà:MUORI!
piango... e soffro.. ma a un certo punto.. uno sparo...
(continua)
Papà si avvicina a me.. mi tira calci nella pancia.. sputo sangue.. lui continua...ma poi.. si allontana.. e.. con una rincorsa.. mi sferra un calcio... rimbalzo contro il muro e atterrò sul pavimento....a quel punto piango.. tanto e mio padre esce sbuffando.. e prendendo uuna bottiglia di "vodka"..



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: