ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 31 marzo 2013
ultima lettura martedì 22 gennaio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

RISORGEREMO

di DOMENICO DE FERRARO. Letto 367 volte. Dallo scaffale Viaggi

0 0 1 276 1574 Privato 13 3 1847 14.0 544x376 Normal 0 14 false false false IT JA X-NONE ...........

RISORGEREMO

Sotto i pini piegati dal vento risorgono le parole tradite, trasportate dal vento marino ,confuse nel rumore delle onde che in lontananza s'odono flebile tramutandosi in concetti e intendimenti vari. Il volto insanguinato della città che divora le sue genti che distrugge, ammazza, irresponsabile nel viaggio che rincorre le ore relegando lo spirito in una dimensione oscura ed irreale . Un dormire silente un vago ruggire. Prima di ogni tempo prima di oggi di ieri forse prima di questo momento costruito nella logica del caso filato sull'essenza, sull'andare per altri lidi invocando il nome tuo. Tutto si costruisce ed ogni cosa riesce nel bene e nel male nella prosopopea perseguita ,quanti morti galleggiano sulle acque del canale che congiunge il lago al mare, la terra al cielo ,gli inferi al paradiso. In circuiti momenti personali ,confusioni, pensamenti diversi arrampicandosi sul monte della pietà, la misera conclusione di una società senza domani. Conseguenza di una politica fatta a tavolino bevendo vino giocando a carte tutto si dissolve e vano presagire la fine ,l'inizio di una nuova era.Se quanto fosse vero così sempre sarà ricordando il nome tuo ivi risorto tra vivi e i morti . Questo lungo calvario, questo cercare tra i diseredati un senso plausibile una scelta che faccia cambiare la ragione e l'essere simili. I giorni finiscono e ritornano a nascere con nuovi volti , nuovi uomini, nuove civiltà ancora altre guerre e altri orrori .Fino a quando avremo coraggio di reagire al male che ci assedia, assise al fianco dei potenti dell'invidia e della crudeltà, l'immagine dolorosa della madre piegata sul corpo del figlio suo morto oltrepassa il tempo d'intendere e volere, di comprendere perché tutto ciò che accade non ha giustifica se non è spiegato ed perdonato con se stesso in se stesso.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: